Discorso agli sahaja yogi

Hong Kong (China)

Send Feedback
Share

Discorso agli yogi. Park Lane Hotel, Hong Kong, 18 Dicembre 2001.

Sono così felice di sentire tutti voi cantare queste canzoni che si cantano in tutto il mondo (i Sahaja yogi di Hong Kong avevano cantato dei bhajan per Shri Mataji). Adesso siete diventati parte integrante di questo Tutto. Abbiamo Sahaja yogi ovunque. In America sono stata sorpresa di scoprire che 300 Sahaja yogi erano rimasti illesi in questa crisi. Non si è perso nemmeno un Sahaja yogi. È notevole come alcuni di loro fossero in ritardo, alcuni siano corsi giù (dalle Torri Gemelle, il giorno degli attentati) e altri abbiano iniziato a correre nella direzione opposta. Tutti loro sono Sahaja yogi. Molte persone sono morte in America, ma nessuna di loro era un Sahaja yogi. È notevole il modo in cui il Divino si prende cura di voi e vi protegge.
…Che voi, tutti voi, siate venuti fino qui, specialmente i cinesi…Sento che possiamo fare molto. Loro hanno già una tradizione del Tao. Non so quanti di voi abbiano letto il Tao. L’avete letto? Qualcuno? In realtà, il Tao è il Sahaja yogi, e descrive le sue condizioni mentali e tutti i problemi che ha in modo così bello che se lo leggete, sentirete che voi…tutto questo è descritto molto bene.
Per qualche motivo, il Taoismo non è stato praticato ed è diventato soltanto un libro oggetto di controversie per tutti gli studiosi, solo questo. Ma adesso credo che lo stiano riportando in vita. Mi hanno detto che adesso, in Cina, la religione del Tao è stata accettata e la stanno praticando, così possiamo farlo anche noi. Noi siamo seguaci del Taoismo. Possiamo farlo funzionare perché sotto il comunismo hanno abolito molte religioni e non volevano avere un culto. Possiamo tornare ad essere del Tao e possiamo dire di essere taoisti. Non avranno alcuna obiezione a questo. Anche loro stanno ricercando.
…Sono rimasta sorpresa che uno dei…il signor Li, che credo fosse il Primo Ministro della Cina. Lui era stato lì e c’era una fotografia che mi ritraeva insieme a lui, gli austriaci avevano quella foto. Poi il signor Li si recò in missione ufficiale, e allora i Sahaja yogi andarono ad incontrarlo e gli mostrarono la foto e lui disse: “Sì, mi ricordo di questa signora. Ha una personalità notevole.” Non so cosa gli abbia fatto pensare questo, ma ha detto: “Mi piacerebbe sapere come ci siete arrivati. Loro risposero: “Lei è il nostro Guru, è questo, e ha fatto questo per noi.”
Ne fu molto toccato, quindi disse al suo addetto agli Affari Culturali di venire ad incontrarmi, perché lui non aveva tempo e io non ero nemmeno lì: “Devi incontrarla e informarti su di lei,” sebbene fossero comunisti e tutto il resto. Allora lui venne a trovarmi, chiuse gli occhi e la sua Kundalini si alzò. A quel punto gli ho spiegato tutto sull’argomento. Lui diceva che nel suo paese c’era il Tao. Fu molto rispettoso, doveva venire alle 10, ma alle 9,30 era già arrivato. Diceva che in Cina c’è un grosso equivoco riguardo alla religione: “Eravamo comunisti, adesso gradualmente abbiamo iniziato un processo democratico, quindi vogliamo almeno fare…Mi insegni.” Gli risposi: “D’accordo”, gli ho dato la realizzazione e lui è ancora lì, in Cina. Come si chiama? Se vi capita di andarci, potete incontrarlo. Ha iniziato lì con un piccolo gruppo, portandolo avanti. Qualche volta mi piacerebbe incontrare anche il signor Li fuori dalla Cina. Sono sicura che funzionerà molto bene.
Ciò che ho apprezzato dei cinesi è che erano estremamente umili, molto rispettosi. Poi sono andata ad una loro conferenza delle donne. Ci avevano mandato tre ragazzi; ci diedero un intero piano di un grande albergo dove alloggiare. Non so perché avessero organizzato tutte queste cose, mi mandarono due auto, una per la mia sedia a rotelle e una per me. E questi ragazzi correvano di qua e di là portandomi in posti diversi. Molto, molto bello.
Uno di loro mi disse: “Madre, domani non verrò.” Chiesi: “Perché, cosa c’è?” “Domani mi devo sposare.” Gli dissi: “Stai per sposarti e passi tutto il tempo con me?!” Rispose: “Ho provato moltissima gioia.” Anche quando andai alla conferenza, mi ci portarono così velocemente che non ci fu tempo…e quando mi recai all’aeroporto vennero anche loro. Avevano le lacrime agli occhi. Erano persone molto amorevoli, molto carine. Avevano sofferto molto.
