Programma Pubblico, L’esperienza della Verità, IV parte

(London)


Send Feedback
Share

Programma Pubblico, L’esperienza della Verità (IV parte), South Bank Polytechnic, Londra (GB), 1984.

Mi inchino a tutti i ricercatori della verità. Nei tre incontri precedenti ci siamo occupati dell’esperienza della verità e oggi è il quarto e ultimo incontro su questo argomento. Nel primo incontro ho descritto che cos’è la verità e come riconoscerla, poi siamo andati avanti in questo modo fino ad oggi e oggi dobbiamo arrivare alla parte finale, che è la gioia della benedizione della verità. Come vi ho detto prima, il primo passo è l’esperienza della verità, che deve essere percepita nel proprio sistema nervoso centrale. Il secondo passo è stato quello di una nuova consapevolezza collettiva e nel terzo incontro abbiamo parlato della trasformazione che avviene nella persona. Ma il finale è la natura del Divino. La gente dice il Divino è purezza, il Divino è pieno di beatitudine, il Divino è compassione, il Divino è amore; è descritto in molti modi ma io penso che non possa essere descritto. Potete andare avanti con le descrizioni, scrivere libri su libri, storie su storie, poemi su poemi, ma il Divino è talmente illimitato che non potete descriverlo in tutta la sua estensione, nè nella sua profondità, se non dicendo che lo spirito è la verità.

Perciò nei primi tre incontri ho approfondito il tema della verità dentro di noi, la verità che nel nostro processo evolutivo dobbiamo percepire nel nostro sistema nervoso centrale. Questo è un punto molto importante che dobbiamo comprendere, perchè qualsiasi cosa la gente vi racconti o vi proietti non è la verità. Nemmeno quello che voi proiettate è la verità, ma solo ciò che voi percepite nel vostro sistema nervoso centrale è la verità. E’ come quando sentite una cosa calda o fredda, tutti sentono la stessa cosa ed è  così che è assoluta, ma la verità che è dentro di noi e che si manifesta nel nostro essere è conosciuta attraverso il nostro cervello. Perciò ieri qualcuno mi ha chiesto quanto sia importante l’intelligenza, ma ognuno ha intelligenza sufficiente per sapere che cos’è la verità. Ma se vi affidate alla vostra intelligenza prima di conoscere la verità, allora essa vi può sviare completamente. L’intelligenza senza l’intuizione dello spirito è il vostro ego. Non è intelligenza pura, è soltanto l’ego che dice : questo è giusto. Io dico : io credo di essere così, questo è ego. Dopo la Realizzazione la verità che entra in voi è la reale pura verità e non è il vostro ego.

Ad esempio, adesso siamo in questa sala, io ci sono stata prima d’ora o no, sono stata in questo posto o no ? Come potete saperlo ? Non è possibile. Ma per un’anima realizzata è molto facile scoprirlo, perchè essa può sentire le vibrazioni del posto. Una persona realizzata può capire se in questa sala ci sono già state altre persone realizzate, perchè in questa sala ci sono tante vibrazioni che devo osservare anche parlandovi. E’ proprio giusto, coloro che lo possono sentire lo percepiscono, ma per quelli che non sono in grado di sentire non c’è nessuna differenza, per loro è lo stesso. Dunque quando la verità viene percepita dentro di noi la nostra intelligenza ci  dice la stessa cosa. Se siete inerti, la gente dice se siete come un sasso, come una cosa, essa potrà succhiare le vibrazioni, potrà avere le vibrazioni e vedere la differenza, ma non sarà intelligente, la sua intelligenza non sarà rivolta a questo particolare aspetto. Così la materia, quando è inerte, non è sensibile alla comprensione, ma può assorbire le vibrazioni, ma per un essere umano è molto difficile il discernimento, il capire se le vibrazioni ci sono oppure no. Ad esempio una volta nel Kashmir stavo attraversando con mio marito una landa desolata, quando d’un tratto sentii fortissime vibrazioni. Allora dissi all’autista : qui ci deve essere qualcosa di grande, c’è forse un tempio o una moschea ? Lui disse : no, qui è tutto deserto. Allora gli chiesi di girare seguendo le vibrazioni e arrivammo su una strada che ci portò in un posto dove c’era della povera gente che viveva lì, che passeggiava. Allora chiesi : avete qualche tempio qui ? Essi risposero : no, ma se andate avanti c’è una moschea. Che cos’è quella moschea ? E’ chiamata Hazarat Bhal; significa che in quel posto è custodito un capello di Maometto. Io dissi : davvero ? Pensate : in quel posto c’era un capello di Maometto e io l’ho sentito ad almeno cinque miglia di distanza. Dunque potete capire che quel capello può non rendersi conto delle vibrazioni che ha, ma un essere umano che sia un’anima realizzata ha questa consapevolezza a cinque miglia da quel capello, la consapevolezza che là c’è un capello di Maometto.

Per quel capello c’erano state grandi liti e lotte, e questo e quello, poi è stato rimesso a posto, ma quelli che hanno lottato perfino per questo non sanno che cos’è. Hanno semplicemente lottato per niente. Dunque potete vedere come ciò che ha sostanza, quando dopo un certo tempo diventa un essere umano attraverso il processo evolutivo, la stessa cosa che era soltanto materia, quando diventa un essere umano diventa consapevole delle vibrazioni Divine. Non prima, perciò possiamo cancellare tutti gli animali. Una volta avevo un cane con buone vibrazioni, ognuno che arrivava mi diceva : Madre quel cane ha forti vibrazioni. E lui sentiva se qualcuno si avvicinava con sentimenti cattivi o se qualcosa di ripugnante entrava in casa; lui lo sapeva e abbaiava. Sapeva un sacco di cose, ma non era consapevole di avere vibrazioni, non poteva percepire le proprie vibrazioni. Era un cane con pedigree e aveva un’ottima salute, e il veterinario disse che era eccezionale per il suo pedigree, troppo grande e grosso e con una salute ottima, ma lui è rimasto in così buona salute a causa delle sue vibrazioni.

Dunque dovete comprendere che voi diventate la verità, il che significa che diventate consapevoli del Divino; che il vostro sistema nervoso centrale, o se volete il vostro cervello si evolve al punto tale che potete sentire le vibrazioni. Questa è una cosa. Inoltre potete non solo sentire le vibrazioni, ma potete discernere se sono buone vibrazioni o cattive vibrazioni. Poi potete anche dire se una persona ha vibrazioni parziali o complete, se ha una qualche malattia o problema e anche se non sapete nulla di medicina potete capire se la persona soffre di determinati disturbi o malattie.

Pensate che razza di computer noi siamo, siamo realmente il più grande computer che qualcuno possa realizzare. Gli esseri umani non sono in grado di produrre computer così. Il computer costruito dagli uomini è semplicemente una copia di questo, neanche una gran copia, perchè quando questo computer vede una cosa, sa che questo è questo senza pensare. Potete immaginare un computer che non pensa ? Eppure noi siamo questo computer che sa le cose senza pensare. Ora questo grande computer che è il nostro cervello, che semplicemente vede e sa, percepisce e sa, odora e sa, questo speciale computer diventa uno strumento ancora più grande, più sottile possiamo dire, che conosce il Divino, che percepisce il Divino, che comprende il Divino e che lo può manovrare, perchè lo può anche manovrare.

Ad esempio, una persona ha un certo problema, soffre di una certa malattia, e sa come curarsi, sa anche come curare un’altra persona. Certamente ci sono molte persone che dicono : noi facciamo le stesse cose; sono guaritori, alcuni guariscono veramente, ma può essere molto pericoloso affidarsi a questi guaritori, perchè questi guaritori non hanno alcuna conoscenza del Divino. Alcuni potrebbero essere anime realizzate, potrebbero esserlo, ma non sanno che cosa fanno, non sanno che cosa devono fare e la maggior parte di loro non sono persone realizzate, ma persone che usano un qualche tipo di spirito.

In Inghilterra, a Londra c’era una volta un ospedale chiamato Ospedale Internazionale del dottor Langs, o del fu dottor Langs, o qualcosa del genere. Questo dottore era morto e si era manifestato in un soldato da qualche parte del Vietnam e gli aveva detto : vai a trovare mio figlio. E quando andò a trovare il figlio, il figlio disse : come puoi dire che mio padre è in te ? E lui rispose : ti racconterò i segreti che condividevi con tuo padre e gli disse cose che lo fecero stupire. Poi disse : ora tuo padre vuole che io apra una clinica. Allora il figlio domandò : Sei un medico ? Egli rispose : No, non sono un medico, ma ci sono molti medici che sono morti senza poter esprimere le loro abilità e che sarebbero felici di aiutare, e dunque dobbiamo aprire questa clinica. Allora il ragazzo si dichiarò d’accordo e aprirono la clinica. Dunque il padre non possedette il figlio, ma possedette un’altra persona sana in Vietnam, dove egli aveva avuto uno shock, allora lo possedette e cominciarono il loro lavoro di guaritore.

Io ho saputo di questa storia perchè in India è venuta da me una signora che soffriva di una  terribile malattia nervosa e stando davanti a me tremava tutta. Io le chiesi : cos’è questo ? E lei mi disse : questa è la mia malattia nervosa. Poi mi raccontò che aveva avuto un’ulcera allo stomaco che le aveva dato problemi e che aveva sentito di questa clinica del dottor Langs. Allora essa chiese di essere curata e un giorno in cui stava riposando a letto le dissero di stare a letto il tal giorno in tal posto e che l’avrebbero curata. Allora essa sentì questo tremito nel suo corpo, che le arrivò come uno shock, perchè non le avevano detto che si sarebbe messa a tremare. E quando il tremore passò la sua ulcera era guarita e li si sentiva molto meglio, ma man mano che il tempo passava, nel giro di tre anni essa scoprì di essere una donna molto nervosa, che si spaventava per qualsiasi cosa e nonostante la sua giovane età si metteva a tremare in tutto il corpo. E nessun dottore riuscì a capire di che disturbo si trattasse. Ora una cosa del genere può anche essere chiamata guarigione, ma, dopo la realizzazione, la guarigione deve trovare una risposta intelligente.

Supponiamo di dire che Sahaja Yoga può curare il cancro, allora dobbiamo anche essere in grado di dire a un dottore come abbiamo curato il problema di questa persona, e non solo che l’ho toccata ed è guarita. Anche se è successo così, se può succedere, ciò non significa che non ci sia una spiegazione. Deve esserci una spiegazione intelligente, che abbiamo trovato esaurito un determinato centro, e quando questo centro esaurito è stato stimolato da qualche entità si è manifestato il cancro, e ciò che abbiamo fatto è stato rimettere a posto quel centro. A questo punto il dottore sarà sorpreso nell’apprendere che noi sappiamo esattamente dov’è il cancro, che sappiamo come rimettere a posto quel centro e che siamo in grado di spiegargli completamente da quale plesso la cosa è partita e cosa è diventata. Il dottore sarà sorpreso, ma se gli date la realizzazione allora anche lui sarà in grado di curare sè stesso e altre persone nello stesso modo, ma la cosa deve avere una spiegazione intelligente. Ecco cosa diventa la verità quando diventate un’anima realizzata.

Se una persona è un’anima realizzata essa vede la verità in modo talmente diretto che la può spiegare, in modo che la gente capisca il significato di ciò che essa sta dicendo. Non c’è alcuna ambiguità. Ad esempio nella Bibbia si parla dello Spirito Santo. Ora possiamo dire che questo “Spirito Santo” è una parola che non possiamo spiegare, perchè se ci limitiamo a leggere la Bibbia non possiamo comprendere lo Spirito Santo, perchè Cristo o lo Spirito Santo sono come oceani, e non possiamo metterli in una piccola tazza e dire al di là di questo non c’è nulla. Noi dobbiamo andare al di là per vedere che ci sono tante tazze piene di conoscenza e dobbiamo vederle tutte e scoprire il significato della parola “Spirito Santo” attingendo anche ad altre scritture. E quando troviamo la somiglianza tra i due allora siamo sorpresi che quello è ciò che è lo Spirito Santo. Ma se tutto ciò che vediamo è limitato alla Bibbia, allora ho visto anche gente capace di fare una Bibbia così piccola da poterla mettere in un monile d’oro da portare al collo.  Pensate ! E’ assolutamente assurdo. Non c’è dubbio che la Bibbia va rispettata, essa contiene una grande conoscenza, ma la Bibbia in sè la sento come una cosa microscopica, ogni parola è microscopica e prima di andare ad analizzare ogni suo dettaglio è necessario avere la realizzazione e anche ottenere spiegazioni da altre fonti, altri dizionari che sono in grado di spiegare meglio.

Ma se ci attacchiamo ad una sola cosa allora restiamo sbalorditi, come l’altro giorno, abbiamo avuto una controversia su Cristo e vi ho detto molto francamente che Paolo è completamente sbagliato, non è un’anima realizzata e non comprende Dio, non comprende la religione. Mentre quando la verità entra in voi vedete tutto chiaramente e, poichè la verità è assoluta, tutti dicono la stessa cosa. Prendete Kahlil Gibran, anche lui dice la stessa cosa, oppure William Blake; chiunque prendiate dice la stessa cosa, perchè non c’è differenza di opinione per quanto concerne la verità, quando la guardate in faccia. Poi c’è anche il guaio che un essere umano può anche essere disonesto.

Supponiamo che voi vediate che davanti a me ho un microscopio, una persona non realizzata può dire una bugia, che non c’era il microscopio, ma una persona realizzata non può. Invece una persona posseduta può addirittura non vedere il microscopio. Sarete sorpresi se vi dico che alcune persone non mi vedono, vedono soltanto la luce, se sono possedute i loro occhi sono posseduti e se qualcuno è ubriaco può non vedermi del tutto e non far caso a me. Prima della realizzazione l’attenzione può essere confusa e può darsi che vedendo con i propri occhi una cosa semplice e vera vi siano aberrazioni o altre spiegazioni e altre descrizioni. Ma dopo la realizzazione la verità fondamentale non cambia mai.

Potete dire che Paolo ha detto delle cose in modo poetico, ma a me sembra che Paolo sia uno strano uomo, potrei dire che non era onesto o qualcuno potrebbe dire di Paolo tutt’altro che la verità e sarebbe lo stesso, ma coloro che non sono anime realizzate non capirebbero. Hanno costruito cattedrali nel suo nome, la gente va in chiesa e rimane sbalordita, non sa cosa fare; hanno costruito le chiese nel nome di Cristo, tutto, e ora negano i miracoli di Cristo, e allora cosa fare ? La gente è persa. Non sa come uscire da questa sensazione di frustrazione, di amare tanto il Cristo, di adorarlo, di ritenerlo una così grande personalità, il Figlio di Dio, e adesso qualcuno viene a dire che non ha fatto miracoli. Ne rimanete scioccati, ma non credete loro. Non credete loro perchè non c’è dubbio che Cristo fosse un Figlio di Dio. Ma come potete spiegare, se vi limitate a leggere la Bibbia non potete vedere, e poi Paolo, questo Paolo, chi era ? Non avrebbe dovuto essere lì, lui non è un Cristiano perchè non aveva mai visto Cristo.

Dunque questo tipo di sfida può essere posta solo da una persona che sia un’anima realizzata, e tutte le anime realizzate saranno con lui, diranno le stesse cose a questo proposito. Potete tornare indietro all’antichità o andare avanti nel futuro, in qualsiasi tempo venga un’anima realizzata essa dirà le stesse cose. Ecco perchè c’è tanta somiglianza, direi unitarietà in tutte queste persone. Tutti, sia Lao-Tse che Maometto, Raja Janaka o Guru Nanak dicono le stesse cose.

Ora, dov’è la differenza ? Anche noi lo vediamo molto chiaramente quando la verità è in noi. La differenza è dovuta al fatto che queste incarnazioni sono venute per compiti diversi. Come Mosè, che è venuto per stabilizzare il void, come diciamo qui, al centro. Tutti questi Maestri Primordiali sono venuti per questo. Dunque possiamo dire che il loro compito era come quello di Guru Nanak o di tutti questi Maestri Primordiali che sono venuti su questa terra per portare l’equilibrio e questa è la ragione per cui, qualunque cosa abbiano detto, hanno detto tutti la stessa cosa. Poi è venuto Rama. Supponiamo che Rama sia venuto su questa terra per stabilire il Re benevolente. Che cos’è un Re benevolente, l’idea di un Re benevolente, e allora parla diversamente. Poi è venuto Krishna. Krishna è venuto prima di tutto per stabilire la verità che dobbiamo ascendere e poi per mostrare che il mondo è soltanto un gioco del Divino. Poi è venuto Cristo; lui è venuto per creare dentro di noi la piena consapevolezza che noi siamo lo spirito. Dunque l’accento dei loro insegnamenti è posto sullo scopo per il quale sono venuti.

Ad esempio io devo dare la Realizzazione alla gente, io devo alzare la loro Kundalini,  devo spiegare tutte le incarnazioni e integrarle, e perciò devo parlare di tutte loro. Ma il mio compito è più facile, perchè in questi giorni la gente è più sensibile, ma ai tempi di Cristo la gente era assolutamente crudele, violenta e assurda. Anche Maometto ha avuto un tempo molto difficile e così Guru Nanak, nessuno di loro ha avuto un bel periodo come il mio. Nessuno di voi pensa di crocifiggermi.

E allora dovete comprendere che quando la verità illumina una persona in questo modo, non solo egli sa, ma può dare questa conoscenza anche ad altri; è quello che disse William Blake, che in questo periodo gli uomini di Dio, che siete voi, gente, diventeranno Profeti e avranno il potere di fare altri Profeti. A volte la gente dice, ma perchè questo non è successo prima ? Perchè non era ancora il tempo, ora il tempo delle fioritura è venuto e ora sta accadendo. Allora vedete la verità in tutta la sua completezza, come la situazione che c’era allora e la situazione che c’è adesso, e come il lavoro viene fatto man mano, con lo sviluppo dell’albero della vita. Questo è ciò che bisogna comprendere, l’idea completa, onnicomprensiva della crescita spirituale degli esseri umani. Fino a quando non avete questo tipo di comprensione siete come persone che dicono che il fiore è l’albero, oppure che una foglia è l’albero e poi litigano tra loro. Tutto è albero, per l’albero c’è bisogno di tutto.

