Primo Programma Pubblico

Tunis (Tunisia)


Send Feedback
Share

S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I

Primo Programma Pubblico

Tunisi (Tunisia), 11 Novembre 1994


Mi inchino a tutti i ricercatori della verità.

Innanzitutto, dobbiamo sapere che la verità è ciò che è. Non possiamo cambiarla, non possiamo trasformarla e non possiamo conoscerla attraverso la lettura.

Leggere è solo un’attività mentale. Dovete andare oltre la mente per realizzare la verità. Per questo avete già sentito che esiste un sistema sottile, dentro di noi, costruito per tale scopo. Ciò è molto importante, in quanto noi non conosciamo la verità assoluta. