Sahasrara Puja, Il volere di Dio

Campus, Cabella Ligure (Italia)

Feedback
Share
(06/2022 SOTTOTITOLI, traduzione verificata)

SHRI MATAJI NIRMALA DEVI

Sahasrara Puja

Il volere di Dio”

Cabella Ligure (Italia), 10 Maggio 1992





Oggi celebriamo il giorno del Sahasrara.

Forse non ci siamo resi conto di che (gran) giorno sia stato. Senza l’apertura del Sahasrara, Dio stesso era un mito, la religione era un mito e tutti i discorsi sulla divinità erano dei miti. La gente ci credeva ma era solo una convinzione e la scienza, quando fu introdotta, era sul punto di cancellare tutto il sistema di valori, tutte le prove dell’esistenza di Dio Onnipotente.

Se guardate alla storia, quando si affermò la scienza, i cosiddetti responsabili alla guida delle religioni, delle varie religioni, cercarono, uno dopo l’altro, di adeguarsi alle scoperte della scienza. Provarono a dire: “D’accordo, se quanto è scritto nella Bibbia è sbagliato, dovremmo correggerlo”.

Lo fece specialmente Agostino. E si iniziò a pensare che fossero tutte stupidaggini, che le Scritture fossero semplicemente dei miti.

Almeno, però, il Corano conteneva molti concetti che descrivevano la biologia moderna.

(Gli scienziati) non potevano credere che gli esseri umani fossero stati creati appositamente da Dio. Pensavano fosse un puro caso se gli animali si erano evoluti, uno dopo l’altro, fino a diventare esseri umani.

Perciò la divinità fu sempre messa in discussione, e non c’era modo di fornire una prova di quanto era scritto nella Bibbia, nel Corano, nella Gita, nelle Upanishad o nella Torah. Niente di tutto ciò poteva essere provato, perché rimaneva sempre ancora un credo.

Pochissime persone avevano avuto la realizzazione e, quando parlavano, la gente non credeva loro e pensava che cercassero solo di affermare le loro teorie personali. Così tutto divenne una specie di scienza morta, non esisteva una scienza della religione.

La gente iniziò a pensare: “Perché seguire i Dieci Comandamenti o queste rigide regole di vita dato che, seguendole, non si ottiene nulla e si perde tutto il divertimento dell’esistenza? E perché pensare ad ottenere qualche punya?”.

Ed è questo il motivo per cui è sempre avvenuto un grande deragliamento del sistema dei valori umani.

Inoltre, queste religioni organizzate, queste religioni organizzate monolitiche iniziarono ad orientarsi ad acquisire potere o denaro, poiché lo consideravano l’unico modo per poter controllare la gente e andare avanti. Non si preoccupavano minimamente di perseguire gli obiettivi descritti nella Bibbia. Naturalmente la Bibbia fu alterata notevolmente e vi furono apportati molti cambiamenti. Individui come Paolo e Pietro, che si erano alleati, cercarono di alterare la maggior parte della verità.

Il Corano non è stato manomesso così tanto, ma tratta soprattutto del lato destro, del sistema riproduttivo e cose di questo genere. E tanti aspetti sono ancora ambigui.

Ora sono accadute simultaneamente due cose, non so se ne siate consapevoli o meno. La prima è che abbiamo una nuova scienza della microbiologia grazie alla quale abbiamo scoperto che ogni cellula contiene una sequenza del DNA1. Ogni cellula ha in sé un programma. Come nei computer vi sono i chip, ogni cellula contiene un programma, e lo sviluppo avviene secondo tale programma.

Immaginate la complessità di tutto ciò!

Tantissimi computer sono già programmati e contenuti in tutte queste cellule.

Si è dunque presentato agli scienziati qualcosa di molto misterioso che essi non sanno spiegare. È una delle tante cose che non riescono a spiegare.

Ebbene, ciò che Sahaja Yoga ha fatto è aver provato che è il volere di Dio, il desiderio di Dio, la volontà di Dio a svolgere tutto il lavoro. E ciò è stato provato. Chaitanya, Adi Shakti non sono nient’altro che il volere di Dio; e la volontà di Dio è ciò che elabora ogni cosa con grande armonia.

Non so se qualcuno di voi abbia letto il mio primo libro (Il libro dell’Adi Shakti, ndt) dove ho descritto il modo in cui questa terra fu creata.

Ci fu un’esplosione ma fu molto armoniosa, e tutto si sviluppò attraverso il volere di Dio.

Tutto si svolse così come organizzato dal volere di Dio.

Ora voi percepite la volontà di Dio sulla punta delle dita. Adesso, dopo la realizzazione, avete scoperto la scienza assoluta, ossia la volontà di Dio, ed essa è una scienza assoluta.