Allora con la Realizzazione comprendete che la verità è quello che è, non può essere cambiata. Allora voi diventate la verità e la forza della verità entra in voi e non avete paura di nulla. La dite con forza. Dite questa è la verità, sappiate che questa è la verità. La gente potrà non accettarla, potrà crocifiggervi, potrà fare ciò che vuole, ma la verità è la verità e rimane la verità per sempre, è eterna. Ma questo cervello che noi non valutiamo molto diventa consapevole della verità, questa è la benedizione della verità che riceviamo con la Realizzazione del Sè o, come diciamo, attraverso il nostro spirito. Potremmo parlare della verità per altri sette incontri, se vado avanti, ma penso di dover passare all’altro aspetto, alle altre cose che succedono.

Un’altra cosa succede all’attenzione. Attualmente la vostra attenzione è rivolta all’esterno, perchè il nostro cervello è diventato come un prisma e i raggi che entrano nella nostra attenzione vengono deviati in fuori come reazione e la nostra attenzione va fuori. Se vi dico di mettere la vostra attenzione all’interno non potete farlo, proprio non potete, perchè prima deve succedere qualcosa all’interno ed è per questo che quando la Kundalini si alza dentro di voi la vostra attenzione viene attratta all’interno e quando questo succede vi rendete conto di poter mettere la vostra attenzione sia all’interno che all’esterno, ma altrimenti non potete. Molta gente dice di pregare, ma quando pregate all’esterno manca il collegamento. Prima è necessario stabilire questo collegamento. Così, quando la vostra attenzione è all’esterno voi reagite a tutto. Ad esempio, io vengo e vedo questi fiori, allora reagisco e dico qualcosa, oppure vedo un’altra cosa tutto il tempo, sto reagendo all’esterno. Come risultato di tutte queste sensazioni che derivano dalle nostre reazioni, la nostra attenzione viene assolutamente disturbata e noi finiamo in un sacco di guai.

Prima di tutto il nostro sguardo non è fermo, ma gli occhi vagano da qui a lì, Dio sa che cosa stiamo guardando. Gli occhi diventano impuri, perchè cominciamo a pensare alle cose, non appena vediamo qualcosa cominciamo a pensare e si crea una barriera. Ad esempio se c’è un’opera d’arte stupenda, una cosa meravigliosa che vedete, se guardandola c’è il pensiero non potete gioirne, ma se non c’è alcun pensiero allora c’è un rapporto puro, un puro collegamento tra l’opera d’arte e voi, allora la vedete, semplicemente, e gioite della gioia che l’artista ha trasfuso nella sua opera, senza pensarci. Altrimenti una persona normale penserà a cosa costa, quanto può risparmiare, o a cosa fare, acquistarla o no ? Un sacco di idee sciocche, irriverenti, di poco conto vengono nella vostra testa, oppure idee più elevate, come questo colore non va d’accordo con quest’altro, ma una persona realizzata si limiterà a vedere. Come i bambini, loro guardano, semplicemente, nello stesso modo, senza pensare.

Dunque la prima cosa che succede alla vostra attenzione è che i pensieri si calmano. Il pensiero è il primo problema nato con l’ego e ora, quando i pensieri si calmano, diventate pacifici. La gente parla di pace, dovremmo avere la pace, come potete avere la pace ? Non è possibile, è una situazione impossibile. Noi pensiamo di poter ottenere la pace pensando, organizzando, manipolando, ma non è possibile. E se non possiamo avere la pace in quel modo, come possiamo avere la pace ? Quando la pace si stabilizza nella vostra attenzione, quando la nostra attenzione è pacifica, quando siamo completamente senza pensieri, allora subentra la pace. Dopotutto la pace è disturbata solo dagli esseri umani, non è vero ? Non è disturbata da null’altro, è disturbata dagli esseri umani. Ora, se gli esseri umani non sono in pace, come possiamo ottenere la pace parlando ? Al contrario, potete star certi che dopo i colloqui ci sarà qualche azione violenta, succede sempre, perchè il pensiero è incapace di mantenere in equilibrio la nostra attenzione.

Ora il problema è come rimuovere il pensiero dalla vostra mente. La vostra mente è sempre piena di pensieri, potreste non avere pensieri se siete posseduti, ma altrimenti in che modo ? L’altro modo è quello di alzare la Kundalini. Un pensiero nasce e si dissolve per far posto ad un altro pensiero che sorge e si dissolve, ma quando la Kundalini si alza, allora succede che questi pensieri vengono allungati e comincia un lavoro interno e c’è un intervallo tra l’uno e l’altro e questo intervallo è il posto della nostra pace. Se raggiungete questa pace sarà possibile raggiungere la pace nel mondo. Non possiamo ottenere la pace semplicemente attaccando manifesti e gridando che vogliamo la pace. La pace deve venire dai cuori degli esseri umani, e la pace può entrare nei cuori degli uomini soltanto se entriamo nel cuore dello spirito dove esso manifesta la beatitudine della pace. Quando cominciate ad assaporare la beatitudine della pace non desiderate nessuna guerra, non pensate nemmeno alla guerra e questo è lo stato che gli esseri umani devono raggiungere.

Così questi tempi orribili che chiamiamo il Kali Yuga, questi tempi moderni di completa illusione, in cui tutto il sistema di valori è sovvertito, in cui tutti sembrano essere infelici e ammalati, sono i tempi che precedono il Kritta Yuga, ovvero i tempi in cui tutto verrà compiuto, perfezionato e stabilizzato. Questo è il significato di Kritta Yuga. E così i tempi primitivi, che erano chiamati Kritta Yuga, verranno ristabiliti, ma questi tempi primitivi verranno ristabiliti con la consapevolezza, come vi dicevo la sostanza diventa consapevole di sè.

La Kundalini, che è una cosa potenziale, che è la forza potenziale del desiderio dentro di noi, che ci consente di ristabilire lo stato originale, si manifesta e diventa consapevole di sè. Ecco che cos’è Sahaja Yoga oggi, è tutto Sahaja, è completamente spontaneo. Tutto il processo è stato spontaneo, ma oggi è quello che è. Così spontaneamente la nostra attenzione diventa pacifica, assolutamente pacifica, e quando questa pace è raggiunta, quando questa pace è stabilita nei vostri cuori attraverso l’ascesa, allora ogni briciola di questa pace emette pace. Una persona così emana pace, dovunque si trovi, se c’è una lite la lite si placa e subentra la pace. Abbiamo visto addirittura che se c’è una persona realizzata su un treno, una sola, in caso di incidente tutti si salvano. Ci sono molti casi, ad esempio un bus sul quale c’era una signora che era un’anima realizzata e il bus è finito giù per una scarpata capovolgendosi tre volte e poi si è fermato in piedi e tutti si sono salvati e il bus è potuto ripartire, allora tutti hanno cercato chi fosse quest’anima realizzata, perchè in India noi comprendiamo queste cose. Noi siamo più evoluti nella sensibilità spirituale che nella sensibilità materiale. Voi siete molto sensibili nei confronti delle cose materiali, e direi che dobbiamo imparare qualcosa da voi, ma anche voi dovete imparare qualcosa da noi, cioè la sensibilità spirituale; comprendere che cos’è la serenità e che cos’è la superficialità.

