Discorso ai sahaja yogi, Il ruolo di Belgio e Olanda

Trees and Willy Maes's House, Mechelen (Belgium)

Send Feedback
Share

S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I

Il ruolo di Belgio e Olanda

Discorso ai sahaja yogi

Malines[1] (Belgio), 21 Settembre 1986


E in Belgio devo dire che le signore devono essere di ottimo livello. Infatti Belgio e Olanda sono il Nabhi sinistro, in realtà non l’avevo detto ma è così. Non per spaventarvi, (ma) è molto importante. E nel Nabhi sinistro si trovano due organi molto rilevanti. Uno è la milza e l’altro è… come chiamate quello che produce zuccheri di … [Gregoire, che traduce in francese: “Il pancreas?”] – il pancreas.

Gregoire: Non è l’Austria?

Shri Mataji: Il pancreas è condiviso da entrambe. Vedi, ciò che dico è che il pancreas rappresenta l’Austria ed anche l’Olanda, diciamo, perché lo stile è lo stesso.

Gregoire: La cosa torna, dal momento che l’Austria ha governato qui, faceva parte dell’impero austriaco.

Shri Mataji: Sì, è per questo; c’è l’influenza austriaca. Ed è soprattutto in Olanda? Soprattutto in Olanda o…?

Gregoire: No, soprattutto in Belgio.

Shri Mataji: Oh, capisco. Quindi ecco cos’è, è condiviso. Per questo motivo le signore di questa nazione devono essere brave donne di casa, è molto importante. Devono essere delle Gruha Lakshmi, le dee della famiglia. E questa signora ne è un ottimo esempio. Voi non riuscite a sentirla.

[Qualcuno dice qualcosa.

Shri Mataji: Che cosa ha detto lui?

Gregoire: Ma allora facciamo un’unica traduzione, non ha senso tradurre in due lingue.

Shri Mataji: Fiammingo…

Gregoire: La maggioranza ha bisogno del fiammingo più del francese.

Yogini: Sì. Sì.

Gregoire: OK. Dunque per favore traduci in fiammingo.

Shri Mataji: Bene (ride).]

Le signore devono essere ottime donne di casa. Donna di casa non significa tenere perfettamente la casa, perfettamente ogni cosa per voi stesse, egoisticamente.

Vedo qui un esempio: lei è una bravissima donna di casa e una signora molto cordiale (la signora ride, Shri Mataji ride).

Ho avuto pessime esperienze in passato con le donne belghe, quando sono andata a casa loro; ma adesso sento che c’è qualcuno, posso vederlo, che può essere un modello per le altre.

[A lato: “Chiedete a lui di tenere gli occhi aperti, gli occhi aperti”.]

La Gruha Lakshmi è una istituzione molto potente, molto potente. In India per certi versi è considerata la più elevata, più di qualsiasi primo ministro o di qualsiasi posizione di massimo livello. Nella spiritualità la posizione della Gruha Lakshmi è considerata la più elevata.

Infatti si dice che una Sati, una Gruha Lakshmi, sia superiore agli Yati, ossia alle anime realizzate di altissimo livello, agli Avadhuta; ma se scagliano delle maledizioni, esse possono addirittura maledire un Avatar[2] (ripete ai traduttori in francese e fiammingo: “Maledire un Avatar”.).

Io le temo sempre tantissimo (Shri Mataji ride).

Esse però devono essere delle Gruha Lakshmi sotto ogni aspetto; devono cioè essere delle personalità dal cuore molto aperto, amorevoli, devote.

Ci sono molte storie di Gruha Lakshmi in India, possiamo raccontarvene mille e una, nelle quali sono descritti i poteri delle donne.

Come sapete, noi definiamo le donne la personificazione delle Shakti; ma la Gruha Lakshmi è la Shakti più potente. E lei è il potere di amore, compassione e perdono straordinari.

Quindi in questo Paese, o in Olanda, le donne devono cercare di imparare che devono svolgere un ruolo particolare nella vita.

Naturalmente, le donne devono essere molto dharmiche e caste. Devono essere per natura innocenti, non subdole e astute.

