Programma Pubblico al Caffè della Versiliana Versilia (Italia)

S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I Programma Pubblico al Caffè della Versiliana Versilia, 29 Agosto 1999 Romano Battaglia: ….Arriva a fine millennio. È l’ultima Versiliana di questo millennio. Prego.  Shri Mataji: Mi inchino a tutti i ricercatori della verità. Se state davvero cercando la verità, questo di fine millennio è il momento migliore in cui potete davvero capire cos’è la verità. Abbiamo però un problema: quando nasciamo, abbiamo l’eredità che ci proviene dal regno animale, potremmo dire, poiché ci siamo evoluti dagli animali. Per questo motivo, abbiamo ancora molte caratteristiche derivanti dal nostro retaggio. Per prima cosa il desiderio di sopraffare, di arraffare, oppure l’aggressività, tutto ciò proviene da lì. Ci sono molte cose che abbiamo ereditato da loro (dagli animali). Ora però abbiamo un altro problema, poiché pensiamo; e, pensando, giustifichiamo qualunque cosa sbagliata facciamo. E per questo continuiamo con ogni genere di aggressività e a tormentare in ogni modo gli altri. Ma, essendo esseri umani, non è questo che dobbiamo realizzare. La verità è che tutti possiamo evolvere da tutto ciò. Per questo dobbiamo diventare lo Spirito. Noi non siamo questo corpo, questa mente, queste emozioni, questo intelletto, ma siamo puro Spirito. Dobbiamo avere fiducia in questo. In realtà, per superare queste tendenze (negative) degli esseri umani, furono create le religioni. Ma adesso, anche le religioni sono finalizzate al denaro o al potere, non allo Spirito. Quindi il problema resta invariato. Ora, ciò che Read More …

Guru Puja Campus, Cabella Ligure (Italia)

(07/2020 SOTTOTITOLI, traduzione revisionata) S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I Guru Puja “Assimilare la conoscenza assoluta” Cabella Ligure, 1° Agosto 1999 Sono ormai passati dieci anni dal nostro arrivo a Cabella. Potete dunque immaginare quanto, in questi dieci anni, siamo riusciti a progredire in Sahaja Yoga. Ebbene, oggi celebreremo il Guru puja. Come ho già detto, voi siete tutti guru e volete venerarmi in quanto vostro Guru – va bene – ma la cosa più importante da comprendere è che siete indubbiamente diventati guru in quanto avete la conoscenza. Voi avete la conoscenza assoluta, pertanto possiamo dire che siete divenuti guru, non v’è dubbio. Ma occorre comprendere che avete raggiunto uno stato in cui potete alzare la Kundalini, potete dare la realizzazione agli altri. Inoltre sapete cosa sia la conoscenza assoluta. Avere la conoscenza assoluta è fondamentale, ed assimilarla è ancora molto più importante. Noi, anche se abbiamo la conoscenza assoluta, non riusciamo ad assimilarla molto bene. Ciò significa che non riusciamo ad approfondirla. Quale ne è il motivo? Dobbiamo renderci conto che ci siamo tutti sviluppati da un retaggio che era quello del regno animale. Voi vi siete evoluti dal regno animale, pertanto ci sono molti aspetti del retaggio animale che persistono in noi: aggressività, dominazione, irritabilità, paura, avidità. Abbiamo ereditato tutti questi (difetti) ed essi perdurano dentro di noi. Ci si vuole appropriare delle cose che appartengono ad altri; non voi, certamente no, Read More …

Sahasrara Puja “La nostra consapevolezza deve diventare il Paramchaitanya”  Campus, Cabella Ligure (Italia)

(05/2019 SOTTOTITOLI) S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I  Sahasrara Puja  “La nostra consapevolezza deve diventare il Paramchaitanya”  Cabella Ligure, 9 Maggio 1999 Oggi ci siamo riuniti qui per celebrare il Sahasrara Puja. La parola Sahasrar, sahastr, in sanscrito significa mille. E nel nostro cervello ci sono mille petali, che vengono illuminati. Naturalmente i medici discutono su questo punto, ma dimenticatevi di loro. Ora, questi petali sono pronti per l’illuminazione ed in realtà sono i nervi, i mille nervi che esistono per l’illuminazione del cervello. Così, quando la Kundalini ascende, illumina questi mille nervi che diventano – come vedete qui la forma di queste fiamme – simili a dei petali. Ed è questo il motivo per cui è chiamato Sahasrara. È il centro del Sahasrara. Negli esseri umani è un centro molto importante, poiché è l’unico mediante il quale pensiamo e cerchiamo di bloccare tutto quello che non ci piace. È il centro che reagisce: reagisce in modo tale che, senza alcun discernimento, ci mettiamo a dire di no a questo e a quello, anche su cose insignificanti. Qualcuno, per esempio, potrebbe dire: “Non mi piace questo tappeto; non mi piace questa casa; non mi piace quello”. Questo modo di esprimersi indica di per sé: “Chi siete voi?”. Per prima cosa scopritelo. Ma non potete diventare voi stessi fintanto che il Sahasrara, il cervello, non si apra e la Kundalini non diventi una cosa sola con Read More …

Discorso precedente il Sahasrara, “La musica procurerà gloria a Sahaja Yoga” Campus, Cabella Ligure (Italia)

(05/2019 SOTTOTITOLI) S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I Discorso precedente il Sahasrara “La musica procurerà gloria a Sahaja Yoga” Cabella Ligure, 8 Maggio 1999 [Al termine dello spettacolo musicale e del “Flauto Magico”] A volte le parole non riescono ad esprimere i sentimenti di profonda gratitudine per tutti voi, per aver profuso questo sforzo collettivo ed aver realizzato un così splendido lavoro concentrato, una vera opera d’arte. Avevo visto “Il Flauto Magico” molto tempo fa quando mi trovavo a Berlino e, a quel tempo -naturalmente non capivo il tedesco, ma fui totalmente rapita dal ritmo, dalla musica, dalla sintonia e da ogni cosa. Quindi, per il modo in cui avete fatto vivere questa meravigliosa opera d’arte, mi sento davvero molto grata a voi poiché siete tutti sahaja yogi; e per come i sahaja yogi hanno interpretato questa magnifica, straordinaria opera d’arte, non so davvero chi ringraziare. Infatti adesso posso vedere il nostro futuro: andremo in tutto il mondo a portare questa musica. E magari non questa, magari un’altra, ma siete tutti un gruppo così straordinario che potete superare davvero chiunque altro rappresenti tutte queste opere liriche, ovunque. In effetti direi che a Londra è molto facile avere la sala che è usata soprattutto per l’opera, la Royal Albert Hall. Quindi possiamo riservarla per voi e realizzeremo il tutto. Insomma, non avrei mai potuto immaginare che foste dei tali maestri. Non direi professionisti, ma proprio dei Read More …

Diwali Puja, Significato del Diwali (Italia)

(11/2018 SOTTOTITOLI) S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I Diwali Puja Significato del Diwali Novi Ligure, 25 Ottobre 1998 Oggi sono davvero felicissima di vedervi tutti qui per celebrare il Diwali Puja. Dovevamo essere in Portogallo ma è andata diversamente, e così siamo qui. Il Puja del Diwali è molto breve ma estremamente significativo. Innanzi tutto, nel primo giorno del Diwali si compra qualcosa per la famiglia, per esempio degli utensili da cucina, oppure un gioiello per la moglie o qualcosa di simile, perché questo è il giorno della donna di casa e, direi, va celebrato in onore della donna di casa. Di conseguenza in India, come sapete, ancora oggi le casalinghe sono molto rispettate. Veramente sono rispettate ovunque. Vi stupirà che ovunque, persino nel protocollo dei ricevimenti governativi, la moglie sia molto importante ed il suo posto a sedere, la sua posizione sia molto rilevante. Ancora oggi nelle nazioni più moderne ed avanzate si ha un riguardo speciale per la donna di casa, anche se non è colta, anche se è una donna molto semplice, non molto moderna. Ho vissuto un’esperienza a Londra durante un incontro al quale fummo tutti invitati, ma la moglie del capo della delegazione era sparita. Così mi chiesero: ”Dov’è? Le è stato riservato un posto a sedere”. Io risposi: “Non so, non l’ho vista, deve essere qui da qualche parte”. Poco prima dell’inizio andai in bagno e fui sorpresa nel Read More …

Discorso della sera precedente il Diwali (Italia)

(10/2016 SOTTOTITOLI) S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I Discorso della sera precedente il Diwali Novi Ligure, 24 Ottobre 1998 Auguro a tutti voi un felicissimo Diwali e un nuovo anno molto prospero. L’intera serata è stata pervasa di una tale gioia e pace che non so come descrivere il modo eccellente in cui i francesi hanno organizzato l’intero evento. In particolare le persone (sahaja yogi) di Sud Africa, Benin, Costa d’Avorio, Kenya e molti altri ancora arrivati da varie nazioni, hanno mostrato il loro talento, la loro gioia, la loro felicità. L’aspetto migliore è che li ho trovati molto ben preparati sui nomi di tutte le deità e su come glorificarle. È davvero sorprendente come Sahaja Yoga si sia diffuso in tutti questi paesi in così breve tempo. In merito al programma presentato dai francesi devo dire che è notevole. L’anno scorso hanno allestito una bellissima rappresentazione su Jnanadeva e, quest’anno, quest’altro (su Giovanna D’Arco, ndt) è stato davvero straordinario. Molto tempo fa ho spiegato loro come Giovanna d’Arco sia stata una persona speciale, benedetta dal Divino; e dovrebbe essere venerata come una dea o una deità che si è presa cura della Francia e della sua indipendenza. Lo ripetevo ogni anno ma non facevano nulla su di lei. Quindi sono stata molto felice di vedere Giovanna d’Arco rappresentata qui. Anch’io, nella mia vita, alla giovanissima età di quattordici e diciotto anni, ho lottato per Read More …

Conferenza medica Versilia (Italia)