Voi sapete che abbiamo curato persone con Sahaja Yoga. Sapete anche che, dando bandhan, le cose funzionano. Dopo la realizzazione funzionano automaticamente così tante cose che la gente non vuole crederci.

All’inizio non si credeva alle affermazioni degli scienziati, ma ora potete vedere come la scienza sia soggetta ad un flusso di continui mutamenti.

Una teoria dopo l’altra viene messa in dubbio.

Ma Sahaja Yoga vi ha svelato la grande verità di una scienza che non può essere messa in dubbio, che esiste assolutamente.

Pertanto, a chiunque venga fuori con nuove proposte per diffamare Dio o affermare che Dio non esiste, noi possiamo provare non (solo) che Dio esiste, ma che ogni cosa, la creazione di questa terra, la creazione degli esseri umani, è stata compiuta in modo armonioso dalla volontà di Dio.

Se il volere di Dio ha creato ogni cosa, gli esseri umani non dovrebbero prendersi alcun merito per aver scoperto qualcosa che è stato creato da Dio. Se, ad esempio, questo tappeto è stato tessuto da qualcuno e noi ne scopriamo tutti i colori, cosa c’è di tanto grande? È già tutto lì, non potete crearlo voi.

Quindi non è tanto importante la parte relativa alla creazione, quanto il modo in cui questo mondo è stato plasmato. Tutto è stato fatto dalla volontà di Dio.

Ora, se il volere di Dio è così importante, deve essere dimostrato e ormai, attraverso Sahaja Yoga, dopo l’apertura del Sahasrara avete sentito per la prima volta il volere di Dio. Questo è molto importante, ma per noi è avvenuto in modo così sahaj (spontaneo) che non lo capiamo. Diamo i bandhan e le cose funzionano, allora pensiamo: “Le cose si sono risolte, quindi è merito del bandhan se abbiamo risolto tutto”. Non è così, è molto di più: siamo ormai diventati parte integrante di quel grande computer del volere di Dio. Siamo diventati i mezzi o, diciamo, i canali della volontà di Dio, siamo connessi con quella volontà di Dio che ha creato tutto questo universo.

Possiamo dunque gestire ogni situazione perché abbiamo la scienza assoluta nelle nostre mani, la scienza assoluta che attuerà il miglioramento del mondo intero.

Possiamo provare agli scienziati che esiste una volontà di Dio che ha realizzato tutta questa creazione. Anche il processo evolutivo è il volere di Dio; senza la Sua volontà niente sarebbe potuto accadere.

Molti dicevano che neanche un filo d’erba si muove senza che Dio lo voglia, ed è molto vero.

E adesso avete visto che abbiamo la volontà di Dio come nostra energia, possiamo utilizzarla: quanto è dunque importante essere un sahaja yogi! Forse non ci rendiamo conto di quanto sia importante essere sahaja yogi.

Sahaja Yoga non consiste solo nel dire: “Madre, sono pieno di gioia, sono in gioia, mi sono purificato, va tutto bene”. Ma a quale scopo? Perché avete ricevuto tutte queste benedizioni? Perché siete stati purificati? Perché questa conoscenza del volere di Dio fosse evidente in voi, e non solo, ma fosse parte integrante di voi.

Pertanto dobbiamo alzare il nostro livello, elevarci. È del tutto inutile proporre Sahaja Yoga alle persone mediocri e ordinarie, perché non servono a nulla.

Non ci aiuteranno in nessun modo perché ciò di cui abbiamo bisogno ora, oggi, sono persone in grado di manifestare e riflettere veramente la volontà di Dio. E per questo potete capire che ci occorre gente molto forte, perché questa Volontà ha creato questo intero universo, il cosmo, la Madre Terra; tutto è creato dal volere di Dio.

Ormai siamo dunque entrati in una nuova dimensione, e questa dimensione è che siamo i canali del volere di Dio. Qual è allora il nostro dovere e cosa dovremmo fare?

Come risultato dell’apertura del Sahasrara è avvenuta una cosa: sono scomparse le illusioni che in sanscrito chiamiamo bhranti.

Le illusioni sono svanite. Non dovreste avere illusioni riguardo all’esistenza di Dio Onnipotente, riguardo al potere della Sua volontà e alla verità su Sahaja Yoga. Non dovreste avere alcun dubbio. Come minimo dovrebbe accadere questo. Ma, nel servirvi di questo potere, dovreste essere consapevoli che vi è stato dato perché siete in grado di utilizzarlo. È il più grande potere che possiate immaginare. Prendete un qualsiasi governatore, ministro o chiunque altro: essi possono essere destituiti domani, possono diventare corrotti, possono ignorare completamente i loro poteri.

Tanti vengono eletti senza sapere ciò che devono fare.