Il fiammingo è davvero difficile! (Shri Mataji ride, risate)

Bene. Ora, la responsabilità è in grandissima parte su di loro; così come nel corpo, quando la milza si altera e diventa frenetica, si sviluppa il cancro del sangue, insorge il cancro del sangue. (La milza) diventa frenetica perché l’uomo, la persona, non riesce a regolare i tempi dei pasti (ripete al traduttore: “I tempi dei pasti”).

La frenesia inizia al mattino presto, quando ci si alza e si legge il giornale.

Gregoire: Vede, Shri Mataji, questa è la bellezza di questo paese, il Belgio (risate). Deve sapere, Shri Mataji, che qui in questo paese minuscolo ci sono due lingue.

Yogi: Tre, tre.

Gregoire: Due, insomma, quelle davvero fondamentali sono il fiammingo e il francese.

Shri Mataji: E non si capiscono fra loro?

Gregoire: Uno non capisce (l’altro) e ne vanno molto fieri (risate). I francesi sono molto fieri di non capire il fiammingo perché le persone di lingua francese solevano pensare di essere un po’ meglio dei fiamminghi (risate).

Shri Mataji: Sì, sì, capisco (risate). E nessuno capisce il francese.

Gregoire: Sì, è vero.

Shri Mataji: Neppure gli Dèi comprendono il francese; è meglio che i francesi apprendano un’altra lingua (Shri Mataji ride).

Yogi: (Dice in francese:) È meglio (risate).

Shri Mataji: Il francese è fuori questione. Complicano tutto inutilmente, (secondo loro) il suono che si emette da una parte deve essere emesso da un’altra. Vedete, si deve emettere il suono dalle parti idonee. Invece loro vogliono emetterlo dal naso, da qui; non è necessario, sapete, è diretto… Ah, traduci questo.

Gregoire: Faremo un po’ di (traduzione in) fiammingo e un po’ in francese, d’accordo? Nello spirito del compromesso.

Shri Mataji: Bene. (Gregoire traduce in francese la frase di Shri Mataji secondo la quale i suoni in francese sono troppo nasali. Shri Mataji aggiunge: “Gutturali”)

La R, la lettera R… sapete, R è quella che sta per Ra, ossia l’energia, la R.

Dovrebbe essere Ra, voi dite er, er, er (Shri Mataji imita la “erre moscia” francese ed insegna ai francesi a pronunciare correttamente la R. Tutti la imitano, Gregoire dice: “Io non ci riesco!”) R! R! R!

Yogi: Io non riesco a dirlo!

Shri Mataji: Non riesci a pronunciare R? Sapete, in America si deve dire R.

Gregoire: Bene, quindi er (erre moscia) non è corretto, dovrebbe essere qualcos’altro.

Shri Mataji: R. Anche la pronuncia del mio nome non è chiara. Deve essere Nirmala (con una R netta e definita, ndt); se dite Ni[r]mala (ossia la R pronunciata alla francese), non è bello, ha un significato completamente diverso.

[Gli astanti provano a dire “Nirmala” correttamente. Gregoire: “Ci riescono molto bene, Shri Mataji”]

Nirmala. Nirmala, sì, i fiamminghi ci riescono ma non i francesi.

Bene. Abbiamo divagato un po’ ma adesso direi che il nostro argomento principale è l’importanza della donna di casa.

Il problema principale è che al mattino i mariti, quando si alzano, leggono il giornale. Devono assolutamente leggerlo; tutti gli uomini lo fanno (risate).

Bene, così, nel leggere il giornale, ricevono il primo shock (risate). Sono molto turbati perché il giornale riporta sempre notizie orribili.

Allora una brava moglie dirà: “Non importa, non succede a noi, perché sei così alterato?” (Shri Mataji ride, risate).

Per prima cosa calmatevi voi e poi il mondo intero si calmerà con voi.

Dopo occorre andare al lavoro così non hanno tempo, si infilano i pantaloni, si precipitano per le scale, corrono alla macchina senza fare colazione e la moglie li rincorre con la colazione (risate).