(03/2022 TRADUZIONE VERIFICATA) SHRI MATAJI NIRMALA DEVI Conferenza medica Hotel Villa Undulna, Cinquale di Montignoso, Massa (Italia), 2 Ottobre 1998 Romano Battaglia1: Un saluto particolare alla Grande Madre, che è venuta per incontrarvi. Adesso cominceremo subito. (Shri Mataji arriva, fa namasté al pubblico e dice: “Prego, sedetevi”.) Questo è il Suo saluto. Come vedete, (ci sono) fiori dappertutto. I fiori sono un messaggio stupendo. Qual è il messaggio della Grande Madre, Shri Mataji Nirmala Devi? Shri Mataji: (Le viene porto il microfono: “Va bene”) Questi sono giorni di grande tumulto e, come mai prima d’ora, stanno emergendo problemi di ogni tipo: problemi politici, economici, personali e familiari. Ci sono anche complicazioni psicologiche e tutti stanno cercando una soluzione a questo problema. Ci sono anche problemi fisici che i medici devono trattare in gran numero. Anche io ho studiato medicina, quindi so quanto sia difficile superare tutti gli esami. Ciononostante nessuno è arrivato ad una soluzione. Ma se credete in Dio, che è il Creatore, dobbiamo anche credere che Lui ci abbia dato qualcosa per risolvere questi problemi. Ebbene, devo dirvi che il tempo della nostra trasformazione, la svolta nell’evoluzione è arrivata. Come ha detto Cristo: “Cercatemi e mi troverete”. Quindi, nel momento in cui si presentano tutti questi problemi, desiderate cercare la guida del Divino. Ecco, il mio semplice messaggio è che dovete cercare il vostro Sé, dovete conoscere voi stessi. Anche Cristo ha detto: “Conosci te stesso”. A tal fine esiste un dispositivo dentro di noi e, se si Read More …

Navaratri Puja, Saptami – 7° Notte di Navaratri, Dovreste tutti dipendere dal Paramchaitanya Campus, Cabella Ligure (Italia)

(10/2022 SOTTOTITOLI, TRADUZIONE VERIFICATA) SHRI MATAJI NIRMALA DEVI Navaratri Puja Saptami – 7° Notte di Navaratri “Dovreste tutti dipendere dal Paramchaitanya” Cabella Ligure, 27 Settembre 1998 Non potete immaginare cosa provi una Madre di tanti splendidi figli nel vederli così gioiosi e ben sistemati con le proprie famiglie, con i propri bambini. È una grande soddisfazione vedervi tutti così in gioia e in completa unione con il Divino. Occorre tener presente soltanto una cosa: sebbene siate numerosi, a confronto con la popolazione di questo mondo siamo davvero in pochi ad avere la vera conoscenza, l’autentica conoscenza. Voi siete le persone che detengono la conoscenza, non v’è dubbio; ma anche una conoscenza che non sia stata adornata dalla verità, o che non sia la vera conoscenza, non ha significato. Tutto ciò svanisce nel nulla poiché è artificiale. Con il risveglio della vostra Kundalini, voi tutti avete raggiunto quello stato in cui si può affermare che sapete, sapete cosa sia la vera conoscenza. Pensate però a quanti non la conoscono. Noi diciamo, ad esempio, che la nostra conoscenza non è altro che amore. Ma si dovrebbe capire la differenza. La conoscenza in voi, che è amore, si irradia dal vostro essere. Non dovete imporla, non dovete pensarci. Non dovete leggere qualche poesia o entrare in una specie di vena romantica. È semplicemente amore puro che emana, e questa è anche la conoscenza. È così che dovete metterli in relazione. La conoscenza che avete di voi stessi e degli altri è evidente, si Read More …

Discorso ai matrimoni, Principio di Mahalakshmi Campus, Cabella Ligure (Italia)

S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I Discorso ai matrimoni “Principio di Mahalakshmi” Cabella Ligure, 6 Settembre 1998 [Shri Mataji parla alla fine della cerimonia dei matrimoni] Shri Mataji: Sentite? Yogi: Sì. Shri Mataji: È stata un’occasione molto lieta e bella di cui abbiamo gioito tutti profondamente e tutte le spose e gli sposi hanno un aspetto raggiante. Ciò mi fa molto piacere e vi benedico dal profondo del mio cuore. Vorrei dirvi soltanto, dopo il matrimonio, di cercare di renderlo un matrimonio riuscito e amorevole. È molto importante. Abbiamo visto, ad esempio, che sei o sette ragazze di una stessa nazione si sono comportate male ed hanno divorziato. A causa di questo abbiamo praticamente messo all’indice quel paese, poiché riteniamo che ci sia qualcosa che non va in queste signore che hanno infranto, uno dopo l’altro, tanti matrimoni. Deve essere il loro vuoto ego o qualcosa del genere. Questa è stata la nostra esperienza. Ci sono anche altri paesi, dai quali ci sono… troviamo alcuni pessimi esempi fra gli ottimi matrimoni che abbiamo celebrato. Quindi, ciò che ho detto è che se non volete sposarvi non sposatevi. Ma in Sahaja Yoga non vi sposate per voi stessi o per vostra moglie, ma vi sposate per Sahaja Yoga. Quindi, quando litigate, bisticciate o fate varie sciocchezze, state unicamente danneggiando il nome di Sahaja Yoga. Dovete dunque gioire dell’amore reciproco, dei sentimenti reciproci e della gioia della Read More …

Shri Ganesha Puja, Ekakarita Campus, Cabella Ligure (Italia)

(09/2018 SOTTOTITOLI) S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I Shri Ganesha Puja “Ekakarita” Cabella Ligure, 5 Settembre 1998 [Shri Mataji è accolta al Suo arrivo dai sahaja yogi che cantano “Nirmala, Kiti Varnavi Tujhiga Sthuti”] Oggi renderemo omaggio a Shri Ganesha. Penso di avervi detto molto su di Lui e sulla Sua natura, tuttavia tantissimi tra noi non hanno ancora capito quali siano i Suoi poteri e ciò che Lui vuole. Per rispettare Shri Ganesha, occorre capire innanzitutto l’importanza della castità. La castità non deve essere osservata solo dalle donne, ma ancora di più dagli uomini. Se avete rispetto di voi stessi, nel vero senso della parola, adotterete senza difficoltà un comportamento casto. Se invece non avete rispetto di voi stessi, correrete dietro a qualcosa di infimo, di livello molto degradante. Per questo è fondamentale che la castità sia rispettata, compresa e assorbita. L’abitudine a non osservare il protocollo corretto della castità si sviluppa fin dall’infanzia, e dobbiamo stare molto attenti: quando si è in uno stato di Ganesha, non si dovrebbero fare certe cose orribili. Non so da dove si prendano quelle idee. Come vedete, oggi, in tutto il mondo, c’è una crisi della castità. Soprattutto in Occidente abbiamo sentito di innumerevoli casi di abusi sui bambini. In un tempio di Dio non si dovrebbe nemmeno citare questa turpe malattia che ha attaccato la gente. In India invece non ne abbiamo mai sentito parlare, non Read More …

Shri Krishna Puja Campus, Cabella Ligure (Italia)

Shri Krishna Puja (riassunto), Cabella Ligure (Italia), 16 Agosto 1998. Oggi celebriamo il Krishna Puja. Quello che più conta, a proposito dei poteri di shri Krishna, è che lui vi dà lo stato di testimonianza. Il che è molto importante anche perché, in questi tempi di Kali Yuga, in cui c’è una confusione completa per quanto riguarda i valori, ci sono problemi di tutti i tipi che rendono il vivere molto complicato. Lo stato di testimonianza è possibile solo attraverso la meditazione, quando raggiungiamo lo stato di consapevolezza senza pensieri. Sono due cose che vanno insieme: lo stato di testimonianza è lo stato in cui non reagiamo, perché se si reagisce allora cominciano tutti i problemi. É molto facile da capire: reagiamo o attraverso l’ego o attraverso il superego, non ci sono altri modi. Ad esempio qui ora c’è un bel tappeto. Se guardandolo uso il mio ego comincio a pensare: “Dove l’hanno preso? Quanto l’hanno pagato?” Questa è la prima reazione, poi potrei andare oltre e arrivare addirittura all’ira: “Perché hanno portato un tappeto così pregiato? Che bisogno c’era di metterlo qui?” E potrei andare avanti così, una critica dopo l’altra. Se invece guardo sotto l’influenza dei miei condizionamenti, potrei direi: “Ma questo colore non è adatto per un Krishna Puja! Avrebbe dovuto essere di un altro colore per il Krishna Puja!… ” E potrei proseguire, una lamentela dopo l’altra, senza fine. Il che mostra quanto questi condizionamenti siano cresciuti dentro di noi. Tutti i problemi che derivano dai Read More …

Guru Puja Campus, Cabella Ligure (Italia)

S H R I    M A T A J I   N I R M A L A   D E V I Guru Puja Cabella Ligure, 12 Luglio 1998 Oggi ci siamo riuniti qui per celebrare il Guru Puja. La parola guru viene da: “Colui che è magnetico, persona magnetica”. Colui che attrae l’attenzione dei ricercatori è il guru. Significa anche gravità, o, potete dire, una persona molto salda, molto profonda, che ha la conoscenza e può agire come la Madre Terra. Perché anche il potere di attrazione della Madre Terra è  definito magnetismo, ma in sanscrito è Gurutwa karshan, che significa “l’attrazione dovuta alla gravità della Madre Terra”. È proprio un potere della Madre Terra, che ci permette di star ben dritti sulle nostre gambe mentre lei ruota a velocità vertiginosa; altrimenti saremmo tutti spazzati via. Alla velocità con cui si muove, restiamo ancora ben saldi, o padroni del nostro equilibrio, solo perché lei possiede la gravità. Questa gravità deve essere in un guru. Gravità significa una seria comprensione di sé e delle proprie responsabilità. Insomma, un guru deve essere molto stabile. In questi tempi moderni, la gente è molto mutevole, sempre agitata, sempre disturbata. Viene disturbata da piccole cose che accadono qua e là. Incontra gente di nessuna qualità, e ne viene disturbata. Questa facilità ad essere turbati nasce dalla nostra mancanza di gravità. Una persona che abbia gravità non si deprime, né si esalta, né si entusiasma troppo, né è molto triste o infelice. È nel centro, nel Read More …

Shri Adi Shakti Puja Campus, Cabella Ligure (Italia)

