Discorso dopo i bhajan e il Puja

Barcelona (Spain)


Send Feedback
Share

Discorso dopo i bhajan e il Puja, Barcellona (Spagna), 21 Maggio 1988.

Possiamo sentire il ritmo e l’ emozione dell’ autore di questa canzone. Siamo in un Paese pieno di emozioni e le emozioni cominciano a muoversi dentro di noi. Ovunque Io vada, la gente mi chiede se sono spagnola. Mi sono quindi chiesta : “Cosa c’ è in me che mi rende simile ad una donna spagnola ?” Penso sia l’ amore del mio cuore che traspare sul mio volto. Spero che le donne spagnole diventino colme d’ amore e d’ affetto verso gli altri.

Di una cosa dobbiamo renderci conto : Sahaja Yoga è amore. Amore Divino. Non è attaccamento, non  è possesso. È amore che dona ! Non è l’ amore da cinematografo, non è l’ amore per le cose materiali, non è l’ amore per la propria fama. È l’ amore del Divino !

Questa rivelazione si manifesta nella realtà, se davvero voi cercate di essere testimoni di ogni cosa per quello che realmente è, e vedete da voi stessi da dove nasce il vostro attaccamento e in quale forma si manifesta. Una volta che avete scoperto di essere distaccati, di essere dei testimoni, l’ amore puro comincerà a fluire automaticamente.

Non appena avrete ricevuto la vostra luce – la luce del sole, – la nebbia sparirà. Allo stesso modo, non appena lo Spirito illumina la vostra attenzione, tutti i vostri dubbi, tutti i vostri errori scompaiono. È quel che vi ho detto oggi : dovete essere consapevoli di voi stessi, perché ora avete sentito il vostro , il vostro Spirito. Se siete lo Spirito, siete simili ad un diamante risplendente che dà luce propria. È quindi importante capire cosa voi siete e cosa gli altri non sono. Questa consapevolezza deve essere il cammino innato del vostro essere. Solo allora agirà e permeerà l’ atmosfera e gli altri. Spero che quando tornerete nei vostri Paesi porterete loro il mio messaggio : noi tutti dobbiamo essere consapevoli di noi stessi.

Se mettete della sporcizia sul diamante, questi non risplenderà più. Ma la sporcizia non ha nulla a che vedere con la lucentezza del diamante. Se togliete lo sporco, il diamante tornerà a risplendere in tutta la sua luce. Per questo, sapete cosa dovete fare : dovete pulirvi ! Se continuate ad essere di lato destro o di lato sinistro, guardatevi in faccia e scoprite cosa non va. Semplicemente, pulitevi !

Semplicemente, non accettate che sporcizia e sudiciume coprano il vostro diamante. È questo quel che dovete capire in Sahaja Yoga. Quando la luce del diamante risplende non sarà necessario provare che si tratta di un diamante. Lo siete ! Nessuno può dubitare di tale splendore. Nessuno supporrà trattarsi di un impostore, di uno che non abbia diritto di parlare di Dio.

Tutti cercano la realtà. La sola cosa è che dovrebbero vederla in voi : è in mano vostra. Ad esempio, avete visto che ovunque Io vada e tengo dei programmi accorrono migliaia di persone. In Italia è bastato che vedessero la mia foto e sono venuti ai miei programmi. Non proclamo nulla. Non prometto nulla. Eppure vengono ! Il motivo è che sono sensibili e possono sentire che in questo viso c’ è genuinità. Quel che è dentro si vede fuori. Se non siete genuini, ciò si manifesta all’ esterno.

Ecco perché la luce interiore dovrebbe dare una luce molto grande, risplendente. In questo modo la gente potrà vedere la realtà. Così tante luci ! Sono sicura che può vedere la bellezza sui vostri volti. A Roma, quando cantavate, un anziano signore venne da me e mi disse : “Posso vedere la luce sui loro volti !” Voi potete vederlo : c’ è una foto con una luce che brilla sul capo di ciascuno di voi qui (porta la mano sopra la testa).

L’altro giorno ho visto un quadro di Del Greco dove i discepoli del Cristo erano benedetti dallo Spirito Santo e ciascuno di loro aveva una luce che usciva dal capo. Ma erano così pochi. E voi siete così tanti e sulla testa di ciascuno di voi splende una luce che vi guida, che si prende cura di voi, che vi ama, che vi mostra il cammino…..

Non dovete mai sentirvi soli. Ma cercate di mantenervi puliti, perché questa luce… potrebbe anche scomparire !

Possa Dio benedirvi !