Ingurgitano la colazione in qualche modo, mentre guidano; poi trovano un ingorgo di traffico, si irritano e dicono cose di ogni genere perché stanno facendo tardi.

Così inizia un altro shock.

Ora, quando consumate il vostro cibo, occorre che i globuli rossi del sangue si occupino della vostra digestione. L’energia deve confluire lì. Ma se guidate e fate colazione mentre siete già in una situazione di shock, la povera milza, che deve produrre per voi questi elementi speciali che sono i globuli rossi del sangue, non capisce. Si chiede se debba produrli in quel momento o quando.

Questo perché non c’è regolazione dei tempi, non c’è un andamento corretto, nessun ritmo. Ebbene, quando (la milza, ndt) inizia a vacillare in questo modo, impazzisce e inizia a comportarsi in modo davvero folle.

(Dopo le due traduzioni) Bene. Ora, con tutti questi fatti si diventa vulnerabili al cancro del sangue. Infatti (la milza) è un regolatore di velocità, ed è lei che vi dà la pace in quanto agisce su un sistema completo di ritmo universale.

Così, a quel punto, vi accorgete di imbattervi in qualcuno pieno di bhut o con qualcosa che non va e allora potreste contrarre il cancro.

Ebbene, il blocco al Nabhi sinistro si sente su questo dito. Ma quando si combina con l’Agnya sinistro o lo Swadhisthana sinistro, entrambi, con uno dei due, potete diventare vulnerabili al cancro del sangue. E si instaura il cancro, il cancro del sangue.

Ora, le madri che per natura sono frenetiche, molto ansiose, che dicono: “Fai questo, fai quello”, che vogliono essere sempre molto frenetiche anche con i figli, quando sono incinte possono provocare il tumore del sangue ai bambini che non sono nemmeno ancora nati. In India probabilmente la gente si è resa conto di questo molto tempo fa, quindi il criterio è che se l’orario d’ufficio è alle 10, la moglie si alzerà verso le 4 per cucinare e preparare ogni cosa.

Il marito si alzerà, ma noi non abbiamo i giornali, sapete; oggigiorno ci bombardano, certo, ma i nostri giornali, grazie a Dio, sono anche sottoposti a censura, non sono così terribili. Non abbiamo fotografie di donne volgari e sconcezze varie. Insomma, sono tutti soggetti a censura.

Lei, dunque, al mattino cucina, si siede con lui e, mentre lui mangia, gli fa vento con un ventaglio. Diciamo che il ventaglio imprime il ritmo. Il ventaglio, il ventaglio.

Gregoire (dopo che l’altro traduttore ha tradotto in fiammingo): Penso sia una buona idea che io traduca questo in francese. (Risate)

Shri Mataji: È molto importante per i francesi. (A lato: “Sì, ora questo…”. Verso la fine della traduzione in francese Shri Mataji ride, risate)

Non devo usare il ventaglio per colpirli (risate, Shri Mataji ride).

Ora, dunque, questo determina il ritmo per tutta la giornata e il marito non assume comportamenti frenetici, sapete. [A lato: “Non è ancora arrivato”.]

[Qualcuno non sente la brezza fresca? No, non molto… (dà alla persona alcuni suggerimenti sulla corretta postura da tenere, tradotti in francese da Gregoire). O la pianta dei piedi. Sì…]

Ed è così che la moglie crea un’atmosfera di pace per l’uomo e non discute la mattina presto di spiacevoli cose domestiche per disturbarlo. Questo è molto importante, diversamente siete (come) un altro giornale (risate).

Ma ciò che lei in realtà fa è creare un senso di pace in casa. E come fa? Sopportando, assorbendo le cose come fa la Madre Terra, lei assorbe tutto.

Lei è una personalità molto matura e riesce a vedere la futilità di liti, discussioni e inutili bisticci.

È così potente che non può prendere nulla ma dà, gioisce nel dare. E dare è la sua unica gioia. Ed è così che lei trae la sua energia, da quella gioia.

Per questo motivo in Belgio avete avuto pittori così straordinari e questa grande creatività, e la bellissima produzione di Delft[3] e tutto il resto in Olanda.