(06/2018 SOTTOTITOLI) S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I Shri Adi Shakti Puja Cabella Ligure, 21 Giugno 1998 Guido: Shri Mataji mi ha appena chiesto di condividere con voi l’ultima esperienza della Sua Divina visita in Russia. E devo dire che si è trattato veramente di una svolta straordinaria, perché, alla conferenza scientifica che ha tenuto a Mosca, ha partecipato uno scienziato molto noto, un fisico. Si chiama Anatoly Akimov, ed è molto conosciuto in tutta la Russia ed anche in tutto il mondo. Ed egli ha presentato una teoria che sta elaborando da alcuni anni, basata sul corpo vacuo; ed ha studiato qualcosa di simile al campo di torsione. E lui ha saputo spiegare in un modo molto chiaro, molto scientifico, le vibrazioni che Shri Mataji emette. All’inizio aveva esaminato alcuni yogi che meditavano e si era accorto che emettevano vibrazioni, che c’era un’aura intorno a loro. Ma poi, quando è venuto da Shri Mataji, quando ha visto le Sue fotografie, le fotografie miracolose, allora ha potuto realmente scoprire di cosa si trattava e ha detto che, nel Suo (di Lei) caso, si trattava di qualcosa di infinito, di illimitato. Ed è stato anche molto bello, perché ad un certo punto ha detto: “Da uomo di scienza, devo ammettere che, a tutti gli scienziati che finora hanno fatto scoperte uniche, eccezionali, tutta questa (ispirazione) non è arrivata attraverso un processo scientifico, mediante il cervello, diciamo; Read More …

Sahasrara Puja Campus, Cabella Ligure (Italia)

(05/2017 SOTTOTITOLI) S H R I  M A T A J I  N I R M A L A  D E V I Sahasrara Puja Cabella Ligure, 10 Maggio 1998 Oggi è un gran giorno, poiché il giorno del Sahasrara e quello della Madre coincidono. Ritengo sia un evento molto Sahaj, e dobbiamo comprendere in che modo il Sahasrara e la maternità coincidono. Il Sahasrara è stato sicuramente aperto e ha dovuto farlo la Madre. Infatti, gli altri (santi, Incarnazioni, ndt) venuti prima su questa terra, hanno cercato di insegnare agli esseri umani il dharma, per sospingerli verso il sentiero centrale che porta diritti all’ascesa. Hanno provato tutto quello che consideravano buono per una comunità particolare, per un’area particolare, per un Paese particolare. Ne hanno parlato, e dalle loro parole sono nati dei libri. Ma questi libri, invece di creare persone di natura religiosa, spirituale ed unitaria, hanno creato individui che erano tutti gli uni contro gli altri. È una cosa assurda, veramente assurda, ma è accaduta. Tutti i libri che sono stati scritti, tutta la conoscenza che è stata data, sono stati usati male dagli esseri umani, i quali li hanno adoperati solo per il potere. È diventato un gioco orientato al potere e al denaro. Quando vediamo il risultato di tutte queste religioni, ci accorgiamo che sono vuote. Parlano di amore, di compassione, ma è tutto per uno scopo. A volte è tutto un gioco politico, poiché pensano ancora ad acquisire potere –  non il potere spirituale, bensì Read More …

Navaratri Puja, Sashti – Sesta Notte di Navaratri Campus, Cabella Ligure (Italia)

(10/2016 SOTTOTITOLI) S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I Navaratri Puja Sashti – Sesta Notte di Navaratri Cabella Ligure, 5 Ottobre 1997 [Al Suo arrivo Shri Mataji è accolta dagli yogi che cantano “Durgati Harani Durga Ambe”] Oggi è il sesto giorno di Navaratri. Ci sono state molte incarnazioni della Dea con scopi diversi, distinti tra loro. Ma i grandi santi che adoravano la Madre, nel fare introspezione, si sono resi conto di quanto Lei abbia fatto per noi. L’altro giorno vi ho detto come il dharma rappresenti le valenze innate degli esseri umani, che sono dieci. Esse sono già connaturate in noi; tuttavia noi deviamo, deviamo dal dharma e allora insorgono tutti i problemi, perché allontanarsi dal dharma non è una qualità umana. Ma la Dea stessa ha già realizzato per noi moltissime cose al nostro interno, sebbene non ce ne rendiamo conto. Si dice: “Ya Devi sarva bhuteshu”: “In tutti coloro che Tu hai creato” – vale a dire soprattutto gli esseri umani – “che cosa fai Tu? Sotto quale forma esisti negli esseri umani?”. Fate dunque introspezione per capire se avete quelle qualità in voi o no, perché vi sono state date dalla Devi, dalla Shakti che è dentro di voi. Per esempio: “Ya Devi sarva bhuteshu shanti rupena samsthita”. È molto importante: “Tu esisti negli esseri umani sotto forma di pace”. Trovate esseri umani che abbiano pace dentro e fuori di sé? Read More …

Chaturthi – Quarta Notte di Navaratri, Discorso precedente il Navaratri Puja, Natura ed equilibrio Campus, Cabella Ligure (Italia)

(10/2019 SOTTOTITOLI, traduzione revisionata) S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I Chaturthi – Quarta Notte di Navaratri  Discorso precedente il Navaratri Puja “Natura ed equilibrio” Cabella Ligure, 4 Ottobre 1997 [Durante il programma serale, dopo alcune performance musicali ed una rappresentazione degli inglesi, i sahaja yogi svizzeri presentano uno spettacolo nel quale denunciano apertamente la Banca Svizzera (riguardo al riciclaggio di denaro ecc.). Alla fine recitano la preghiera per la distruzione di “Materasura”, il demone del materialismo:] “Preghiera per la distruzione di Materasura”: Questo è il mondo che nutre la piovra della Banca Svizzera. Questo è il mondo in cui il troppo non è abbastanza. Questo è il mondo in cui la negatività è considerata un vantaggio. Questo è il mondo in cui i santi dicono basta.   1.     Questo è un mondo in cui un miliardo e trecento milioni di persone vivono con un reddito inferiore ad un dollaro al giorno ed in cui il pianeta non ha sufficienti risorse naturali per sostenere su scala mondiale i modelli di consumo della Malesia, per non parlare dell’America. SHRI DURGA, PER FAVORE, DISTRUGGI LE FORZE MALVAGIE CREATE DAL MATERIALISMO. Om Twameva Sakshat Shri Durga Namoh Namaha.   2.     Questo è un mondo in cui il dieci per cento del commercio globale è costituito da droghe e narcotraffico, e ammonta a 100 miliardi di dollari la cifra che annualmente avvelena l’umanità; mentre il riciclaggio di denaro in Svizzera Read More …

Shri Ganesha Puja, Il dharma innato Campus, Cabella Ligure (Italia)

(10/2017 SOTTOTITOLI) S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I Shri Ganesha Puja Il dharma innato Cabella Ligure, 7 Settembre 1997 Oggi adoreremo Shri Ganesha. È stato spiegato tutto di Lui, che è la prima deità creata su questa terra dall’Adi Shakti. Per quanto riguarda la Sua creazione, conoscete la storia, e sapete anche perché gli fu attaccata una testa di elefante. Oggi vi dirò qualcosa di più sottile riguardo a Lui, la Kundalini e la Madre Terra. Egli fu creato dalla Madre Terra, con le vibrazioni di Sua Madre. Ora, noi non abbiamo mai capito il significato della Madre Terra. Osservate la Madre Terra: è Lei che crea fiori meravigliosi di tutti i tipi, di diverse fragranze, caratteristiche, colori e dimensioni, e la varietà degli alberi. Gli alberi, quando crescono, crescono in modo che ogni foglia, ogni foglia dell’albero riceva il sole. Osservate il senso della collettività che ci viene trasmesso dalla Madre Terra. Non ci siamo mai resi conto che è Madre Terra a darci tutto ciò di cui abbiamo bisogno; e il sole aiuta la Madre Terra, coopera e si coordina con Lei. Inoltre, avete visto quella fotografia in cui si vede per metà una Kundalini che scaturisce dalla Madre Terra. Ebbene, che cosa fa per noi questa Kundalini? O meglio, che cosa fa per noi la Madre Terra? La Kundalini esce dalla Madre Terra come un riflesso. E cosa fa dentro di noi Read More …

Serata precedente il Shri Ganesha Puja Campus, Cabella Ligure (Italia)

S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I Serata precedente il Shri Ganesha Puja Cabella Ligure, 6 Settembre 1997 Devo ringraziare la collettività australiana e tutti gli altri Paesi presenti qui, per come hanno organizzato tutto splendidamente. Non hanno sprecato tempo con tutti questi programmi, sapete. Loro… Voi non avete idea di che cosa io  provi quando vedo tutti questi Paesi che ho visitato in passato, e conosco molto bene la maggior parte di voi. Tutta la gioia e felicità che avete ricevuto dal vostro risveglio spirituale, alla luce del vostro Spirito, è molto evidente e risuona splendidamente come onde infinite. Questi sono i sogni che avevo riguardo a Sahaja Yoga, e sono più che realizzati, posso assicurarvelo. Non riesco a capire come sia stato possibile che, fin dall’Australia, Giappone, Taiwan e Vietnam, tutti questi Paesi, oltre ai migliori di tutti, direi, cioè i sahaja yogi della Malesia, siamo riusciti ad organizzare tutto questo con tanta spontaneità e bellezza. In un modo o in un altro ha funzionato, è tutto ciò che posso dire. La Cina… non mi sarei mai aspettata che i cinesi arrivassero a cantare queste canzoni; è davvero sorprendente. Hanno cantato benissimo. Sono stata in Cina, non avevo mai sentito canzoni tanto belle lì; insomma, all’inizio avevo la sensazione che fossero molto rudimentali, ma stavolta si vede che capiscono veramente ciò che si canta. Abbiamo dunque persone da tutto il versante orientale, ed anche Read More …

Shri Krishna Puja, I tabù primordiali e il Dharma sahaja Campus, Cabella Ligure (Italia)