Ma qui voi siete stati bene. Voglio dire che è ancora un paese democratico e dobbiamo, muoverci nel modo giusto. Mi dispiace che alcuni dei nostri Sahaja yogi si siano persi. Penso che fossero degli stupidi. Non comprendono molte cose. Voglio dire che desideravano starsene per conto proprio e tutto il resto. Dovete essere connessi all’albero principale. Se non siete collegati con l’albero principale, come crescerete? Conosco tutti, cosa stanno facendo, cosa non va in loro. So tutto di loro. Non spetta a loro decidere a questo proposito, ma erano molto nuovi ed erano venuti in Sahaja Yoga per la prima volta. Inoltre, penso che avessero molte tentazioni.
Dobbiamo, quindi, diffondere Sahaja Yoga.
Adesso fortunatamente qualcuno, alcuni Sahaja yogi, hanno incontrato Bush, gli hanno parlato di Sahaja Yoga e gli hanno dato la realizzazione e tutto quanto. Bush è rimasto così colpito che ha preso a scrivermi. Mi ha detto di volere dei libri ed io, quando lui era indeciso, gli ho detto cosa fare. (Lui ha detto di non essere) una persona dotata di spiritualità, ed era scoppiata la guerra. Gli ho scritto, in una bella lettera, che doveva combattere, perché se si è una persona spirituale si avranno più possibilità…Quando sono andata in America erano molto turbati. Hanno organizzato la nostra accoglienza. Lui ha mandato venticinque persone ad incontrarmi. Era sempre preoccupato per la mia incolumità e si è preso cura di me. Ogni cosa che gli ho scritto, l’ha usata nei suoi discorsi. Ha adoperato molte parole che gli avevo scritto.
Ho visto alcune persone molto importanti…Mi riconoscono davvero. In India, ad esempio, un ministro degli Interni nutre un enorme rispetto nei miei confronti. È venuto a casa mia e ha avuto la realizzazione. Devo dire che in Australia è venuto anche un primo ministro (David Lange, Nuova Zelanda).
In India abbiamo un leader di nome Bal Thakre. È un uomo così buono, molto forte. Si è opposto a tutti i musulmani che organizzavano piani contro l’India. È un fatto, ci sono. Era solito dire che si deve stare attenti con i musulmani. Convertivano la gente, ma quanti problemi hanno creato! Lui era così buono, così dolce. Ma la gente diceva che era ateo. Invece era il primo uomo ad essere…eccetto il ministro degli Interni. Anche lui era molto attaccato a me. Un giorno venne a casa mia in elicottero. L’elicottero ondeggiava così. Gli chiesi: “Perché sei venuto in elicottero, perché non sei venuto in treno o in macchina?” Rispose: “Oh, no. Ho fatto per lei questa ghirlanda speciale e ho pensato che se fossi venuto in automobile, avrei impiegato così tanto tempo che i fiori sarebbero appassiti, per questo sono venuto in elicottero.” Era così umile in mia presenza. Ma parla molto bene ed è molto noto. La gente lo rispetta molto in India.
Ora è iniziato un nuovo metodo. A causa di queste conversioni in India, hanno preso nella loro trappola soprattutto i poveri musulmani. Non solo, li hanno anche fatti crescere in modo che non siano istruiti. Non sanno niente. Fanno cose sbagliate di ogni tipo. Notate la spaccatura fra le due società. Ma ci sono musulmani in India che sono persone di buon senso. Abbiamo alcuni Sahaja yogi, venticinque giovani musulmani in India. Dicono che è tutta gente persa: “Madre, deve salvarli.” Ma sono molto fanatici. Alcuni di loro sono molto, molto fanatici. Ho detto: “D’accordo, ci proverò.”
Sarete molto felici di sapere che c’è un paese in Africa chiamato Benin e Costa D’Avorio. Sette paesi governati dai francesi. Erano tutti musulmani, ma sono diventati tutti Sahaja yogi. Ho chiesto: “Perché non avete seguito gli altri francesi e non siete cristiani?” “Perché i francesi erano licenziosi, immorali. Quindi abbiamo pensato che fosse meglio essere musulmani.” Erano tutti musulmani. Ora in ventimila sono diventati Sahaja yogi e ce ne saranno molti di più. Anche questi religiosi li hanno ingannati, si sono presi gioco di loro. Sono tutti molto istruiti. Persino il presidente della Costa D’Avorio è un Sahaja yogi. Il presidente stesso è un Sahaja yogi. Potete quindi immaginare come le cose stiano funzionando in tanti paesi. Questo è il tempo in cui la gente sta cercando la Verità, vuole avere la Verità. È così che ora Sahaja Yoga si sta diffondendo molto velocemente in ogni luogo, in ogni paese. Sono rimasta sorpresa di come le cose stiano funzionando in Nigeria. Ovunque andiate.