Infatti hanno trasformato la bellezza della Madre Terra in qualcosa di fantastico. Non è ceramica, fanno porcellana e la porcellana viene dalla Madre Terra. Quando però questo principio funziona correttamente… se ad esempio ricomincerà ad agire in Belgio e in Olanda, tutto il mondo potrà essere condotto alla pace.

Gregoire: Ah, Shri Mataji, mi lasci dire che è molto interessante, dato che gli olandesi si preoccupano molto di questioni di pace, in politica…

Shri Mataji: Lo so, lo so, e in Olanda questo Nagen (Nagendra, ndt) Singh[4] ha già istituito per questo motivo una missione di pace, sì, una cosiddetta… (missione di pace. Detto in modo ironico, ndt) (Yogi: “Sì, sì, Shri Mataji”, risate), chiamiamola così. Ed anche la Corte Internazionale di Giustizia (dell’Aia, in Olanda) ha sede qui per la stessa ragione, per darvi giustizia.

La giustizia, il senso di giustizia viene dunque da questa qualità speciale del Nabhi sinistro. Vedete, nella giustizia la prima cosa è non danneggiare gli innocenti. Questa è la qualità fondamentale. Questo è il fondamento della legge.

Si deve valutare se chi viene accusato sia innocente o no, è questo il punto: devono essere salvati gli innocenti, non i criminali. La legge serve per proteggere gli innocenti.

Ebbene, si può constatare che, ovunque in tutto il mondo avvengano tali cose sbagliate, queste possono essere condannate dalla mentalità olandese.

Passando ad un livello più sottile troviamo la grande responsabilità che avete nei confronti di pace e giustizia. E la giustizia non si lascia fermare da nulla che possa minacciare le altre sicurezze.

Quindi una persona che creda nella giustizia deve essere molto coraggiosa.

Un esempio è il Nicaragua[5]: è un caso in cui l’America è stata sfidata. E l’America è “molto potente” (tono ironico, ndt), sapete, e devo dire che è uno straordinario risultato che la Corte Internazionale dell’Aia abbia sancito che non hanno diritto di tormentare il popolo del Nicaragua in quel modo.

E, come al solito, l’America ha ritirato i propri fondi, è tipico, non hanno alcun… (parola non chiara, ndt). Ma non si può comprare la giustizia con il denaro. Chi vuole giustizia dovrebbe essere disposto anche a sacrificarsi.

Così, ora, la responsabilità dei belgi è la pace, e quella degli olandesi è la giustizia.

E sono interdipendenti, pertanto ambedue le qualità devono agire fra entrambi questi paesi. Ora il regolatore di velocità, ossia il Belgio, va a rilento in quanto tutte (Shri Mataji ride) tutte le vostre fabbriche sono chiuse.

Non dovrebbe andare molto veloce e neppure molto lento. Dovrebbe stare al centro.

Come risultato, adesso il commercio marittimo è crollato, totalmente, l’acciaio è crollato e in tutto il mondo ormai si è fermato tutto il commercio marittimo dell’acciaio, le navi sono ferme.

Quindi, sebbene possa sembrare un paese piccolo, il Belgio è uno strumento importantissimo nell’universo.

E lo stesso vale per l’Olanda, in quanto essi devono occuparsi della giustizia del mondo.

Allo stesso modo in cui dovreste criticare l’America, dovreste criticare anche la Russia e tutti quei paesi che vogliono combattere tra loro. Voi non dovreste avere nessun rapporto con loro, dovreste stare in piedi sulle vostre gambe.

Quindi, il primo congelamento del Nabhi è avvenuto in Belgio.

Adesso non so se gli Occidentali si rendano conto che occorre prendersi cura del Belgio.

Ed essi devono far ripartire il ciclo (economico, ndt).

Ora, con Sahaja Yoga, con tante persone qui, sono sicura che, poiché il vostro principio di Mahalakshmi è stato risvegliato[6], le vostre attività riprenderanno, e si arriverà ad una sorta di sentiero centrale sia del progresso sia della comprensione emotiva della vita familiare.