Questa non è una semplice conversione della gente, non è neppure soltanto una trasformazione, ma è la creazione di un nuovo modello di essere umano in grado di portare avanti il volere di Dio.

E voi, cosa avete ottenuto come risultato della realizzazione? Per prima cosa le vostre illusioni sono scomparse. Non dovreste più avere illusioni riguardo a Dio Onnipotente, alla Sua volontà e al fatto che Egli è onnipotente, onnipresente e onnisciente. La Sua onnipotenza ha creato tutta questa opera e, come parte della coscienza collettiva, anche voi dovreste rendervi conto di essere anche voi onnipotenti, onnipresenti e onniscienti.

Onnisciente significa che vede ogni cosa, conosce ogni cosa. Parte di questo potere è anche in voi. Per provare la Sua onnipresenza dovete essere tutto il tempo consapevoli del fatto che siete sahaja yogi.

Quando trovo, ancora adesso, sahaja yogi in difficoltà con la propria moglie, con i figli, con la casa, il lavoro, mi chiedo quale sia il loro livello, dove sono, quando si decideranno ad assumersi il proprio ruolo.

Dio Onnipotente, che è ovunque, che ha creato tutto questo, il volere di Dio, che ha realizzato tutto, deve operare attraverso di voi e (pertanto) dovete essere molto forti, assennati, saggi ed anche molto efficaci. Più efficaci diventate, più energia otterrete.

Sento tuttavia che i sahaja yogi per lo più non si assumono la responsabilità di capire che devono rappresentare Dio Onnipotente che è onnipresente, onnisciente, che sa tutto, vede tutto e che è potente, anzi, onnipotente.

Cercate di capire che questo è quanto è avvenuto con l’apertura del Sahasrara: adesso avete il potere che racchiude queste tre qualità.

Ad esempio, questa grande struttura (Shri Mataji guarda il tendone del puja, ndt) deve essere sostenuta da forti colonne; ma se esse non sono forti, crollerà. Lo stesso vale per il grandioso potere che vi è stato concesso. Per questonon abbiamo bisogno di gente di grande successo, molto famosa o ricca, ma di persone di carattere, in grado di comprendere, sagge e forti, che (pensino): “Qualsiasi cosa possa accadere sosterrò questa causa, mi ci dedicherò, la affronterò, trasformerò e migliorerò me stesso”.

Ormai le illusioni sono svanite, spero che vi siate liberati tutti delle vostre illusioni. Non dovreste avere illusioni neppure su voi stessi. Se avete illusioni, dovreste lasciare Sahaja Yoga. Ma sappiate che siete stati scelti per questo scopo dalla volontà di Dio, ecco perché siete qui e dovete assumervi la responsabilità di comprendere questa scienza, che è assoluta, e farla funzionare voi, per voi stessi e per gli altri. Voi avete sentito il mio amore, ma (anche) il vostro amore deve essere sentito, perché Dio è amore. Il vostro amore deve essere sentito dagli altri. Gli altri devono sentire che siete persone compassionevoli, amorevoli, comprensive. La volontà di Dio fluisce continuamente attraverso di voi, e dovete agire in modo tale che la gente si renda conto che siete dei santi, che questa Energia scorre attraverso di voi.

La seconda cosa che vi è accaduta – dopo l’eliminazione delle illusioni su Dio e voi stessi – è che avete compreso l’integrazione, (avete compreso) che nel mondo esiste una completa integrazione.

Se osservate i bambini, in genere hanno una propria comprensione innata, naturale.

Loro sanno. Se osservate, un bambino buono normalmente vuole sempre condividere la sue cose, vuole amare gli altri bambini. Se c’è un altro bambino piccolo vuole proteggerlo, spontaneamente. Non guarderà se ha i capelli neri, rossi o blu. Un bambino ha questo sentimento in modo naturale, innato.

Pensate, per esempio, ai bambini piccoli: essi sanno che occorre far attenzione a proteggere l’intimità del corpo. I bambini non vogliono essere spogliati di fronte ad altri. A nessun bambino piace. Lo sa in modo innato. Ebbene, tutte queste qualità innate sono in voi.

Ai bambini non piace rubare, non sanno cosa significhi rubare, non ne hanno idea.

Ho anche visto bambini che, se vanno in un posto molto bello, a casa di qualcuno, cercheranno sempre di mantenerne la bellezza; se invece è già tenuto male, non se ne preoccupano (di tenerlo in ordine).

Pertanto esistono tutte queste qualità innate. Penso che le nazioni considerate sottosviluppate abbiano molte di queste qualità interiori innate.

L’innocenza è innata. La volontà di Dio creò innanzitutto l’innocenza, il buon auspicio. La prima cosa che Lui, o meglio, Lei fece, fu creare Shri Ganesha, perché la volontà di Dio è l’Adi Shakti.