(08/2022 SOTTOTITOLI, TRADUZIONE VERIFICATA) SHRI MATAJI NIRMALA DEVI Shri Krishna Puja I tabù primordiali e il Dharma sahaja Cabella Ligure (Italia), 23 Agosto 1997 Oggi siamo qui per celebrare il Krishna puja. Quando sono arrivata in America volevano che celebrassi un puja a Mahakali, ma ho detto di no, di farmi parlare soltanto di Krishna perché per prima cosa occorre rendersi conto della potenza di questo puja. Come possiamo stabilizzare Shri Krishna dentro di noi? Egli stesso ha detto che ogniqualvolta il dharma decade… Dharma non è quello che intendiamo noi, ossia le assurdità dell’Induismo, Cristianesimo o Islamismo, non è questo. Per dharma si intendono i nostri tabù primordiali, connaturati negli esseri umani. Penso che meglio di noi li conoscessero gli aborigeni; ma ciò che abbiamo fatto è stato dominarli, per cui anch’essi hanno dovuto trasformare il proprio stile di vita. I tabù primordiali si comprendono soltanto se si cerca di comprendere se stessi oppure tutto ciò che proviene dalle tradizioni. Ora, il dharma sahajaè un po’ diverso, nel senso che è molto più elevato non solo dei concetti sahaj di cui parliamo, ma persino di quanto dissero Shri Krishna o Shri Rama. Shri Rama pensò che la cosa migliore fosse impartire, innanzitutto, una disciplina. La gente doveva prendere la vita seriamente, avere una piena consapevolezza del proprio essere, rispettare se stessa. Tutto questo fu prescritto tanto tempo fa. Inoltre, la gente, quando era fondamentalmente gente per bene, capiva che non si dovrebbe fare niente di ciò che è sbagliato Read More …

Guru Puja Campus, Cabella Ligure (Italia)

S H R I    M A T A J I   N I R M A L A   D E V I Guru Puja Cabella Ligure, 20 Luglio 1997 Il Puja di oggi è molto importante per noi. Voi tutti avete ricevuto la Realizzazione del Sé. Avete tutta la conoscenza necessaria per dare la Realizzazione agli altri. Dovete rendervi conto di quel che già avete. È molto importante, perché, se non provate, se non cercate di dare la realizzazione agli altri, per prima cosa non avrete fede in voi stessi. E non avrete neppure autostima. La seconda cosa è che dovete cercare di dare vibrazioni alle altre persone, ma senza restarne coinvolti. Ho visto alcuni troppo coinvolti. Se danno la realizzazione a qualcuno, pensano di aver svolto un grande lavoro e cominciano a lavorare su quella persona, sulla sua famiglia, sui suoi parenti; cose così. Come ormai dovete aver appreso, qualcuno può essere imparentato, può essere più vicino ad una persona, ma non è detto che per questo abbia molte possibilità di ricevere la realizzazione. L’unico modo di crescere è essere collettivi. Non vi è altro modo. Se la gente crede che stando lontani dagli ashram, vivendo da qualche parte da soli, otterrà molto… non è questo il modo di intendere Sahaja Yoga. Nel passato, le persone erano solite andare sull’Himalaya, vivevano in maggioranza isolate, e solo una o due venivano scelte per l’ascesa spirituale. Qui la questione non è la crescita spirituale, ma la crescita del senso della collettività in Read More …

Shri Adi Shakti Puja, Rispettate la Madre Terra Campus, Cabella Ligure (Italia)

(06/2017 SOTTOTITOLI) S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I Shri Adi Shakti Puja “Rispettate la Madre Terra”  Cabella Ligure, 25 Maggio 1997 Oggi celebreremo il Puja all’Adi Shakti. Parlare dell’Adi Shakti è un argomento difficile, infatti non è facile comprendere che l’Adi Shakti è l’energia di Sadashiva. Sadashiva è Dio Onnipotente e Lei è il Suo respiro, come dicono alcuni. Altri dicono che Lei sia il desiderio, altri ancora dicono che sia la totale Energia di Sadashiva e che Sadashiva non possa fare nulla senza i di Lei poteri. Questo tema è stato trattato da molti autori in svariati libri e con approcci diversi. Ma in realtà non è necessario risalire all’origine della creazione dell’Adi Shakti: per questo occorrerebbero almeno sette conferenze (Shri Mataji sorride). Ma arriveremo direttamente al punto in cui l’Adi Shakti iniziò ad operare su questa Madre Terra. La prima cosa che dobbiamo sapere che Lei creò una Kundalini nella Madre Terra e che dalla Madre Terra creò Shri Ganesha; è molto interessante. Madre Terra diventa dunque per noi una cosa molto importante. Se non sappiamo rispettare la Madre Terra, non sappiamo rispettare noi stessi. L’espressione dell’Adi Shakti in voi è la Kundalini, indubbiamente. Quello è il riflesso dell’Adi Shakti in voi. Ma questo riflesso nella Madre Terra si esprime anche, come sapete tutti, in diversi luoghi, diversi paesi, diverse città che sono la manifestazione dei chakra e delle creazioni dell’Adi Shakti. È Read More …

Discorso precedente il Shri Adi Shakti Puja Campus, Cabella Ligure (Italia)

(06(2017 SOTTOTITOLI) S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I Discorso precedente il Shri Adi Shakti Puja Al termine del Programma di intrattenimento serale organizzato dagli spagnoli Cabella Ligure, 24 Maggio 1997 È stata una serata molto, molto gioiosa per tutti noi. E ringraziamo tutti quanti hanno realizzato i vari spettacoli per tutti noi. Sono davvero sorpresa perché la volta scorsa non mi è stato possibile andare in Spagna, nonostante mi avessero invitata; ma penso che in qualche modo, laggiù, Sahaja Yoga abbia messo radici, (infatti) adesso ci sono molte persone coinvolte in Sahaja Yoga. Ritengo, e ho sempre considerato di grande importanza, che in luoghi come la Spagna ci siano molti più sahaja yogi, poiché è una nazione visitata da tanta gente, è molto cosmopolita e c’è anche una forte influenza turca. Nonostante questo, l’abbiamo trovata non molto incoraggiante (Shri Mataji ride) e Josè era molto contrariato di tutto questo. Ha detto: “Madre, che cosa è accaduto a questa gente qui?”. Ora però va bene, come vedete, è molto incoraggiante: abbiamo tanti meravigliosi cantanti, musicisti dalla Spagna e sono venuti qui in molti per intrattenervi con la loro splendida, melodiosa musica. Il loro ritmo, in particolare, è qualcosa di realmente straordinario. La musica indiana ha un ritmo tutto suo, ma è molto vincolata dai suoi sistemi; mentre qui trovo una libertà assoluta di suonare come preferite, (di suonare) la tabla come volete, secondo i vostri schemi ritmici. Read More …

Sahasrara Puja Campus, Cabella Ligure (Italia)

S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I Sahasrara Puja Cabella Ligure, 4 Maggio 1997 Oggi ci siamo riuniti tutti qui per adorare il Sahasrara. Come vi siete resi conto, il Sahasrara è una parte molto importante del sistema sottile. Di certo è stato un gran giorno quello in cui, nel 1970, questo chakra è stato aperto. Ma dobbiamo comprendere che cosa abbiamo conseguito con ciò. Prima di tutto, quando la Kundalini sale, entra nel vostro Void, dove risiede il vostro dharma; e il vostro dharma si stabilizza a livello del Nabhi chakra, diciamo, nella zona che circonda il Nabhi chakra. Il vostro dharma, ossia l’innata Pura Religione Universale, viene stabilizzato. Viene instaurato. Poi però la Kundalini sale ancora. Nonostante l’instaurazione del dharma, cominciamo a prendere un po’ le distanze dalle altre società, perché ci accorgiamo che sono sbagliate e prive di dharma. Penso che temiamo anche di poter prendere dei blocchi a causa dei loro a-dharma. Pertanto, in questa fase (iniziale) non vogliamo varcare i confini (della cerchia) di Sahaja Yoga, vogliamo soltanto frequentare i sahaja yogi, frequentare i programmi di Sahaja Yoga e attenerci alla nostra vita personale Sahaj. Certo, questo è importante perché, prima di tutto, occorre nutrire pienamente questo chakra che ruota intorno al Nabhi e che conosciamo come Swadishthana. Il chakra dello Swadishthana è per certi versi molto importante in quanto fornisce energia al cervello. Quindi, quando il dharma è stabilizzato, l’energia Read More …

Discorso precedente il Sahasrara Puja Campus, Cabella Ligure (Italia)

S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I Discorso precedente il Sahasrara Puja Cabella Ligure, 3 Maggio 1997 Il programma di oggi è stato davvero molto gioioso, davvero magistrale. Devo dire che il merito va ai tedeschi e agli austriaci per aver fatto tutto in modo così perfetto. Per la prima metà siamo rimasti stupiti di come degli occidentali sappiano suonare così bene i raga indiani con strumenti indiani. È una cosa impossibile. Insomma, in India impiegano almeno da dieci a dodici anni per raggiungere quel livello, mentre loro nel giro di tre mesi hanno ottenuto così tanto. E Babamama diceva che forse è grazie alla loro realizzazione che imparano tutte queste cose in tre mesi. Io stessa sono rimasta sorpresa di come lui sia riuscito a suonare così bene dopo tre mesi. Poi anche altre esibizioni sono state molto interessanti per come, ad esempio, hanno mostrato l’ottima direzione di questa musica. Intendo dire che si devono pagare cinquanta dollari per vedere un programma come questo! (Risate) E (si sente di) dover stare in silenzio assoluto e di stare seduti fissi permanentemente al proprio posto, come se… E questo è stato così notevole e così professionale, realizzato in modo così bello, senza errori da nessuna parte, in tale unisono! Anche questa (forse) è una benedizione di Sahaja Yoga, non so. Nessun conflitto, niente; invece a volte si scopre, andando ad esempio al concerto di una grande orchestra Read More …

Visita alla scuola Sahaja, L’avvenimento interiore – discorso ai sahaja yogi, Magliano Sabina Ashram, Magliano Sabina (Italia)