Per questo, però, le donne di casa devono capire, devono maturare e non infastidire i mariti con cose prive di senso. E dovrebbero cercare di nutrire ed incoraggiare i propri mariti, così come la Madre Terra nutre l’albero.

Con questo atteggiamento sono sicura che avremo pace, giustizia e prosperità in questi due paesi.

Inoltre gli uomini devono rispettare le donne rispettabili. In sanscrito si dice: “Yatra narya pujyante tatra ramante devata”, ossia: “Dove le donne sono rispettate e rispettabili, lì risiedono le Deità”.

Significa che le donne dovrebbero essere rispettabili, non dovrebbero condurre uno stile di vita disdicevole. Comprendendo questa visione, sono sicura che vi renderete conto dei vostri grandi poteri e della vostra sublime posizione.

Quindi non vi è alcuna dominazione degli uni sugli altri, ma occorre rendersi conto che siamo come due ruote di un carro e che le due ruote sono simili ma non uguali. La destra, ad esempio, non può essere inserita a sinistra e la sinistra non può essere inserita a destra. Sono uguali: se non saranno uguali non ci sarà alcun movimento (in avanti), ma continueranno solo a girare su se stesse e a lottare (risate).

Però non sono neppure simili, per cui se la sinistra si mette ad andare a destra non vi si adatterà mai, nel modo più assoluto. La natura ci ha creati con due gambe, non con una gamba sola.

E non possiamo invertire la posizione delle nostre gambe (risate). Ma potrebbero esserci mariti orrendi e mogli orrende, è possibile; e solo nella religione di Vishwa Nirmala Dharma, solo in questa religione adesso abbiamo l’idea che in certe circostanze dovrebbero divorziare. Solo in questa religione. È un progresso (Gregoire: “Oh, sì”); oppure una degenerazione, non lo so.

Ora, il modo molto semplice di gioire della vita matrimoniale è capire che lui è vostro marito e lei è vostra moglie. Se pensate: “Questa è la mia casa, è qui che devo vivere”, sappiate che dovete vivere felicemente in questa casa, non dovete struggervi per la casa di qualcun altro.

La realtà è che questa è la mia casa, devo viverci e gioirne. Ma se mi metto a guardare le altre case, non potrò mai essere felice.

Non c’è fine a questo. Questa è stupidità. Se non si vuole gioire di ciò che si ha e si vuole qualcos’altro, non si potrà mai essere felici.

È per questo motivo che le leggi dell’economia funzionano, perché vi inducono a pensare che dovete avere sempre di più. Ma dopo Sahaja Yoga tutte queste leggi dovrebbero fallire, dovrebbero agire soltanto le leggi divine.

Ed anche nella vita matrimoniale, se iniziate a guardare altri uomini o altre donne considerandoli migliori… insomma, avete vostro marito e vostra moglie, gioite fra di voi. È stupido cercare di gioire di qualcun altro che non vi appartiene. È stupido. Quindi traete il meglio dalla vostra vita gioendone. [A lato a qualcuno: “… Bello, grazie. Sì, ora traduci”].

Guardare la moglie di qualcun altro o il marito di qualcun’altra pensando sempre: “Oh, lei sarebbe potuta essere mia moglie”, “Lui sarebbe potuto essere mio marito”, è assurdo, è proprio stupidità. È come guardare i capelli di qualcuno: “Vorrei avere i suoi capelli”. Perché? Pensate che stupidità. Oppure: “Dovrei avere il suo naso”. Il vostro naso è questo, va bene? È altrettanto stupido (Shri Mataji ride, risate). Allo stesso modo, la vostra famiglia, la vostra casa, i vostri figli vi appartengono, sono parte integrante di voi.

E se sono parte integrante di voi, che c’è da brontolare e lamentarvi che lui non fa una certa cosa, non porta un’altra cosa, non fa qualcos’altro? Che cos’è?

(Dovete pensare:) “Questo è mio marito, così com’è”. Tutto qui. (Spiega al traduttore che traduce in fiammingo) Questo semplicemente per dire che, comunque sia vostro marito, è vostro marito, è fatto così, va bene; che ci si può fare?

Cercate anche di capire vostro marito o vostra moglie; dovete cercare di comprendere.