Ora la gente ne ha abbastanza delle menzogne. Ho scoperto che, in qualche modo, in ogni religione hanno creato delle menzogne e hanno formato dei gruppi. Se avete la Verità, non vi dividerete. Loro hanno creato menzogne, una sorta di…cercano di formare questi gruppi diversi, ed ora questi gruppi sono diventati fanatici e combattono e uccidono. Uccidere è l’unica cosa che gli è rimasta dentro.
Hanno completamente frainteso il Corano. C’è un libro, un bel libro di Javed Khan, ‘Il Corano illuminato.’ L’avete letto? Gli ho detto che queste sono tutte idee sbagliate. Dicono che il Corano sia il risveglio della Kundalini. Ora, voi l’avete tutti, ma lui ha detto che non è possibile, quindi ciò che si deve fare è dedicarsi a questo tipo di religione che è contro Dio. Ed è quello che stanno facendo.
Ma, grazie a Dio, sono andata in America e la guerra si è conclusa molto velocemente e ho parlato loro del Divino…La loro filosofia è che dobbiamo diventare puri. Coloro che diventano musulmani possono esserlo…altrimenti, chi non è musulmano deve essere ucciso. È così che continuano ad uccidere la gente. Spero che capiranno che c’è la Kundalini che si sta diffondendo in tutto il mondo, ed è così che possono salvarsi. Sono così fanatici e così orientati al denaro che non se ne rendono conto. Ma ciò ha scosso il mondo intero. Ora devo dire, grazie a Dio, che la guerra è finita. La gente deve soffrire le conseguenze di questa guerra.
In Sahaja Yoga non dovremmo diventare fanatici. Persino in Sahaja Yoga ho visto gente diventare molto fanatica. Noi siamo contro il fanatismo. Siamo gente libera. Abbiamo la realizzazione del Sé che è una nascita che avviene dallo Spirito, e non siamo legati a niente. Non farete mai cose sbagliate. Tutte le cose negative scompariranno automaticamente. Non c’è bisogno che vi si dica: “Non fare questo, non fare quello.” Ho visto che dopo un po’ di tempo tutti i Sahaja yogi vanno a posto e rinsaviscono. Sono certa che anche coloro che se ne sono andati torneranno, perché vedete, dopo tutto c’è la Kundalini. Lei sta seduta lì, e sale continuamente. Li corregge. Molte volte, e accadrà ovunque. La gente viene in Sahaja Yoga, dopo un po’ scompare, di nuovo torna…Ma una volta che ci sono dentro, sono parecchi. È così che Sahaja Yoga sta crescendo.
Sono molto felice di vedere che anche a Hong Kong Sahaja Yoga è sostenuto da voi, e sono certa che crescerà, soprattutto in Cina. Sono molto felice. Dovete fare molto per la Cina e fare funzionare tutto, perché questo è il messaggio del Tao. Non è qualcosa di completamente nuovo. L’unica cosa che io ho fatto è renderlo un’organizzazione di massa, un movimento di massa. Ecco cos’è. È la stessa cosa. Tutti i grandi sufi, tutti i grandi santi, le incarnazioni, tutti loro hanno detto la stessa cosa: “Cerca te stesso, trova te stesso, conosci te stesso.” Hanno detto tutti la stessa cosa. Io non sto dicendo niente di nuovo. L’unica cosa è che posso attuarlo. Ecco tutto.
È qualcosa che dobbiamo far funzionare, parlandone e dicendolo alla gente. Sono rimasta sorpresa quando stavamo venendo qua con la Cathay (compagnia aerea), Avinash ha iniziato a parlare con la hostess e con altra gente. Sono venuti tutti da me, uno ad uno. Hanno detto: “Lei è una persona molto potente,” e cose di questo tipo. Hanno avuto tutti la realizzazione. È così che si diffonderà. Dobbiamo dirlo a tutti, dirlo a chiunque e non sentirci timidi. Ho visto che chi va dai guru, parla sempre del proprio guru, che magari è un demonio o qualcosa del genere. Ne parla continuamente. Anche noi dovremmo parlarne e dirlo alla gente. Questa è la Verità. Dovete conoscere la Verità. Parlatene.
Certo, ci sono persone che criticano; va bene, sono tutte falsità, si dissolverà tutto.
Sono molto felice di vedervi tutti qui. Ancora e ancora grazie tante.
(Offerta di fiori, e ringraziamenti a Shri Mataji)
Sapete, i fiori che avete messo nella mia stanza sono automaticamente diventati grandi, molto grandi. Loro lo sanno. Nel nostro giardino a Cabella è cresciuta una zucca grande così. Pesa tredici chili. Tutto il paese è venuto a vederla!

Grazie tante. Siate felici.