Così, con questa attenzione assolutamente in equilibrio, cominciate a vedere la superficialità e cominciate a scartare la superficialità. Vedete immediatamente ciò che è superficiale, vedete che non c’è nulla dentro, e poi l’attenzione va soltanto su ciò che è profondo, ciò che è Divino. Tutto il resto viene respinto, l’attenzione non lo accetta, non reagisce, non dice nulla al proposito, non ha nulla a che fare con esso, è semplicemente separata. L’attenzione rimane distante da tutte le cose superficiali, non ne gioisce. Ho visto diversi Sahaja Yogis che sono qui oggi, che in passato si abbandonavano a ogni genere di cose, a ogni genere, ne ero stupita. Come potevano abbandonarsi così, perchè erano uomini di Dio ? Ma era la situazione, era l’atmosfera e loro erano così. Avevano abbandonato i genitori, avevano abbandonato tutto ed erano diventati veramente come vagabondi, direi, ma quando hanno ricevuto la loro Realizzazione si sono sistemati e tutto si è stabilizzato. E adesso non vanno più in quei posti, non li gradiscono più, non vogliono più vederli nemmeno in televisione. Se la televisione li mostra la spengono, perchè la loro attenzione adesso ha un senso, il senso, direi, della purezza. Il senso della moralità, che quando è esteriore è solo ipocrisia. Ma questa è moralità profonda, interna, che vi mantiene morali. E’ una qualità interna, come nel Cristo. Il Cristo avrebbe mai fatto qualcosa di sporco ? Perchè egli non faceva qualsiasi cosa come ogni altra persona ? Perchè non era attratto da qualcosa che non fosse buono; perchè la sua attenzione era pura e non avrebbe mai accettato qualsiasi cosa che non fosse pura.

In questo modo la vostra attenzione diventa assolutamente pura, i vostri occhi diventano innocenti, i vostri occhi non hanno idee sporche, nè lussuria nè avidità, ma hanno in sè la purezza. E qualunque cosa sulla quale posiate il vostro sguardo diventa più pura, dovunque guardiate portate purezza e sprigionate purezza dai vostri occhi, non lussuria o avidità. E questo è ciò che deve succedere oggi, perchè il tempo è venuto, i nostri occhi adesso sono stanchi, stanchi di vedere tutte quelle cose orribili. Adesso vogliamo avere gli occhi che rifiutano. Perchè debbono esserci cose sporche ? Siamo solo noi che creiamo questo sudiciume, una volta che lo scartiamo scomparirà, è la nostra creazione. A chi dobbiamo dare la colpa ? Non sono gli uccelli ad averlo fatto, non sono le tigri o gli alberi, sono gli esseri umani, noi abbiamo creato tutte queste assurdità. Se noi veniamo purificati tutto verrà purificato.

Ora l’attenzione diventa, dico diventa consapevole collettivamente. Finora essa non lo è. Adesso se vedete una persona l’attenzione è sulla sua pettinatura o sul suo vestito, su tutte queste cose, ma non può penetrare all’interno per sentire che tipo di problemi ha questa persona, quali dei suoi centri sono ostruiti, se dal punto di vista del Divino è una persona buona o una persona cattiva. Ma quando la vostra attenzione ha raggiunto lo stato di consapevolezza collettiva, allora potete capire, vi basta vedere quella persona per sapere che tipo è. Voglio dire che ho molte esperienze di questo tipo. Una volta ho detto a mio marito che quest’uomo è venuto per saccheggiare il nostro paese e mio marito è rimasto scosso. Ha detto : come fai a dire una cosa del genere soltanto guardando la sua faccia ?  Io ho risposto : è venuto per depredare il nostro paese, ed è stato proprio così, nel giro di tre anni abbiamo scoperto che ci aveva saccheggiati. E può esserci molta gente come questa, negli alti gradi delle organizzazioni, dei Governi, ecc., che sono dei veri e propri truffatori e che possono rovinare tutto un paese o distruggerci completamente. Potete vederlo dalla loro faccia, ma questa penetrazione può avvenire soltanto quando avete questi occhi puri. Se voi stessi siete impuri, come potete vederlo ? Immaginiamo che i vostri occhi siano coperti da qualche colore, allora come potete vedere ? Per vedere qualcosa chiaramente è necessario che i vostri occhi siano limpidi e puliti, e questo è quanto ci succede, ma non c’è niente di sbagliato, una volta che la Kundalini si alza Essa accende una luce, potete vedere una luce negli occhi di una persona che è un’anima realizzata, i suoi occhi brillano e potete vedere uno scintillio negli occhi di una persona così e allora sapete che quella persona è un’anima realizzata.

E’ molto semplice riconoscere anche gli occhi di una persona buona o di una persona cattiva, una volta che sviluppate la vostra sensibilità interiore. E questo è dovuto all’attenzione che si trova assolutamente in equilibrio, senza che sorgano pensieri, guardate una persona senza alcuna barriera. Ad esempio, vedete, se vedo un Indiano penso immediatamente da quale paese viene, e da quale parte di quel paese, chi è, e questo e quello. E allora uno si perde, non c’è nulla di importante, ciò che è importante è che tipo di persona egli sia. Potrebbe essere vostro fratello, potrebbe essere una persona pericolosa – domani potrebbe uccidervi. Allora non ha importanza ciò che avete capito con il vostro cervello, non è importante. Ciò che è importante, se voi lo vedete com’è nel suo intimo, è che tipo di persona è. Dunque l’attenzione deve essere purificata, ma non siete voi a doverlo fare, è la vostra Kundalini stessa che purifica la vostra attenzione, voi diventate consapevoli collettivamente, tante cose succedono alla vostra attenzione. Stando seduti qui potete dire che cosa succede alla gente.