Tutto questo fu creato prima di ogni altra cosa, per rendere il mondo intero meraviglioso. E tutte queste qualità innate furono collocate anche in voi. Tutte queste Deità furono collocate in voi. Gli esseri umani furono creati appositamente per diventare persone sante, dotate di santità e innata saggezza.

Ma, nelle nazioni sviluppate, il nostro cervello è stato bombardato dalla televisione e da cose di ogni genere, e siamo diventati, diciamo, molto vulnerabili.

Abbiamo iniziato ad accettare le idee degli altri. Qualsiasi individuo dominante è riuscito a dominarci. Non è stato solo Hitler a dominare la gente.

Se ci si distacca realmente da questo mondo, ci si accorge anche di quanto oggi siamo dominati. Per esempio, le mode. La gente non riesce a rinunciare per nessun motivo a ciò che è di moda, non può avere cose ragionevoli perché si deve seguire la moda. Oggi per esempio è di moda indossare gonne cortissime. Non si riesce a trovare una gonna lunga da nessuna parte. Tutti devono indossare quel tipo di gonna, altrimenti non si è “in”: non si è in manicomio! (Risate)

Siamo bombardati da cose di questo tipo dalla mattina alla sera, per cui diventiamo, innanzitutto, schiavi di questi imprenditori, di qualsiasi cosa ci propinino.

Mi è stato detto che in Belgio non si riesce a trovare cibo fresco, si deve comprare ogni cosa al supermercato dove tutto è in scatola. Ciò che ci sta accadendo poco a poco è che stiamo diventando del tutto artificiali. Il cibo è artificiale; i vestiti sono artificiali; tutto il nostro comportamento diventa artificiale poiché siamo talmente bombardati dalla pubblicità, da tutte queste influenze esterne, che ci smarriamo dimenticando la nostra saggezza innata che viene dominata da tutte queste cose moderne.

Oltre alla scienza, si ha un grande incremento anche in un’altra direzione, diciamo, per cui il denaro è diventato molto importante.

E, quando il denaro diventa importante, tutti i vostri imprenditori diventano importanti perché sanno come guadagnare denaro raggirandovi continuamente. Oggi avete una cosa e domani un’altra. Oggi cambiate questo con quest’altro.

Ma le persone con queste qualità innate non cambiano. Indossano abiti dello stesso stile, non li cambiano. Anzi, trovano molto difficile staccarsi da ciò che proviene dalla tradizione e non vogliono cambiare.

Per i sahaja yogi è importante osservare e capire se stanno diventando schiavi di questi imprenditori moderni.

Poi i pensieri: si leggono tanti libri che inculcano pensieri frutto di folli elucubrazioni di alcuni pazzi come Freud. Come è riuscito Freud ad influenzare l’Occidente? Lo avete accettato perché avete perso il vostro innato buon senso. Lo avete accettato, e così Freud è diventato per voi una specie di Gesù Cristo.

(Freud) è diventato la cosa più importante, il sesso è diventato la cosa più importante.

Insomma, è così semplice, basta un po’ di buon senso per capire che siamo assoggettati ogni momento a questo tipo di supremazia da parte di poche persone dominanti, che hanno certe idee e cercano di imporle.

Se, ad esempio, qualcuno come Sade, Sartre o qualcun altro espone un’idea, la gente inizierà a dire: “Oh, lui ha detto così”. Ma chi è lui? Che vita conduce? Valutate voi in prima persona che genere di individuo è; con un po’ di buon senso, ma con la volontà che avete ora, la volontà di Dio che ha dato forma al mondo intero e che vi ha plasmato.

Ogni vostra cellula è stata plasmata da Dio Onnipotente e voi cosa fate? Fate il gioco di questi imprenditori. Loro hanno capito che avere queste persone vulnerabili come discepoli è perfetto per arricchirsi prendendoli in giro.

Da un lato avete un così grande potere, siete stati scelti per una missione così importante e, dall’altro, avete questo tipo di schiavitù. Cercate di capire che le vostre qualità innate erano andate perse ma, fortunatamente, grazie al risveglio della Kundalini e all’apertura del Sahasrara, tutte queste qualità innate che sembravano perse, quali l’innocenza, la creatività, la religione interiore, la compassione e l’amore per l’umanità, il potere di giudizio, la saggezza – tutte queste grandi qualità che pensavamo fossero perdute – erano soltanto in uno stato dormiente e si sono risvegliate tutte, una ad una.

Io non devo dirvi: “Non bere questo, non mangiare questo, non fare quello”. Vi rendete conto da soli che è sbagliato. Sapete da soli ciò che è giusto per voi. Ciò nonostante, se volete sbagliare, siete liberi di farlo. Ma dentro di voi c’è già una luce che vi permette di capire da soli ciò che è bene e ciò che è male.