(11/2022 TRADUZIONE INEDITA) SHRI MATAJI NIRMALA DEVI L’avvenimento interiore – discorso ai sahaja yogi Visita alla scuola Sahaja Ashram di Magliano Sabina, Rieti (Italia), 26 Ottobre 1996 [Shri Mataji arriva all’ashram in macchina, accolta dai bambini dell’asilo Sahaja e dai sahaja yogi, che cantano il bhajan da Lei composto, “Binati Suniye”.] Adesso siamo qui seduti circondati dalla natura. Qui c’è una natura meravigliosa. E questa natura ci insegna molte cose. Non occorrerebbe avere norme e regole, se riuscissimo ad imparare qualcosa da questi alberi e dagli altri elementi della natura. Tutto questo vi dà un’idea molto chiara di un corretto equilibrio nella vita. Qui abbiamo dei bambini piccoli, e questi bambini cresceranno diventando grandi alberi, immensi alberi di amore e compassione. Guardate come sono compassionevoli gli alberi: essi consentono ad ogni foglia, ad ogni singola foglia di ricevere la luce del sole. E sono di diversi colori, di diverse sfumature; ed anche i fiori che ci sono. Allo stesso modo, il Divino ha creato voi con diverse forme e colori, (per Lui) non fa alcuna differenza. Ora, io so che questi bambini piccoli, così dolci, saranno grandissimi sahaja yogi, forse migliori dei loro stessi genitori, perché hanno appreso le leggi della natura fin dalla prima infanzia. Sanno ciò che è bene e ciò che è male. Adesso sto per recarmi in un paese che si trova ad affrontare il problema del fondamentalismo1. Questi fondamentalisti dicono che, se non si adotta il fondamentalismo, gradualmente tutta la moralità andrà perduta perché, se Read More …

Navaratri Puja, Ashtami – Ottava Notte di Navaratri Campus, Cabella Ligure (Italia)

(10/2019 SOTTOTITOLI) S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I Navaratri Puja Ashtami – Ottava Notte di Navaratri Cabella Ligure, 20 Ottobre 1996 Oggi, come sapete, è un giorno speciale: veneriamo la Dea venuta già nove volte su questa terra per uccidere tutti i demoni e tutta la negatività, e rendere i devoti (bhakta) liberi di adorare. Tutto il Suo lavoro è già stato descritto. Nonostante ciò si scopre che sono tornati dei nuovi demoni, un nuovo genere di persone negative. Forse doveva essere così. Forse doveva essere così, dopotutto questo è il Kali Yuga; e la rappresentazione del Kali Yuga non avrebbe avuto luogo senza di loro. Dunque sono venute per portare la commedia a compimento. Ma questa volta sarà una guerra di tipo molto diverso: sarà la guerra della gente pacifica. E la gente pacifica è quella di maggior successo in ogni ambito della vita, persino in guerra. Non era andata così, finora. Si dice che, quando Gengis Khan arrivò (in India), sia entrato in un grandissimo monastero di buddisti vicino a Gaya[1] ed abbia massacrato tutti. C’erano circa trentamila buddisti lì, i quali non dissero una parola e furono uccisi tutti. Per questo la gente iniziò a non credere nel buddismo. Si domandava: “Ma che specie di buddismo è questo? Perché Buddha non li ha salvati?”. Questo è un modo di pensare umano. Buddha avrebbe dovuto salvare quelle trentamila persone pacifiche, la cui resistenza Read More …

Shri Ganesha Puja Campus, Cabella Ligure (Italia)

S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I Shri Ganesha Puja Cabella Ligure, 15 Settembre 1996 Oggi adoreremo Shri Ganesha. Sento che questo è un momento molto opportuno per farlo, oggi che l’innocenza, soprattutto nei Paesi europei e americani, viene attaccata. Non vi è rispetto per l’innocenza, nessuna considerazione per l’innocenza. Non capiscono quanto sia importante, per l’esistenza umana, che l’innocenza sia rispettata interiormente ed anche esteriormente. La vita umana è diversa da quella animale. Gli animali sono controllati continuamente o, possiamo dire, completamente sottomessi, asserviti al volere del Signore Sadashiva. Per questo Egli è chiamato Pashupati. Agli esseri umani, invece, è stata data la libertà di scegliere l’ascesa, di scegliere ciò che è giusto, la verità. Soltanto attraverso l’innocenza è possibile conseguire tutto questo. Soltanto l’innocenza è fonte di gioia. Senza innocenza non si può gioire pienamente di nulla. Questa innocenza oggi viene totalmente sfidata, e per distruggerla si stanno adoperando, a livello molto sottile, persone molto negative, crudeli, criminali. Se si dice che le loro menti sono possedute, non sembra vero, infatti per altri versi sono molto intelligenti. In un certo senso sono anche persone creative per quanto riguarda cose orribili. Quindi non si può dire che non siano intelligenti. Ma da dove traggono questa conoscenza per fare qualcosa di così raccapricciante? In questo Kali Yuga, come anche in Sahaja Yoga, può nascere chiunque. Vi è libertà. Non era mai accaduto così tanto che sulla Read More …

Shri Krishna Puja, Cultura Sahaja Campus, Cabella Ligure (Italia)

(09/2018 SOTTOTITOLI) S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I Shri Krishna Puja “Cultura Sahaja” Cabella Ligure, 1 Settembre 1996 Oggi renderemo omaggio a Shri Krishna. Avete visto come faceva freddo verso le tre. Il motivo è che Shri Krishna aveva fatto un piccolo dispetto a Indra – Indra è una deità, o meglio, un semidio che governa la pioggia – così Indra si è arrabbiato molto. Sapete, tutti questi semidei sono molto suscettibili, si irritano e si innervosiscono per un nonnulla e si mettono ad usare i loro poteri per manifestare la propria collera. Così lui cominciò a far piovere a dirotto su tutti i gopa e su Shri Krishna che stavano sorvegliando le mucche. La pioggia era tanto violenta che pensarono che avrebbe sommerso completamente l’intero territorio. Indra era molto soddisfatto di rovinare il gioco di Shri Krishna e pensava di esserci riuscito con successo. Allora Shri Krishna sollevò una montagna con un dito e tutti coloro che stavano per essere sommersi si rifugiarono sotto la montagna. Questo è lo stile di Shri Krishna. Il mio stile è diverso. Ho detto a Indra che non può comportarsi male con me, non può, dato che finora io non l’ho offeso e non l’ho irritato in alcun modo. Certo, si celebrerà il puja di Shri Krishna, ma questo non significa che lui (Indra) debba cercare di esibire i suoi poteri davanti a me. A volte mi chiedo Read More …

Discorso precedente il Shri Krishna puja Campus, Cabella Ligure (Italia)

S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I Discorso precedente il Shri Krishna puja Cabella Ligure (Italia), 31 Agosto 1996 [Tre musicisti indiani suonano insieme, una violinista, un flautista e un tablista. Durante la loro performance, ad un certo punto, loro dicono che suoneranno un pezzo musicale – bhajan – il cui testo è stato composto da Babamama, ma Shri Mataji commenta in hindi che è stato scritto da uno svizzero. Il bhajan è “Isi Liye”. Poi, dopo questo brano musicale, Shri Mataji parla al microfono] (min. 1.29.47) Sangita (violinista): Adesso vorremmo suonare un bhajan tradizionale, molto famoso, che è uno dei preferiti di Shri Mataji. Lei ci aveva chiesto di suonarlo: “Thumaka Chalata Ramachandra Baajata painjaniyaan[1]”. Shri Mataji: Adoro questo speciale bhajan che adesso suoneranno per voi. È stato scritto da un grande santo, Tulasi Dasa (Tulsidas, ndt). Qui c’è la descrizione della camminata di Shri Rama da piccolo, del modo bellissimo e particolare in cui camminava. E come cadeva e si rialzava; tutta quella descrizione di (lui da) bambino. Non mi pare di aver visto nessuna poesia di questo genere in ambito occidentale in cui si descriva il modo in cui cammina, in cui corre un bambino piccolo; sapete, questa è una cosa importantissima da comprendere. Non so riguardo agli italiani, perché loro provano molto amore per i bambini. Ma è magnifica la descrizione di un piccolo bambino che si rialza; e Lui è una Read More …

Guru Puja, I criteri per fare introspezione Campus, Cabella Ligure (Italia)

(11/2019 SOTTOTITOLI, traduzione verificata) S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I Guru Puja “I criteri per fare introspezione” Cabella Ligure, 28 Luglio 1996 Oggi ci siamo riuniti qui per celebrare il Guru Puja. Questa istituzione è nata in India molto tempo fa, credo addirittura al tempo di Patanjali, forse anche prima, quando esistevano grandi ricercatori. I guru vivevano nelle giungle dove loro (i ricercatori) ottenevano il permesso di andare e poi, pochissimi di loro, uno o due, ottenevano la realizzazione. Nei tempi antichi in India c’erano molti rishi e muni[1]. Così nacque questa istituzione del guru. Uno dei motivi è anche il fatto che in India non esiste nessuna religione organizzata. Non esistono papi, non vi sono preti, niente del genere. Si hanno dei sacerdoti soltanto per il culto nei templi. Ma per dare la realizzazione, per parlare di una vita più elevata, dovevano tutti recarsi presso grandissime anime realizzate. Il guru aveva la libertà assoluta di chi accettare e chi non accettare. E tutti erano accuratamente messi alla prova dal guru (per vedere) se fossero in grado di ottenere la realizzazione del Sé oppure no. E queste prove erano così dure, così difficili, anche fino alla crudeltà, che pochissimi riuscivano a superarle. Non è come in Sahaja Yoga, (dove) chiunque è un sahaja yogi; non è così. Questo, ovviamente, lasciava alla gente un margine molto ristretto per ottenere la realizzazione; e questi guru non abbandonavano Read More …

Serata precedente il Guru Puja Campus, Cabella Ligure (Italia)