I mariti, ad esempio, possono essere molto strani con le mogli. Vedete, gli uomini sono uomini, hanno sempre gli orologi, arriveranno in un posto due ore prima. Sono così, sapete, sono sempre avanti con i tempi (le signore ridono). Non c’è dubbio che le signore ridano… (Anche Shri Mataji si mette a ridere sonoramente).

Incalzano le mogli: “Avanti, quanto ci metti, ci metti sempre troppo tempo”. (Risate)

Invece, gli uomini cosa hanno da fare? Non hanno problemi, hanno risolto i loro problemi di abbigliamento, sapete, è molto semplice: il lavoro lo ha fatto il sarto (risate), loro se lo infilano (quell’abito) ed escono! Non devono preoccuparsi dei capelli, non devono preoccuparsi delle cose. Ma una donna deve vestirsi in modo adeguato, deve trovare il vestito adatto al luogo in cui andrà, perché lei rappresenta il colore e la bellezza della creazione. (Il traduttore in fiammingo esita quasi imbarazzato, le signore ridono. Il traduttore dice: “Sto imparando molto!”. Risate)

E l’uomo è molto ansioso in merito alle sue relazioni ufficiali, diciamo, o comunque sia, è sempre proteso in avanti a stringere sempre la mano a tutti, a stringere mani: “Scusi, scusi, grazie, grazie” (risate). Mentre una donna è una creatura timida, sapete, non è così ansiosa di intrecciare tutte queste relazioni (Shri Mataji ride, risate); così sta indietro e lui le dà dei pizzicotti, la spinge, torna a… – è un’idea sbagliata.

Generalmente, una donna non si intenderà molto di attività bancarie, non molto di operazioni bancarie, certo, in fondo va benissimo. Se lei non si intende di operazioni bancarie va benissimo: l’uomo può nascondere il denaro (Shri Mataji ride). Non dovrebbe farlo (risate).

Gli uomini sono l’opposto, possono essere molto aggressivi con le donne, ma anche loro dovrebbero capire ciò che devono cambiare di se stessi. Ma anche le donne dovrebbero sapere che non dovrebbero mai cercare di aggredire i mariti in presenza di altri; in camera da letto va bene (risate generali).

La donna deve anche capire che tipo di marito è.

Ora, ad esempio, direi, a proposito del mio matrimonio, che – pensate – il giorno in cui mi sono sposata, mio marito è andato in ufficio, è tornato a casa, si è sposato alle sei della sera e il giorno dopo è tornato in ufficio.

Da allora è andato in ufficio per anni finché siamo venuti a Londra, non si è mai preso neppure un giorno libero, neppure di domenica. Questo è il mio caro marito. Ed anche adesso che il sabato deve tornare a casa, porta con sé delle enormi pratiche e ci lavora. E, secondo lui, ha un lavoro importante perché ha lavorato moltissimo. Però non so che vantaggio io abbia tratto dal suo lavoro importante, sono tutti svantaggi.

Ma non mi sono mai lamentata di questo in tutta la mia vita, pensate, non ho mai preteso nulla. Al contrario, l’ho aiutato nel suo lavoro ogni volta che è stato necessario. Gli ho tenuto compagnia.

E adesso, il 25 di questo mese è una festa chiamata la… (Gregoire: “Giornata marittima”) Giornata Marittima, e in quel giorno potrei dover stringere la mano a ottocento individui strambi che entrano e che (poi) escono come ottocento ubriachi (risate).

Lui però dipende completamente da me. Il giorno in cui gli dirò che devo prendere il sannyasi, che devo adempiere la mia nascita, qualsiasi immagine lui si sia costruito crollerà completamente.

E devo dire che è ben lungi da essere un marito modello. Ma in ogni caso il mio suggerimento è che voi dovete essere mogli modello.

Infatti voi gioite delle vostre virtù, non della virtù di qualcun altro. Se, ad esempio, c’è un ladro che dice di gioire della virtù di un uomo onesto, invece di essere onesto lui stesso, come sarà possibile? (Spiega al traduttore) C’è un ladro che dice: “Io sono un ladro, ma gioisco della virtù di un’altra persona”. A che serve? E se l’uomo retto non gioisce delle sue virtù, chi ne godrà? Il ladro?