Tutto questo è avvenuto grazie all’apertura del Sahasrara a questa nuova dimensione di una nuova conoscenza. E non è nuova, è del tutto innata in voi, e adesso queste qualità innate si stanno manifestando e ne gioite.

Adesso dunque dovete liberarvi delle idee meschine e delle cose futili. Mi riferiscono cose veramente strane – non riesco a credere che dei sahaja yogi possano comportarsi così – ossia che c’è chi scappa con i piatti o le tazze che ho comprato io e butta le cose qua e là, butta le cose dappertutto.

Come potete comportarvi in questo modo? È un comportamento così stupido e sciocco! Se nella vita non possedete una disciplina adeguata, non potete portare avanti la volontà di Dio. Non potete.

Ma io non vi dirò di fare questo o quello. Rispetto la vostra libertà e desidero solo che la vostra Kundalini risvegli la saggezza, la grandezza, la gloria che sono in voi e che iniziate a capire quali sono le vostre qualità innate.

Così essa vi purificherà. Una volta purificati completamente… sapete, se avete dell’oro con delle impurità e lo mettete nel fuoco, l’oro si separa. Allo stesso modo, il fuoco della Kundalini vi purifica completamente, vi rende assolutamente puri e voi iniziate a vedere la vostra gloria, la vostra natura, la vostra grandezza, per cui l’integrazione avviene facilmente. Iniziate ad integrarvi.

All’inizio avevamo sahaja yogi dall’Inghilterra, dalla Spagna, altri da qui che formavano sempre gruppi diversi e non volevano mai stare tutti insieme.

Si potevano riconoscere gli inglesi da una parte, gli altri da un’altra, altri da un’altra ancora che formavano gruppi. Ma adesso non è così. Trovo che si stiano integrando tutti.

L’integrazione degli esseri umani è la cosa più importante per Sahaja Yoga. E giunge con la comprensione, non con l’intelligenza ma con la comprensione innata che tutti gli esseri umani sono creati da Dio, dalla Sua volontà, e non abbiamo il diritto di disprezzare nessuno.

La seconda integrazione che si è creata in voi è che tutte le religioni, tutte le religioni sono nate dallo stesso albero della vita spirituale. Tutte le religioni vanno rispettate. Tutte le incarnazioni, tutte le Scritture, tutti i profeti devono essere venerati. Ci sono dei difetti, ci sono dei problemi con le Scritture ma possono essere corretti. Così iniziate gradualmente ad addentrarvi nell’aspetto più sottile della divinità, per capire che tutte queste personalità hanno lavorato sodo per creare oggi l’atmosfera per Sahaja Yoga e nessuna religione deve essere disprezzata, nessuna religione deve essere attaccata. Questa è una cosa del tutto irreale, si elabora una teoria assolutamente irreale che non esiste nel Piano divino.

È così che si elimina ogni fondamentalismo.

I fondamentalisti sono quelli che credono: “Questo è scritto in questo libro; questo è scritto in quel libro”, e: “Dato che leggiamo questo libro, siamo migliori”.

Chiunque può leggere un libro; cosa c’è di tanto straordinario? Non si dovrebbe diventare fondamentalisti nemmeno in Sahaja Yoga.

State molto attenti perché siete nati così; insomma, non so, non è una vostra qualità innata, ma è il modo in cui vi siete formati, in cui vi siete plasmati, per cui a volte tendete a rendere anche Sahaja Yoga un fondamentalismo: “Madre ha detto così”. Non servitevi di me, in nessun caso! (Dire) “Madre ha detto così” è un modo in cui volete dominare gli altri.

Parlate a nome vostro, ora ne avete il diritto, avete una vostra personalità in Sahaja Yoga. Potete dire a nome vostro ciò che avete da dire. Ma non dite: “Lo ha detto Madre”, perché chiunque può farlo: “Lo ha detto Cristo”. Un prete, o il papa, possono ergersi sul loro palco e affermare: “Lo ha detto Cristo”. Possono usare tutte queste cose a loro arbitrio.

Pertanto nessuno ha il diritto di usarmi a proprio arbitrio. Qualsiasi cosa abbiate da dire, ditela a nome vostro. Ma non citate mai me: “Lo ha detto Madre”, oppure: “In questo libro c’è scritto così e così, dunque è così che si deve fare”.

Voi non siete vincolati da nessun libro e neppure da ciò che dico. Siete voi che dovete prendere posizione e valutare da soli ciò che avete da dire, perché ormai dovete usare la vostra volontà e, per questo, dovete svilupparvi per avere la volontà pura, il puro desiderio di Dio Onnipotente.