(08/2019 SOTTOTITOLI) (traduzione verificata 06/2019) S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I Serata precedente il Guru Puja Cabella Ligure, 27 Luglio 1996 [Durante il programma serale di musica] Shri Mataji: Hallo [Prova il microfono]. Io e la mia famiglia abbiamo visitato tutti Roma e abbiamo visto la scuola e i bambini. Lì abbiamo visto un’espressione davvero molto dolce e molto amorevole della loro gioia. Il signor Shrivastava ne è rimasto molto colpito e ha donato undici milioni di lire italiane per la “Associazione Culturale Sahaja Yoga”. [Applausi] Guido: Insomma, si rimane davvero senza parole in occasioni come questa. E devo dire che Shri Mataji è già stata molto generosa. Pensate, il mese scorso ha donato un’auto nuova di zecca, una Fiat Brava, un nuovo modello, completamente accessoriata con aria condizionata e tutti i dispositivi. E già non sapevamo cosa dire, insomma, una simile generosità è, naturalmente, sempre di esempio per tutti noi e non possiamo fare nulla per eguagliarla. E… Per cui, dal profondo del cuore, possiamo dire soltanto: Grazie, Shri Mataji. Grazie, Sir C.P. Che altro? Non ho più parole! [Applausi]

Programma Pubblico (Italia)

Programma Pubblico. Genova (Italia), 18 Giugno 1996. (Al suo arrivo sul palco, Shri Mataji viene raggiunta da una delle autorità di Genova, che le porge i suoi saluti e le dona alcuni libri su Cristoforo Colombo). Mi inchino a tutti i ricercatori della Verità e della Pace. Quando parliamo di pace, dobbiamo renderci conto che non possiamo crearla con le parole. A livello umano, con questa consapevolezza umana, abbiamo molte complicazioni. Dobbiamo evolvere un po’ di più per raggiungere la conoscenza del nostro sé. Ogni religione ha parlato della conoscenza di sé. Se non conosciamo noi stessi, come si può conoscere qualsiasi altra cosa? A questo scopo, come vi è già stato detto (da Guido durante l’introduzione, ndt), c’è un’energia nell’osso triangolare conosciuto come sacro. Questo significa che i greci sapevano che era un osso sacro. In India ciò era già noto migliaia di anni fa, senza alcun dubbio, ma lo si teneva segreto, ed era tramandato da singolo a singolo. Fino al dodicesimo secolo, nessuno ne parlò mai al pubblico. Poi, nel sedicesimo secolo, vi furono molti santi che lo dichiararono apertamente. Anche Maometto ha affermato che occorre conoscere se stessi, se si vuole conoscere Dio. Ma la conoscenza del sé non è qualcosa di immaginario, di mentale. Noi viviamo in un mondo mentale, e devo dirvi molto umilmente che questa cosiddetta mente è un mito. È stata creata da noi attraverso i nostri condizionamenti ed il nostro ego. Ma oltre la mente si trova il regno della Realtà. Read More …

Adi Shakti Puja Campus, Cabella Ligure (Italia)

S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I Adi Shakti Puja Cabella Ligure, 9 Giugno 1996 Oggi renderemo omaggio all’Adi Shakti, e il riflesso dell’Adi Shakti dentro di voi è la Kundalini. Si può dire che questa sia l’adorazione dell’Adi Shakti e dell’Adi Kundalini; se si comprende che tutto questo, ogni cosa creata in questo universo e in molti universi, è opera dell’Adi Shakti. Ora, molte persone credono che ci sia un unico Dio; è vero, esiste un unico Dio, Dio Onnipotente. Egli però ha i propri poteri che può incarnare in qualcuno, per esprimere la Sua manifestazione. La prima cosa che Egli ha fatto è stato creare il potere dell’Adi Shakti. Quando esso fu creato, ci fu un suono, un suono che chiamiamo OM, Logos o comunque vogliate chiamarlo, il Suono Primordiale; e da questo suono scaturirono questi tre poteri, A – U – M: OM. L’Adi Shakti è Colei che incarna il desiderio di Dio Onnipotente. Il desiderio di Dio Onnipotente scaturisce dalla Sua (di Dio) compassione e come Sua espressione, come Sua manifestazione, come Suo riflesso. Direi che Egli deve essersi sentito stanco della solitudine, quindi deve aver pensato di creare una compagna la quale manifestasse i Suoi (di Dio) desideri. Così, il potere di Dio Onnipotente si separò da Lui e formò una incarnazione della Sua compassione, del Suo desiderio di creare. In sanscrito si usa il termine Chitvilas, che indica la gioia Read More …

Sahasrara Puja, Dovete sentirvi responsabili ma essere umili Campus, Cabella Ligure (Italia)

(05/2017 SOTTOTITOLI) S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I Sahasrara Puja “Dovete sentirvi responsabili ma essere umili” Cabella Ligure, 5 Maggio 1996 Oggi celebriamo l’apertura del Sahasrara (avvenuta) in questo giorno. Devo dire che quello che ha avuto luogo è stato un grande evento per tutta l’umanità. È stata una conquista di cui prima non mi ero mai resa conto, (ma) ora posso capirlo, che senza la realizzazione del Sé sarebbe stato impossibile parlare alla gente. Quando questo avvenne pensavo a come avrei fatto a parlarne alla gente, perché nessuno mi avrebbe compreso; e sarebbe stato un grosso errore da parte mia dire qualcosa a proposito del Sahasrara. Infatti da nessuna parte, neppure nelle Scritture, si è fatto alcun cenno al Sahasrara. Era una descrizione del tutto ambigua, direi, per cui la gente non avrebbe potuto neppure immaginare che esistesse un regno oltre il Sahasrara e (che) si debba entrare in quel reame dove risiede la realtà. A quel tempo, sentivo che tutto ciò che vedevo intorno a me era oscurità e che, finché non ci fossero state molte luci, la gente non si sarebbe mai resa conto di quanto fosse importante avere delle luci. Inoltre è un errore umano mettere sempre su un piedistallo chi ottenga qualcosa. Cristo, ad esempio, certo, era Cristo, noi non siamo Cristo. Maometto era Maometto, noi non siamo Maometto. Rama era Rama, Krishna era Krishna. Noi non lo siamo. Come Read More …

Discorso precedente il Sahasrara Puja Campus, Cabella Ligure (Italia)

S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I Discorso precedente il Sahasrara Puja Cabella Ligure, 3 Maggio 1996 [Shri Mataji parla alla fine del programma musicale e di una rappresentazione interpretata dai sahaja yogi] Oggi è stato un grande piacere e una glorificazione di Sahaja Yoga. Ricordo il giorno in cui è iniziato, il cinque maggio 1970. E oggi vedo tutti voi così immersi nell’Amore divino e nell’Energia Divina. Tutto questo dimostra un cosa davvero grandiosa, fondamentale del Sahasrara: persone provenienti da tanti Paesi integrate insieme. Integrate. È stato Sahaj, spontaneo, in ogni modo, e non c’è stata alcuna confusione, nessun litigio, nessun contrasto, niente. Una tale integrazione spontanea, sia su questo palco che sul palcoscenico della vita! Ora, essendo tutti personalità globali, siamo tutti integrati ed anche gli attori hanno gioito allo stesso modo degli spettatori. Vi è stata anche una bellissima integrazione fra la persona che recitava, o meglio, tutti quelli che erano lì (gli altri attori sul palco, ndt), e tutti gli spettatori; non riuscivo a capire, (era come) se stessero recitando anche gli spettatori o anche gli attori fossero spettatori (Shri Mataji ride). Devo dire che è stata una bellissima fusione, e faccio i complimenti a tutti i leader di tutte queste cinque nazioni (organizzatrici) che hanno contribuito così bene a questo profondo senso di integrazione. Non è (solo) l’integrazione interiore ad essere importante; ovviamente quella è molto importante per la personalità, ma Read More …

Navaratri Puja, Saptami – Settima Notte di Navaratri Campus, Cabella Ligure (Italia)

(TRADUZIONE NON REVISIONATA DAL 2004) Navaratri Puja, Saptami – Settima Notte di Navaratri, Cabella Ligure (Italia), 1 Ottobre 1995. Ieri avete visto come Durga proteggesse tutti i ricercatori, i sadhaka, e come abbia distrutto tutti gli individui che tormentavano, torturavano, uccidevano i ricercatori della verità. Il Suo avvento fu interamente dedicato a proteggerli da tutte queste forze malvagie. In quei giorni era quello il lavoro più importante. È così che i sadhaka sono giunti fino all’epoca moderna e adesso sono ricercatori della verità, oppure hanno già trovato la verità. Tutti questi diversi passaggi hanno insegnato ai sadhaka qual è lo scopo della loro vita. Inizialmente tentavano con frenesia, con ardore, di trovare la verità recandosi in svariati luoghi impervi. Pensavano che recandosi in luoghi isolati sarebbero riusciti a trovare la pace della mente e la verità. Essi sacrificavano inoltre molte cose: la ricchezza, che li ostacolava, e la famiglia che, secondo loro, intralciava il loro percorso di ricerca. Tutto ciò è continuato, e vi sono ancora persone che credono che, diventando asceti, si possa trovare la verità. Buddha fece la stessa cosa, Mahavira fece lo stesso, la loro vita non fu altro che una grande tapasya[1]. Oggi le loro tapasya ci aiutano al punto che abbiamo ottenuto la benedizione grazie alla quale – così come siamo – possiamo ricevere la realizzazione del sé, per la quale la gente ha lottato e si è prodigata al punto che se leggete quanto hanno sofferto, potreste davvero meravigliarvi di come abbiano affrontato tutti Read More …

Shri Ganesha Puja Campus, Cabella Ligure (Italia)

Shri Ganesha Puja Cabella Ligure, 10 Settembre 1995 Con tutti voi, i Ganas di Ganapati, seduti di fronte a me, non so cosa dire. È notevole, davvero significativo, poiché la maggioranza di voi proviene da una cultura che non ha mai dimostrato alcun rispetto per Shri Ganesha. Non si è mai resa conto della sua importanza, del fatto che senza le qualità di Shri Ganesha, non possiamo ottenere niente nella vita. L’idea del divertimento quotidiano, momento per momento, ha distrutto tutto questo. Ed anche il desiderio di conoscere il Divino svanisce, poiché vi perdete in questo divertimento effimero finché non venite distrutti, completamente distrutti. Davvero non capisco come siate arrivati a questo stato in cui vi rendete conto che la purezza è molto importante nella vita e che le qualità di Ganesha, il suo sistema di valori e la sua innocenza vanno assorbiti. Mi sento molto gratificata che ciò ora sia avvenuto nelle vostre vite e che adesso siate tutti così grandi sostenitori di Shri Ganesha. Shri Ganesha esiste fin dalla nostra infanzia. Ieri avete visto com’erano belli i bambini, e quanto ci hanno fatti divertire[1]. Tutti avevano un sorriso sul volto ed io ho detto di non ridere perché, se ridete, essi molto spesso si offendono, pensando che stiate ridendo di loro. La gioia che abbiamo tratto da quello spettacolo di bambini, è stata superiore a quanto ci si possa aspettare da una rappresentazione di questo genere messa in scena dagli adulti solo per divertirci. Potrebbe essere stato il Read More …