Ora Kritta Yuga significa che succede, che è manifesto, ora l’attenzione manifesta se stessa, è un’altra cosa molto importante che è successa. E’ come stare seduti qui ora e pensare a qualcuno, bene, se voglio posso pensare ma se non voglio non ho bisogno di pensare, questa è la situazione, ma se dopo la Realizzazione qualcuno ha bisogno del vostro aiuto, penserete semplicemente a quella persona e quella persona riceverà aiuto. Anche se la persona non lo sa e pensa a Dio voi potete aiutare quella persona semplicemente pensandola. Succede, è successo. Dovete aver visto una di queste cose che sono successe a Bedford, per la gente è sorprendente, ma è un fatto.

Il fatto è questo. Un ragazzo stava andando in moto ed è caduto giù da un ponte, così hanno chiamato un’ambulanza, ma dopo un po’ il ragazzo è venuto su da solo e tutti erano sorpresi perchè temevano che fosse morto. Erano sorpresi, come aveva fatto a tornare di sopra ? Gli lo chiesero e lui rispose : ve lo racconterò all’ospedale. Lo hanno portato all’ospedale e qui raccontò alla polizia che era caduto giù, ma poi venne una signora in una macchina bianca, io ho una macchina bianca, che scese e mi guarì. Essi chiesero : quale signora ? ed egli disse una signora Indiana, che portava un sari bianco. Nessuno potè credergli e pensarono ad un’allucinazione. Ma il giorno dopo il ragazzo vide la mia fotografia, perchè al momento del suo incidente io stavo parlando a Bedford in una sala più grande di questa. Tutti rimasero sorpresi e lui disse : c’è solo un punto del mio corpo, in fondo alla schiena, che la signora non toccò e che mi fa ancora male, ed ella mi disse : vieni da me e te lo curerò. Ma in questo non c’è nulla di grande, non è  nulla di speciale, perchè con la televisione potete ricevere qualcosa dall’etere, e potete sempre ricevere anche a quel livello e lo potete manifestare, ma ciò che riceviamo con la televisione non si manifesta.

Supponiamo di vedere la fotografia di qualcuno, non è che essa si alza e ci cura, vero ? Non lo fa. Ma se ci mettete l’attenzione, l’attenzione si manifesta. Guardate che cosa fantastica ! E’ difficile crederci, ma succede, succede che l’attenzione stessa si manifesta. Così quest’attenzione che diventa illuminata diventa uno col Divino, si manifesta, agisce e aiuta. E’ veramente miracoloso. Ma ora i Sahaja Yogis qui presenti conoscono mille storie del genere, è successo in questo modo, può succedere a voi, può succedere a chiunque di voi.

Ricordo che una volta c’era una ragazza che andò in un posto solitario e venne attaccata da alcune persone. Contemporaneamente alcuni Sahaja Yogis stavano viaggiando su un autobus e a un tratto scesero a un certo punto e continuarono a piedi. Essi non sapevano perchè stavano andando a piedi, ma si trovarono di fronte ad un assembramento di gente che stava attaccando quella ragazza e la salvarono. Loro erano di un posto diverso e lei chiese : come mai siete qui ? Mah, non lo sappiamo, abbiamo semplicemente sentito di dover venire da questa parte e allora siamo venuti, abbiamo semplicemente sentito le vibrazioni, siamo venuti qui e ti abbiamo trovato in questa situazione. Può succedere in questo modo, dunque voi diventate uno, diventate una unità. Come una parte del corpo. Se voi diventate l’attenzione diventate una parte del corpo intero, ma ne acquisite anche la consapevolezza. Come questo dito : è una parte del corpo, ma non ne è consapevole, non è consapevole di essere una parte del corpo intero. L’attenzione agisce ma è consapevole, agisce anche se non ha nessuna connessione con l’esterno, come ghiandole senza canale, e si manifesta e compie le cose nel modo in cui debbono essere compiute. L’attenzione diventa una cosa veramente fantastica.

Poi l’ultima cosa, e la più importante, è che voi diventate la gioia. Al giorno d’oggi abbiamo perso il senso della gioia. Ci irritiamo e ci arrabbiamo per le più piccole cose. Vedete correre i bambini “non dovete correre, perchè mi disturbate”. Pensate, quando i bambini corrono e fanno rumore sono così cari, così belli, danno tanta gioia, ma lei non lo sopporta, lei è troppo tesa, è lì che aspetta di sentirli per venire giù, c’è un bambino e lei lo sgrida, il bambino non può nemmeno parlare. Perchè sgridi il bambino ? Perchè fa rumore, non può parlare, e poi se ne torna da dove è venuta. State lì tutto il tempo ad aspettare di trovare difetti negli altri, ad aspettare di lamentarvi, ad aspettare di vedere cosa gli altri fanno di sbagliato, senza gioire della loro presenza.

Una volta stavo viaggiando in treno da Luknow a Delhi in uno scompartimento di donne, eravamo in quattro signore, ma con me c’era solo una signora e nell’altro scompartimento c’erano due ragazzi che si erano ritrovati dopo un lungo periodo, penso fossero compagni di collegio. E chiacchieravano, si davano pacche, sapete molto amichevolmente. Io mi divertivo e quella signora era tutta arrabbiata, disse questi stupidi idioti non mi lasciano dormire. Io dissi dormiamo tutto il tempo, si goda il loro divertimento. E lei disse cosa ? Lei se la sta godendo ? Lei sta realmente gioendo ? Io mi sento ringiovanita. Adesso ci capita di sentire questi discorsi così interessanti, così innocenti che stanno facendo, ma la signora si infuriò a tal punto che disse, no, no adesso vado a picchiarli. Io le dissi ma non può picchiarli, tutt’al più può bussare allo scompartimento ed essa bussò almeno dieci colte. Io le dissi, ma perchè bussa ? lasci perdere, io mi diverto, ma lei disse no, non ce la faccio. Poi uscì perchè, vedete, la sua attenzione non le permetteva di dormire. Andò fuori e sgridò i ragazzi “cosa pensate di fare e come vi permettete di parlare in questo modo ?” Poveri ragazzi ! Sapete, mi sentii così triste che quando la signora si allontanò andai dai ragazzi e dissi loro : non badate a lei, è ammalata, ha un udito molto, molto fine, allora parlate sottovoce così lei non lo saprà. Ma lei sentì anche questo e non voleva risparmiare nulla ai ragazzi, non dormì tutta la notte ascoltando se stavano parlando. E chiedeva a me : non pensa che stiano parlando ? Io dissi meglio dormire. Ecco in che modo terribile funziona la nostra attenzione, non riesce a godere di nulla. Gioite piuttosto degli uccelli che cantano, di come i bambini corrono, di come la gente parla, è così gioioso. Tutto è così una gioia, ma noi abbiamo perso completamente questa sensibilità.