Voglio dire che dobbiamo gioire noi delle nostre virtù, no? Se una donna è casta, deve rendersi conto della propria castità e gioirne lei stessa: pensate forse che sarà una donna immorale a gioirne al suo posto?

Vi farò un esempio per capirlo, la natura umana è molto complicata. Consideriamo l’esempio di un uomo onesto, un onesto funzionario, in India, che non prenda tangenti. Costui si lamenterà sempre: “Io sono così perché sono onesto” (detto con tono triste, ndt). Insomma, se siete onesti, rallegratevene!

Siete onesti perché ne gioite, oppure perché lo preferite a qualsiasi altra cosa.

La differenza maggiore, la vostra priorità è essere onesti. Allora gioitene, siatene fieri. Invece costui dirà sempre: “Oh Dio, io sono onesto, per questo soffro”.

Allora qualcuno dirà: “Va bene, allora diventa disonesto! Insomma, perché sei così infelice?”. (Risate)

Sì – e accade lo stesso con le donne che sono caste, virtuose e brave, sapete: ne fanno un affare di stato.

Se pensate che per voi sia difficile, meglio rinunciare, no? Insomma, la virtù è il vostro ornamento, non è un cappio intorno al collo.

Soltanto chi gioisce delle proprie virtù è una persona di calibro elevato. Non soffre, non si sente infelice, ma va fiero delle proprie virtù.

È dunque questo che dovete comprendere: adesso, quali che siano le vostre qualità a causa delle quali può sembrare che soffriate, non importa.

E adesso questa nostra nuova stirpe esistente dei sahaja yogi deve comprendere che voi avete anche una natura universale, però in particolare siete belgi e la vostra insistenza dovrebbe essere quella di inculcare tutte le qualità di pace e giustizia dentro di voi.

Quindi dobbiamo capire quale contributo abbiamo dato per la pace della nostra famiglia e la giustizia all’interno della famiglia ed anche al di fuori. Dobbiamo avere giustizia. La giustizia non deve essere pretesa: appena vi mettete a chiedere giustizia, non c’è pace.

Non dovremmo dunque chiedere giustizia, dovremmo rendere giustizia a noi stessi e agli altri e dovremmo essere pacifici con noi stessi e con gli altri.

Bene, che Dio vi benedica tutti.


[1] Conosciuta anche con il suo nome olandese di Mechelen. È situata nella provincia di Anversa, nella regione delle Fiandre. Si trova esattamente a metà strada tra Bruxelles ed Anversa, in uno dei più grandi distretti industriali del paese. Questo discorso in particolare è tenuto a casa dei sahaja yogi Trees e Willy Maes.

[2] Incarnazione.

[3] Delft (cittadina universitaria situata tra Rotterdam e L’Aia) gode di fama mondiale grazie a Johannes Vermeer (il maestro della luce, autore, tra gli altri, del dipinto ‘Ragazza con l’orecchino di perla’), la ceramica Blu Delft e la Casa Reale.

[4] Nagendra Singh, presidente della Corte Internazionale di Giustizia dell’Aia dal 1985 al 1988.

[5] Nei primi anni ’80 il governo americano venne accusato dal Nicaragua di aver usato contro di lui la forza armata diretta, disseminando mine nelle acque territoriali nicaraguensi, violando palesemente il diritto internazionale consuetudinario e causando danni alle navi mercantili del Nicaragua e di altri Stati, oltre ad aver attaccato i porti, le installazioni petrolifere e le basi navali e inoltre di aver fornito assistenza logistica ai ribelli anti-sandinisti (contras). La Corte Internazionale di Giustizia, in una sentenza del 27 giugno 1986 (pochi mesi prima di questo discorso) stabilì che le manovre militari condotte dagli U.S.A. in Nicaragua erano di per sé illecite, in quanto costituivano una violazione del principio che vieta l’uso della forza.

[6] Nello stesso giorno era stato celebrato un Mahalakshmi Puja nella stessa città di Malines.