Shri Krishna Puja Campus, Cabella Ligure (Italia)

S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I Shri Krishna Puja Cabella Ligure, 20 Agosto 1995 Oggi adoreremo Radha e Krishna. È una sensazione molto festosa, poiché Shri Krishna venne sulla terra in un periodo in cui la gente era diventata estremamente seria riguardo alla religione, alla spiritualità, e ciò aveva reso l’intero aspetto della religione una conquista priva di gioia. E per questo le persone erano diventate molto serie; inoltre l’attenzione delle persone si era indirizzata verso una sorta di commedia che aveva creato indifferenza nei confronti della società. Erano diventate individualiste, reticenti; ed anche i loro figli erano diventati così, forse perché una sorta di paura si era sviluppata in coloro che ricercavano la religione e la verità. La famiglia fa davvero la differenza ed ha una grande influenza sulla personalità delle persone; così ereditarono questi sentimenti dai genitori e lo stesso accadde successivamente ai loro discendenti. Pertanto, per duemila anni dopo la dipartita di Shri Rama, tutta la situazione fu improntata ad una ricerca molto individuale, e non volevano rivelarsi a vicenda ciò che avevano scoperto. Non svelavano nemmeno ai genitori ciò che cercavano, cosa volevano. A causa di questa segretezza si persero, ed è per questo che spuntarono molti falsi guru e furono scoperti molti percorsi sbagliati. Nonostante tutto, la situazione non era così negativa, ma questa indifferenza rese la società molto disintegrata. Non esisteva collettività nemmeno in famiglia: il padre non parlava Read More …

Guru Puja Campus, Cabella Ligure (Italia)

(07/2017 SOTTOTITOLI) S H R I    M A T A J I   N I R M A L A   D E V I Guru Puja Cabella Ligure, 16 Luglio 1995 Oggi è un Guru Puja molto importante perché abbiamo completato i venticinque anni di Guru Puja. (Hindi: “Per favore, fate ruotare il ventilatore”.) È anche estremamente bello vedere così tanti sahaja yogi che sono diventati davvero molto grandi. È questione di comprendere cosa sia Sahaja Yoga. È una scoperta davvero unica; sento che ora, le persone che ricercavano la verità, l’hanno trovata e l’hanno ottenuta assolutamente sul proprio sistema nervoso centrale. Sì, è difficile spiegare come in alcuni luoghi sia accaduto, come abbia funzionato e come, in questi venticinque anni, siamo stati capaci di ottenere questa espansione di Sahaja Yoga. Il punto principale, penso, è che tutti voi vi rendiate conto che, come l’albero si sviluppa, anche le radici devono crescere più in profondità ed anche espandersi. Se questo non avviene, l’albero non può essere sostenuto solo dalla Madre Terra. E le radici sono nella vostra vita, nel vostro cuore. Quando affermiamo di essere diventati guru di noi stessi, dovremmo cercare di scoprirlo davvero, mediante l’introspezione: siamo o no i guru di noi stessi? Perché, prima di diventarlo, la vostra mente era da una parte, il vostro cuore da un’altra, e la vostra attenzione era in un’altra dimensione. Così questi tre elementi creavano confusione dentro di voi. Se esaminate  un essere umano, sarete sorpresi di osservare come questi tre aspetti Read More …

Adi Shakti Puja, “Orientamento al denaro” Campus, Cabella Ligure (Italia)

06/2023 TRADUZIONE VERIFICATA S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I Adi Shakti Puja “Orientamento al denaro” Cabella Ligure (Italia), 4 Giugno 1995 Oggi ci siamo riuniti qui per celebrare il puja alla Kundalini, o il puja all’Adi Shakti. Vi è una differenza tra le due. L’Adi Shakti è il potere completo di Dio, del Suo desiderio; mentre la Kundalinine è il riflesso, la parte che è riflessa nell’essere umano come Kundalini.Vi è dunque una differenza tra Adi Kundalini e Adi Shakti.L’Adi Shakti è Parashakti, è il potere che è oltre tutti i poteri, che controlla tutti i poteri; e uno dei poteri dell’Adi Shakti è la Kundalini.  Per esempio, la Kundaliniche è in me, nell’osso triangolare, non è la mia totalità.Allo stesso modo, la Kundaliniche è in voi non è la totalità.Naturalmente è l’energia che è lì per darvi la realizzazione del Sé. È il potere che vi redime, che vi nutre, che illumina i vostri centri.Ma, come sapete, esistono altre due energie molto potenti che agiscono attraverso Ida e Pingala (canale sinistro e destro, ndt), e la terza è Mahalakshmi che è al centro.Ora, il lavoro principale della Kundalini è quello di darvi la realizzazione del Sé, poiché Lei è la vostra Madre individuale. Tutti hanno dentro di sé il riflesso della Kundalini, indipendentemente dalla qualità della persona.Ora, come vedete, il riflesso cade su ogni cosa. Diciamo che, se il riflesso della luna cade su Read More …

Sahasrara Puja Campus, Cabella Ligure (Italia)

Sahasrara puja. Cabella Ligure (Italia), 7 Maggio 1995. Oggi è un gran giorno per noi, per tutti i Sahaja yogi, perché in questo giorno – per la verità siamo in ritardo di uno o due giorni – il Sahasrara è stato aperto per la prima volta. Direi che si è trattato veramente di un miracolo, in quanto non pensavo di essere giunta ad un punto in cui potesse avvenire. Io volevo attendere, ma accadde qualcosa che mi indusse a pensare che doveva essere aperto. Sentivo che se avessi atteso oltre, la situazione era tale che avrebbe potuto favorire i falsi guru nel diffondere ovunque le loro assurdità. Direi che questo è proprio un modo Sahaj di fare le cose. Sono passati venticinque anni, da allora. In questo periodo tutti voi vi siete riuniti, e ce ne sono molti altri non presenti che hanno ottenuto tante cose. Forse però non siamo realmente consapevoli di ciò che abbiamo ottenuto. Avete avuto le vibrazioni, potete percepire questo potere che tutto pervade, nuotate nell’oceano di gioia, gioite tutti della collettività ed avete trasceso molti dei vostri limiti. Tutto questo vi è accaduto perché è un vostro diritto ottenerlo. Io non me ne attribuisco alcun merito.L’unica cosa su cui ho sempre posto l’accento è che adesso siete entrati nel Regno di Dio e gioite di voi stessi. Dobbiamo guardarci intorno: tutta la natura gioisce di se stessa, non si preoccupa, pur non avendo avuto la realizzazione, pur non avendo percepito il Paramchaitanya, non si preoccupa Read More …

Navaratri Puja, Panchami – Quinta Notte di Navaratri Campus, Cabella Ligure (Italia)

(TRADUZIONE NON REVISIONATA DAL 2004)  S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I Navaratri Puja Panchami – Quinta Notte di Navaratri Cabella Ligure, 9 Ottobre 1994 Oggi celebreremo il Puja del Navaratri. Ieri avete assistito ad una bellissima descrizione del Navaratri e di come la Dea Madre abbia creato poteri di ogni tipo dentro di voi. Non è soltanto lei a detenere i poteri, tutti voi li avete e li potete utilizzare. Tutti potete scoprire se questi poteri esistano o no. Per noi la realizzazione è molto importante, ma è stata la Kundalini a darvi la realizzazione. Ovviamente, la Kundalini è un aspetto, o potremmo definirla un riflesso, dell’Adi Shakti; ed anche Jagadamba è un aspetto dell’Adi Shakti. Lei risiede al centro di due cuori[1], una posizione molto importante. Tutti i suoi poteri si trovano in questo chakra. Immaginate quindi quanti debbano essere. I suoi poteri si esprimono, mediante il chakra del cuore centro, in tutti i Ganas che avete intorno a voi. I Ganas sono coloro che vi danno protezione, vi provocano il sonno, vi forniscono energia, vi accordano benedizioni; essi sono tutti continuamente all’opera e sono intensamente devoti e sempre connessi con la Madre Amba, che possiamo chiamare Jagadamba. Lei è la Madre dell’Universo, potete immaginare dunque quanto debba essere indaffarata a prendersi cura dell’intero universo. Quando questo centro si indebolisce, significa che la sua connessione con i Ganas si allenta. Anche i Ganas si Read More …

Shri Krishna Puja Campus, Cabella Ligure (Italia)

(08/2020 SOTTOTITOLI REVISIONATI, traduzione revisionata, non verificata) S H R I  M A T A J I  N I R M A L A  D E V I  Shri Krishna Puja Cabella Ligure, 28 Agosto1994 Oggi ci troviamo qui per adorare Shri Krishna. Come sapete, Shri Krishna è l’incarnazione di Vishnu. E Vishnu è il preservatore di questo universo. Quando venne creato il mondo intero, fu necessario creare anche un protettore; poiché se fosse stato abbandonato a se stesso, senza qualcuno che lo salvaguardasse, questo mondo sarebbe andato completamente distrutto. Gli esseri umani, per come sono fatti, avrebbero potuto fare qualsiasi cosa a questo mondo. Dunque, Vishnu è il protettore. Egli è il preservatore, ed è l’unico che si incarna veramente. Certo, talvolta anche Brahmadeva si è incarnato, ma soltanto Lui (Vishnu) assume delle forme: nel nostro processo evolutivo ha assunto diverse forme. È venuto su questa terra sotto diversi aspetti. Tuttavia aveva dodici (petali, ndt)… fino a dodici (petali, ndt) si incarnò come Shri Rama, e fino a dieci (petali, ndt) Egli è situato qui (nel Nabhi, ndt). Quindi, Egli creò intorno a sé anche un’atmosfera di molti grandi profeti affinché potessero preservare il dharma di questo universo (Void, ndt). La base della preservazione fu dunque il dharma, che, come sapete, rappresenta il fondamento sostanziale, più importante della vita spirituale. Nel dharma, la cosa principale da stabilizzare doveva essere l’equilibrio. Era un’abitudine della gente quella di andare agli estremi in ogni cosa. Quindi (Vishnu) creò un equilibrio in noi. Read More …