L’integrazione (deve avvenire) non solo fuori, ma anche all’interno. Prima, qualsiasi cosa facessimo, la mente diceva una cosa, il cuore un’altra e il cervello un’altra ancora.

Ora tutti questi tre aspetti sono integrati, per cui ciò che dice il cervello è completamente accettabile per il cuore e per l’attenzione. Ora siete diventati persone integrate.

Molti mi scrivono: “Madre, voglio farlo, ma non ci riesco”, “Madre, era mio desiderio farlo ma non ci riesco”. Non più. Ormai siete completamente integrati e potete facilmente fare tutto molto bene.

Se volete esaminarvi, dovreste cercare di scoprire: “Sono integrato o no? Ciò che faccio, lo faccio con tutto il cuore o no? Con tutta la mia attenzione o no?”.

Vi ho visti agire con tutto il cuore e tutta l’intelligenza, ma manca una piena attenzione. L’attenzione, la prima cosa che è stata illuminata, non è ancora usata appieno. Dovrebbe esserci assolutamente un’attenzione totale: “Devo fare questa cosa con totale attenzione”, diversamente l’integrazione non è completa ma parziale. Questi tre aspetti devono essere completamente integrati.

Così avviene l’integrazione di tutti i chakra.

Tutto ciò che fate deve essere di buon auspicio, deve essere fatto con piena attenzione e deve essere totalmente religioso.

In questo modo tutti questi centri diventano assolutamente un’unica Energia integrata che avete. Così tutta la vita dovrebbe integrarsi.

Supponiamo, ora, che il marito o la moglie di qualcuno non sia a questo livello: non dovreste preoccuparvi. Dovreste preoccuparvi solo di voi stessi. Non aspettatevi niente da nessun altro.

È il vostro dovere ciò che conta. Dovete adempiere il vostro dovere e darvi da fare voi. Cercate di capire che è stato il vostro essere individuale ad aver raggiunto questo livello ed è l’essere individuale che deve realizzarlo, è l’essere individuale a doversi fondere, integrare con tutti gli altri.

Ho notato spesso che, quando dico qualcosa, ci sono persone che pensano che lo stia dicendo per qualcun altro. Non pensano mai che sia diretto a loro.

Non dobbiamo, dunque, guardare al nostro tornaconto, ai vantaggi finanziari, fisici, mentali, alla gioia, alla felicità. Non è solo questo, non dovrebbe essere questo l’unico criterio.

Ciò che invece dovreste avere è la comprensione della vostra personalità, che è stata plasmata appositamente nel corso di molte, innumerevoli vite affinché giungeste alla vita attuale per ottenere la realizzazione, per portare avanti l’opera del volere di Dio.

Ogni volta che assistete ad un miracolo, comprendete che tutto è stato fatto dal Paramchaitanya. Ma cos’è il Paramchaitanya?

È la volontà dell’Adi Shakti. E cos’è l’Adi Shakti? È la Volontà di Dio. Tutto viene realizzato da entità fisse, possiamo definirle, da queste vibrazioni che sono simili alle sequenze del DNA. Tutte loro sanno come plasmarvi.

Oggi è una giornata molto soleggiata, tutti sono sorpresi: “Come può essere?”. Molte cose accadono allo stesso modo: l’altro giorno abbiamo fatto l’havan e c’era molto sole.

Il cosmo intero lavora per voi. Ora ci siete voi sulla scena e dovete occuparvene voi.

Ma se non avete fiducia in voi stessi, se non siete sicuri di ciò che siete, come potete essere di aiuto? Come potete risolvere i vostri problemi e tutti i problemi del mondo, che sono creati soltanto dagli esseri umani?

Perciò dobbiamo assolutamente scrollarci di dosso tutte queste dominazioni. Prima di tutto quelle della scienza.

Possiamo dimostrare che tutto ciò che è stato affermato da Sahaja Yoga riguardo alla scienza è stato provato. Possiamo quindi non tener conto della scienza che è sempre in un flusso di continuo cambiamento.

Vengono poi le cosiddette religioni. “Cosiddette” perché chi è stato cattolico, protestante, indù, musulmano o altro, ha tutte quelle idee nella testa e devono essere eliminate.

Dobbiamo diventare personalità nuove.

Dopo la realizzazione, come ho già detto, diventate come i fiori di loto emersi dal fango.

Adesso siete diventati dei fiori di loto e i fiori di loto devono eliminare tutto questo fango morto, altrimenti non ci sarà profumo. Ciò che si deve raggiungere è l’eliminazione di tutte queste catene che vi stanno uccidendo, che non hanno alcuna utilità ma sono un peso. E da bellissimi fiori di loto quali siete, dovete capire che tutto quanto è stato plasmato con infinita cura, dolcezza e delicatezza.