Non riusciamo a godere la compagnia degli altri, ma poi sentiamo la gioia di stare con una persona che è un’anima realizzata, della sua semplice presenza, senza parlare. Spesso noi Sahaja Yogis viaggiamo assieme e c’è un gran silenzio e quando viene il controllore dice : state meditando, o che cosa ? Nessuna parla, si sta semplicemente seduti in gioia e lui non riesce a capire cosa succede a questa gente che non parla, che sta semplicemente godendo della compagnia degli altri, seduti vicini senza parlare. Nessuno si preoccupa della comodità. Sapete a volte abbiamo i nostri incontri dove siamo più di mille persone, oppure andiamo in India, dove la vita è terribilmente spartana, assolutamente spartana fino all’ultimo possiamo dire, e nessuno se ne preoccupa. Io dico volete andare nei villaggi, ma dovete aspettarvi posti terribili. Oh no, Madre, noi siamo in gioia. La nostra Kundalini si alza, in India è fortissima e noi proviamo una gran gioia, non vogliamo niente altro. E’ addirittura difficile rimandarli nei loro paesi, bisogna spingerli con una pistola per farli ritornare a casa. Ed essi gioiscono di tutte le scomodità dell’India. Sono rimasta veramente sorpresa ! Ci sono dei posti veramente molto scomodi. Ma una volta abbiamo avuto quattro americani e tre sono scappati, non riuscivano a sopportare, hanno detto Madre questo è troppo e abbiamo dovuto forzarli, trovare qualcosa a cui si attaccassero, ma non volevano abituarsi lì. Dicevano, Madre è troppo, come possiamo vivere in questo modo. Allora ho detto : quali comodità avete nel vostro paese ? vedete la plastica dappertutto, mangiate nella plastica, perfino gli asciugamani sono di plastica, almeno in India i tessuti sono di cotone. Per mangiare avete un piatto, diciamo un bellissimo piatto metallico. Cosa avete nel vostro paese che parlate delle vostre comodità? Allora si sono abituati un pochino. Ho detto va bene abbiamo almeno le automobili, ma usiamo i carri con i buoi, ma per loro era troppo viaggiare su un carro trainato da buoi, perchè il loro corpo era troppo scosso e la loro attenzione era tutta al di fuori.

Dunque ecco cosa succede, che la vostra attenzione diventa equilibrata, l’attenzione diventa consapevole collettivamente e voi cominciate a godere la presenza degli altri, mentre la cosiddetta comodità è zero. Come qui, vedete, se andata a Yorkshire scoprite che la gente è andata a Brighton. Perchè ? Per una vacanza. E la gente di Brighton è venuta a Yorkshire per una vacanza. Ho detto : ma perchè ? Non riesco a capire, non possono stare in casa, non si vede nessuno come un Grahasta, che vuol dire colui che sta in casa, non c’è il padrone di casa, sono sempre fuori, non appena hanno una vacanza devono prendere la loro roba e uscire. C’è della gente che si muove continuamente ? Perchè ? Perchè dovete viaggiare, muovervi ? Dovete stare a casa, la casa è il posto della beatitudine, dove stare seduti, parlare assieme, avere un rapporto, essere gentili gli uni con gli altri. Invece no, tra voi c’è sempre la televisione e se non c’è la televisione si litiga. Nessuno sopporta la compagnia dell’altro nemmeno per cinque minuti. C’è sempre di mezzo la televisione o il giornale o qualcosa d’altro.

Non c’è nulla come gioire della compagnia di un’altra persona. Perchè ? Perchè la nostra attenzione è così instabile, si lascia disturbare da ogni nonnulla, ma dico, come potete vivere in un posto senza nessun rumore ? Per  che cosa Dio vi ha dato le orecchie se volete stare senza rumori ? Egli vi ha dato le orecchie affinchè possiate gioire della musica del suo ritmo e questo lo potete sentire solo se diventate un’anima realizzata. Prima vi sentite molto a disagio, siete disturbati da qualsiasi cosa e se chiedete : cos’è che ti disturba ? Oddio, sa, ho dei vicini che sono giovani, cantano a squarciagola tutto il tempo, mi faranno invecchiare in fretta. Allora io dico : io mi unirei a loro, cosa c’è da sentirsi male ? Cos’è che non potete sopportare ? Vedete, perchè questo dovrebbe stancarvi ? Perchè è la nostra attenzione che ci stanca, la nostra attenzione è rivolta all’esterno tutto il tempo, e ciò che è peggio, è sempre in guardia. La nostra attenzione è sul tempo, ma perchè ? Perchè controllate il tempo, non c’è nessuna battaglia di Waterloo o altro che deve succedere. Non dovete preoccuparvi di questo, se una bomba deve arrivare arriverà senza che voi lo sappiate, e allora perchè guardare il tempo ? Dopo tutto il tempo non è importante, ciò che è importante è di gioire del tempo. gioire di ogni momento.

Ogni momento ha in sè un suo dinamismo, ma voi pensate : adesso cosa faccio ? Devo andare ? Madre sta parlando ! Ma riuscirò a prendere il treno ? Devo guardare l’orologio e quando arriva l’ora dovrò correre. Ma io vi dico che per un Sahaja Yogi i treni si fermano, gli aerei si fermano, tutto si ferma per lui. Perchè dopo tutto state entrando nel regno di Dio. Chi è più grande di Dio ? Chi è più potente di Lui ? Una volta che entrate nel Suo regno, tutto va per il meglio, è così, sapete. Madre non sappiamo come è successo. Ma tutto va per il meglio. Parlano in terza persona, va per il meglio. Allora la gioia di questi avvenimenti, la beatitudine, questa sicurezza di Dio vi riempie e quando ne siete riempiti vi sentite assolutamente rilassati. Sentite che tutto è fatto per voi.

Ora quel signore se ne è andato, non c’è bisogno che lo guardiate. Mentre stava seduto qui aveva grandi cose e ciò succede alla gente, perchè penso che lui fosse posseduto e stando seduti di fronte a me a volte viene presa da contorsioni, e fa ogni sorta di cose, meglio che se ne sia andato. Ma voi non prestategli attenzione, non è nulla di importante, non c’è bisogno di volgere lo sguardo. Parliamo piuttosto di qualcosa di bello, perchè mettere l’attenzione su qualcosa che non è tanto bello ? L’attenzione dovrebbe essere sulle cose belle, ma non lo è mai. Come dobbiamo fare ? Dobbiamo gioire delle cose belle, comprendendo le cose belle. Allora la nostra attenzione va lì e qualsiasi altra cosa non la vediamo, semplicemente non la vediamo.

Una volta siamo andati nel Nepal, certamente avete sentito parlare del Nepal e di un posto chiamato Kathmandu, assieme alle mie figlie. Normalmente gli indiani non porterebbero le figlie in posti dove vi sono delle cose di tipo erotico. In effetti non avevamo mai visto delle cose erotiche in tutta la nostra vita, perchè la nostra attenzione non è su di esse. E così abbiamo visto tutto il Nepal ma non abbiamo mai visto nulla di erotico, ma la seconda volta che andai lì un mio discepolo che stava scrivendo un libro mi disse . Madre, sai che il Nepal ha il maggior numero di immagini erotiche ? Ho risposto, no, non le ho mai viste. Mentre stavamo viaggiando con le nostre figlie non abbiamo mai visto quelle immagini erotiche da nessuna parte. Oh, ma è tutto pieno. Dissi dove ? In cima a ogni tempio. Allora dissi : perchè guardi la cima del tempio, perchè non guardi all’interno del tempio ? No Madre, disse, in cima al tempio è tutto pieno di immagini erotiche. Allora dissi dove ? E con mia sorpresa quando andammo lì trovammo che i giapponesi avevano costruito delle impalcature, quella specie di grandi scale meccaniche, scale speciali ed erano lì a prendere fotografie di queste immagini erotiche con gli obiettivi zoom. Io dissi : mamma mia, ma cosa succede a questi qui ? Dissi cosa c’è da vedere in questo, e loro stavano prendendo fotografie.

Io dissi : da questa distanza non posso vedere niente. Direi che ogni indiano che va lì va nel tempio, la sua attenzione è sulla Deità, e non è disturbato. Non abbiamo mai visto queste cose. Cosa c’è fuori ? E questi giapponesi erano lì con i loro obiettivi zoom. C’era uno che rischiava di cadere e si teneva sulla corda, un altro a testa in giù cercando di mettere a fuoco la macchina fotografica e per che cosa ? Per fotografare quelle porcherie, quel sudiciume. Ero sorpresa ! Perchè l’attenzione della gente è abituata alle porcherie. Ci sono gli spazzini in India che devono pulire e sgombrare la spazzatura, non è una cosa molto bella, e il loro naso non percepisce più lo sporco o la puzza. Vedete, diventano come gli animali che possono passare attraverso la sporcizia e le porcherie.

La stessa cosa è successa a noi, non abbiamo più il senso del peccato. Cosa c’è di male? E allora ! Ecco che cosa abbiamo perduto : la sensibilità di sentire, ma dopo la Realizzazione diventate sensibili e aborrite queste cose, le ignorate. Così subentra la discriminazione. Non gioite mai di un’azione peccaminosa, mentre fiorisce in voi la gioia della rettitudine e della virtù e voi diventate una personalità fiorente. Gioite veramente di voi stessi, non dite mai mi odio e non dite mai questa parola ti odio e nell’attimo successivo ti amo. Questo tipo di stupidità sparisce dalla vostra lingua. Diventate una persona meravigliosa che non è mai infastidita, mai infastidita. Gioite della vostra stessa compagnia anche se siete in prigione, state sempre bene con voi stessi, sia fuori che dentro, gioite perchè siete lì, non siete mai persi.

Ecco come la vostra attenzione diventa illuminata e voi diventate la gioia. E questa gioia vi riempie completamente. Diventate una personalità magnetica, piena di magnetismo. Sono rimasta sorpresa che il miglior profumo prodotto a Parigi è chiamato gioia, il più caro è gioia, penso che abbiano scoperto che la gioia ha in sè questo magnetismo, ed è di puri fiori. In effetti quei fiori li troviamo in India. Non so se questi fiori da cui è tratto questo profumo gioia si trovino anche qui, ma comunque sia trovo che hanno centrato l’obiettivo, quel profumo è gioia in ogni senso. Gioia significa che la gioia è il profumo di un essere umano. Se avete la gioia dentro di voi potete stare anche dieci giorni senza fare il bagno, che non avrete mai un problema di cattivo odore, perchè voi diventate un profumo, siete voi il profumo, dovunque. Alcuni pensano che ricevono il profumo da me. Potete dire tutti i tipi di profumo, succede così, perchè l’elemento, la materia nell’attenzione di Madre terra diventa il profumo, diventa il causale. Il causale di Madre terra è il profumo, diventa il profumo. Il magnetismo di Madre terra diventa il magnetismo della vostra personalità.

Qualunque cosa abbiate proviene dai cinque elementi, ritorna allo stadio primitivo, nel senso che diventa il suo causale. Come diventa lo splendore, il fuoco è il causale della luce, il causale della luce è il fuoco, lo splendore, il vostro volto splende, la vostra pelle splende, c’è splendore sulla vostra faccia. A volte si vede una luce sulle cose, ma vedere una luce non è una buona cosa, di questo vi parlerò più avanti, ma vedete che una persona così ha un volto che risplende. Così diventate il vostro primitivo, potete dire il vostro causale, ciò di cui siete fatti, tutti i cinque elementi espressi nel causale. Ma adesso il causale è consapevole, e questa è l’unica differenza. Così voi diventate la gioia, la fonte di gioia, colui che dà gioia e voi stessi gioite di voi, perchè il vostro Sè è così glorioso, così grande e così gioioso.

Che Dio vi benedica