Guru Puja, Maturate e conseguite lo stato di Guru Campus, Cabella Ligure (Italia)

(07/2020 traduzione verificata) S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I  Guru Puja “Maturate e conseguite lo stato di Guru”  Cabella Ligure, 24 Luglio 1994 [Sedetevi. Chiedete loro di sedersi per terra, per favore. Voi due signore sedetevi, perché dietro non riescono a vedere.] Oggi vi siete riuniti tutti qui per venerarmi come vostro Guru. Devo dire che a me mancano molte delle qualità che dovrebbe avere un guru, nel senso che non riesco ad essere severa con voi, non riesco ad essere rigida con voi, e davvero non so come punirvi quando fate cose sbagliate. Penso che il motivo di questo (rigidità e severità dei guru, ndt) possa essere che, in genere, i guru hanno problemi con i discepoli, i quali per la maggior parte non sono anime realizzate. E, dato che non sono anime realizzate, i guru trovano difficile comunicare o parlare loro dei problemi sottili che hanno. So di molti guru, anche nei tempi moderni, che sono stati realmente molto, molto severi. E mi hanno anche detto di avere ottenuto la loro realizzazione lavorando molto duramente e soffrendo per l’inflessibilità dei propri guru. A volte traboccavo proprio di compassione per quei discepoli che non avevano ancora ricevuto la realizzazione: avevano dei guru che erano vere anime realizzate, ma loro non avevano mai ricevuto la realizzazione. E i guru erano estremamente severi con loro. Ci fu un signore che incontrai a Kolhapur, il quale ottenne Read More …

Adi Shakti Puja Campus, Cabella Ligure (Italia)

S H R I  M A T A J I  N I R M A L A  D E V I Adi Shakti Puja Cabella Ligure, 26 Giugno 1994 Oggi avete tutti deciso di celebrare il puja all’Adi Shakti. C’è differenza tra effettuare il puja a Kundalini Shakti, o Adi Kundalini, e all’Adi Shakti. La differenza è che da un lato la Kundalini è riflessa in voi dall’Adi Kundalini; e l’altro aspetto è il potere dell’Adi Shakti, ossia il Paramchaitanya. Così in totale, se ci pensate, ci sono due aspetti: uno è il Suo potere come Paramchaitanya e l’altro è il Suo riflesso negli esseri umani come Kundalini. La terza opera che l’Adi Shakti dovette compiere fu la creazione di questo intero universo. Per cominciare, come avete visto anche ieri, fu creato tutto il cosmo, e poi questo pianeta speciale che è Madre Terra. Ciò che io vi ho detto a proposito di Adamo ed Eva, abbiamo scoperto essere stato detto anche da Giovanni nel suo testo gnostico. È davvero sorprendente, perché vi ho sempre detto che Cristo deve avervi detto molte cose che però non sono nella Bibbia. Così, occorre capire che l’Adi Shakti venne sotto forma di serpente, nel Suo aspetto di Adi Kundalini, e disse ad Adamo ed Eva – in particolare ad Eva – che doveva chiedere di mangiare il frutto della conoscenza. E la ragione che io vi ho dato è lì descritta esattamente: il potere della Madre, il potere femminile, non voleva che i Read More …

Sahasrara Puja Campus, Cabella Ligure (Italia)

(05/2017 SOTTOTITOLI) S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I Sahasrara Puja Cabella Ligure, 8 Maggio 1994 Oggi è una combinazione eccezionale tra la festa della Mamma in molti Paesi e il giorno del Sahasrara per i sahaja yogi. Penso che questo sia il giorno più importante nella storia dell’evoluzione umana, poiché tutti gli altri avvenimenti, incarnazioni e imprese nel mondo spirituale, non sono serviti a nulla. Al contrario sono finiti in una specie di bozzolo senza uscita, sbattendo contro le pareti e creando problemi da qualcosa di molto propizio e di estremamente, meravigliosamente spirituale. Infatti non è possibile trovare errori nelle incarnazioni nel cui nome hanno avuto inizio tutte le religioni. Questo bozzolo è Mahamaya, ritengo, e il bozzolo è quello dell’ignoranza. Si può dire che non è Mahamaya a crearlo; questo bozzolo è creato dall’ignoranza di base degli esseri umani e dalle loro identificazioni errate. La natura umana è tale da identificarsi facilmente con ciò che è falso. Gli esseri umani trovano molto difficile giungere a compromessi con tutto ciò che è vero. La difficoltà, con la Verità, è che essa non può tollerare alcun compromesso. Di conseguenza, ignoranza, falsità, forze distruttive di ogni genere si coalizzano, in un modo o nell’altro, per attrarre la mente umana. Forse è l’ego a far sì che l’uomo sia così attratto da quelle cose, infatti esse gonfiano tutte l’ego. Di fatto, il centro più difficile che dobbiamo attraversare Read More …

Navaratri Puja, Navami – Nona Notte di Navaratri Campus, Cabella Ligure (Italia)

(TRADUZIONE NON REVISIONATA DAL 1996) Navaratri Puja, Navami – Nona Notte di Navaratri, Cabella Ligure (Italia), 24 Ottobre 1993. La Devi ha molte forme ma è la personificazione della Shakti. Adi Shakti dona shakti a tutte queste personificazioni e così vi sono molte Dee. In momenti diversi vennero su questa terra e fecero tutto ciò che era necessario per l’ascesa di coloro che erano ricercatori. In particolare quella che conosciamo di Jagadamba Durga. Cercava di proteggere tutti i ricercatori della verità e distruggere tutte le forze del male. Perché senza l’ascesa degli esseri umani, essi non conoscono la verità, ecco perché qualsiasi cosa cerchino di fare è una proiezione mentale. E questa proiezione mentale, se non è sostanziata dalla verità, del dharma, declina. In sanscrito si chiama glani. Quando questo glani ha luogo, allora le incarnazioni nascono per risolvere il problema. In tutte le incarnazioni della Dea si sono incarnate moltissimo le forze sataniche, che si sono incarnate; e Lei ha dovuto combatterle e distruggerle. Ma questa distruzione non era solo a fini distruttivi, perché le forze del male devono essere distrutte. Ma le forze del male cercano sempre di opprimere i ricercatori, opprimere i santi, cercano di far loro del male, a volte anche di distruggerli. Tutte queste forze distruttive non giungono nello stesso momento, di solito; in momenti diversi è facile controllarle. Ma il fine dell’incarnazione è quello di salvare, proteggere coloro che sono ricercatori perché sono le persone più importanti nel regno della spiritualità. Tutti gli altri Read More …

Shri Ganesha Puja Campus, Cabella Ligure (Italia)

S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I Shri Ganesha Puja Cabella Ligure, 19 Settembre1993 Oggi ci siamo riuniti qui per celebrare il puja a Shri Ganesha. La prima deità creata dall’Adi Shakti fu Shri Ganesha, perché era necessario creare prima di tutto la deità dei principi. La deità del principio nel senso che, qualsiasi cosa sia creata, qualsiasi cosa esista, detta bhava, qualsiasi cosa sia stata creata fino al livello umano, tutto dovette avvenire attraverso il meccanismo energetico congenito, diversamente nulla sarebbe potuto essere creato. Se ci si addentra nella materia, ad esempio nel biossido di zolfo[1], (notiamo che) zolfo e ossigeno entrano in profondità, finché non si raggiunge lo stato in cui si forma una molecola. A quel punto vedete che questi atomi di zolfo e di ossigeno oscillano, oscillano ad una certa frequenza. Usano tre tipi di frequenze. Ora immaginate che nella molecola – pensateci – nella molecola di una sostanza, esista un’energia attiva. Ora si potrebbe dire: “Perché nella materia dovrebbe esserci energia?”. Si potrebbe chiedere: “Perché dovrebbe esserci energia nella materia?”. Se non vi fosse energia nella materia, come potreste avere tutti i composti chimici? Chi li spinge? Prendete ad esempio il cloruro di sodio. Sodio e cloro sono uniti l’uno all’altro. Ma se il cloro deve legarsi a qualche altro atomo, chi fa ciò? Deve esserci qualche energia che è assolutamente congenita nella materia. Ora potremmo chiedere: “E l’acqua?” Sapete che Read More …

Shri Krishna Puja Campus, Cabella Ligure (Italia)

(08/2019 SOTTOTITOLI revisionati) S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I Shri Krishna Puja  Cabella Ligure, 15 Agosto 1993 Oggi ci siamo qui riuniti per celebrare il Puja a Shri Krishna. Dobbiamo capire chiaramente che Shri Krishna è una deità molto, molto importante dentro di noi, poiché Egli è quel Vishnu che risiede nel Void, nel Nabhi. È colui che genera il dharma in noi. Quando avete ricevuto la realizzazione non vi ho detto: “Non fate questo, non fate quello”. Non vi ho mai detto: “Questo va bene, quest’altro non va bene”. Lo avete semplicemente fatto, perché Shri Vishnu è stato risvegliato in voi. Lui risiede nel Void e, se è risvegliato, vi porta alla luce, rimuove la vostra ignoranza, rimuove la vostra oscurità e voi iniziate a rendervi conto che tutto ciò che facevate era distruttivo per voi; ed è così che si instaura il dharma. Ovviamente, il dharma fu instaurato anche da tutti i dieci guru che vennero su questa terra, i profeti che ci insegnarono il dharma. Questa combinazione di Shri Vishnu e dei dieci guru serve ad instaurare il dharma in noi. Il dharma viene insegnato dai profeti, come avete visto ovunque. Essi hanno detto: “Non fate questo, non fate quello”. Hanno parlato dei dieci comandamenti. Ogni profeta ha parlato del dharma, di ciò che va fatto, fino a quando anche Cristo dovette parlarne, dicendo: “Non avrai occhi adulteri”. Ma Shri Krishna è Read More …