Prima di tutto, dunque, dobbiamo avere rispetto per noi stessi, dobbiamo provare affetto e amore per gli altri e avere rispetto, ossia disciplina. Dobbiamo avere disciplina perché, se rispettate voi stessi, vi disciplinerete sicuramente e riuscirete a fare tutto questo.

Potete comprenderlo dalla mia stessa vita: io lavoro intensamente, viaggio tantissimo, molto più di quanto possa fare ciascuno di voi, perché voglio condurre questo mondo a quello stato di gioia, di felicità, di divinità in cui la gente si renda conto della propria gloria, della gloria del proprio Padre.

Per questo motivo io lavoro molto intensamente e non sono mai preoccupata che possa accadermi qualcosa di male o di ciò che succederà.

Non vi ho mai annoiato con la mia vita familiare, con le mie figlie, con nessuno. Qualsiasi problema abbia, lo affronto da sola. Invece qui ricevo lunghe lettere di sahaja yogi che mi scrivono della figlia, del figlio e quant’altro.

Inoltre, l’attaccamento alla famiglia è il più grosso fardello sulla vostra testa e siete sempre preoccupati dei figli, di questo, di quello.

Non è una vostra responsabilità. Cercate di capire, per favore. La responsabilità è di Dio Onnipotente. Voi non potete fare meglio di Lui, potete forse? Quando però provate a prendervi voi la responsabilità, Lui dice: “Va bene, pensaci tu”, e iniziano i problemi.

Distacco è un termine che andrebbe compreso nel giusto significato. Quando chiedo alle persone: “Perché disseminate le cose qui e là?”, loro rispondono: “Perché siamo distaccati”. Ottimo modo di dimostrarlo! Che mi dite allora dei vostri figli ai quali siete avvinghiati? Che mi dite delle vostre cose a cui vi aggrappate? Per ogni inezia vengono a disturbarmi. Se invece qualcosa appartiene a me oppure a Sahaja Yoga ci si divertono e poi la gettano dove vogliono.

Come si possono definire divine persone così irresponsabili? Come possono essere persone sante? Le persone sante non sono responsabili soltanto per se stesse, ma per tutti.

Molto lentamente, delicatamente, dolcemente, con grande amore vi ho portato a questo livello. Non vi ho chiesto di recarvi sull’Himalaya, o stare a testa in giù, oppure donarmi tutti i vostri averi, niente di tutto ciò. Lo abbiamo fatto in modo davvero meraviglioso.

Ora che dovete proseguire, dovete capire che solo voi dovete adempiere i vostri doveri, e nessun altro. Ma voi assolvete (soltanto) i doveri nei confronti della famiglia, della casa e altro. Nessun dovere nei confronti di Sahaja Yoga.

Prima di Sahaja Yoga non eravate attaccati a nessuno, nel senso che eravate attaccati solo a voi stessi, eravate egocentrici.

Ora vi siete aperti un po’ di più e siete attaccati a vostra moglie, ai vostri figli.

Ma è proprio la stessa cosa, anche questo è egoismo, in quanto pensate che siano i vostri figli. Loro non sono i vostri figli, sono i figli di Dio.

Spero siate tutti abbastanza intelligenti da capire le vostre responsabilità e darvi da fare.

L’apertura del Sahasrara è un evento importantissimo che vi è accaduto. Ora potete provare al mondo intero l’esistenza di Dio, la Sua volontà, qualsiasi cosa. Nessuno può contestare Sahaja Yoga. Si può spiegare a quegli scienziati che lo contesteranno.

A chiunque, scienziati, economisti, politici, si può spiegare tutto alla luce di Sahaja Yoga e si può provare che esiste una sola politica, quella di Dio; una sola economia, quella di Dio; e che esiste una sola religione, quella di Dio, ed è Vishwa Nirmala Dharma. Può essere tutto provato, non c’è nulla da temere o di cui preoccuparsi.

Tutto questo può essere provato agli scienziati, agli altri intellettuali e ad alcune persone che vorranno ascoltarci. Se non vorranno ascoltarci, dimenticateli. Dal momento che siamo così potenti, perché dovreste preoccuparvi di loro?

Ma se sono disposti ad ascoltarci, allora è meglio dir loro che abbiamo scoperto questo grande potere. E soltanto se funziona, soltanto se questo grande potere entrerà in azione, potremo veramente plasmare il mondo intero in un modo nuovo.

Ho riposto in voi grandi speranze, ma è importante la serietà con la quale dovreste dedicarvi a Sahaja Yoga. Alcuni, ad esempio, neppure meditano. Una cosa così semplice come la meditazione non la fate. Non riesco a capire: come crescerete senza la meditazione?

Se non entrate in consapevolezza senza pensieri, non potete crescere. Dovete come minimo meditare mattina e sera.

Ci sono molte persone che non sono collettive per temperamento. Se vivono in un ashram pensano che la vita dell’ashram non sia bella. Persone del genere dovrebbero proprio lasciare Sahaja Yoga, perché non hanno ancora capito cosa sia.

Come crescerete senza la collettività? Come unirete i vostri poteri? Sapete molto bene che soltanto unendosi in un sangha, in un gruppo, si può essere forti.

Se avete un legnetto, potete romperlo, ma se mettete insieme molti legnetti, non ci riuscirete. So però che ci sono ancora persone che non stanno molto in collettività. Ciò mostra quanto scarsa sia la comprensione del proprio Sé. E mi dicono: “Madre, adesso non vogliamo più vivere in nessun ashram”. Dovrebbero uscire da Sahaja Yoga.

Senza la collettività non si può crescere; senza la disciplina di Sahaja Yoga non si può crescere.

È meglio avere dieci persone di buona qualità che mille inutili.

Questa è la volontà di Dio.

Oggi qui siete in molti. Sono davvero incantata di vedere così tanta gente.

E siamo cresciuti così tanto, abbandonando tutte quelle cose assurde che seguivamo.

Ma oggi dobbiamo fare una promessa: “Formerò la mia vita secondo il volere di Dio, nel modo più assoluto, e mi dedicherò a questo”.

Niente famiglia, nessun’altra priorità. Dimenticate tutto, non è niente di così importante. La volontà di Dio può occuparsi di ogni cosa. Per cui, se solo provate a seguire il volere di Dio, i vostri figli e tutto il resto saranno assistiti. Non dovete preoccuparvi di nulla. E funziona. Cercate solo di capire che se avete problemi è perché non volete affidarli a Dio, volete tenerli per voi. Ecco perché avete problemi.

Se decidete: “No, voglio affidare questi problemi alla volontà di Dio”, è fatta.

Ci sono anche alcuni che dicono: “Non ne siamo capaci, Madre, non riusciamo a farlo”. Anche dire questo è stupido. Mettetevi alla prova, verificate per conto vostro.

Per prima cosa occorre capire perché diciamo una cosa del genere. Forse siamo molto attratti dal denaro, vogliamo avere del denaro per noi o cose di questo tipo. C’è anche gente che parla di affari in Sahaja Yoga.

Deve essere l’attaccamento al denaro o qualche attaccamento materiale a far dire: “Non siamo capaci, non riusciamo a cambiare”.

La seconda cosa potrebbe essere mamatva, l’attaccamento alla famiglia, ai figli e via dicendo. Oppure: “Questo è mio, questo è mio, questo è mio”. Questa potrebbe essere la seconda ragione per cui pensate di non essere abbastanza coraggiosi o abbastanza forti per Sahaja Yoga.

La terza cosa potrebbe essere che continuate a giocare con le vostre vecchie abitudini e vi piace vivere senza moralità.

Può esserci qualche ragione del genere. Allora provate a individuarla: “Perché mi comporto così? Perché non mi trovo sulla bellissima via dell’ascesa come gli altri?”. Con l’introspezione scopriremo che c’è in noi qualcosa che non va e che ci fa pensare di non essere in grado di farlo. Voi siete in grado di fare qualsiasi cosa! Provateci e gioitene.

La cosa più importante che adesso rimane è che dovreste diventare veicoli adeguati, forti, compassionevoli del volere di Dio.

Poi, ovviamente, sono d’accordo che è molto importante che celebriate il mio puja in quanto vi è di grande aiuto, non vi è dubbio. Ma le altre cose non sono importanti. Molte altre cose che mi dite non hanno importanza. La cosa principale è che dovreste tutti ascendere sempre più in alto e gareggiare tra voi nel raggiungere una posizione più elevata. In effetti, penso che in così breve tempo abbiamo indubbiamente conseguito molto, ma dobbiamo accelerare e darci da fare.

Sono sicura che questa nuova scienza, o meglio, la scienza assoluta, un giorno metterà in ombra l’altra scienza e dimostrerà alla gente che questa è la verità. È nelle vostre mani, datevi da fare.

Oggi è dunque il giorno in cui celebriamo l’apertura di una dimensione del tutto nuova, un presidio della grande divinità, delle evidenze del Divino. Ed è qualcosa di talmente straordinario che possiamo eliminare realmente tutte le illusioni che la gente ha su se stessa, sul proprio ego. Possiamo riuscirci. Ne avete tutti il potere.

Che Dio vi benedica.





1 DNA: Il DNA è la base fondamentale della vita. Possiamo immaginarlo come una lunga catena, che si trova all’interno di ogni cellula del corpo umano. Al suo interno troviamo i cromosomi, che contengono tutte le informazioni genetiche che si trasmettono da un individuo all’altro. Ogni parte di questa catena è formata da elementi più semplici.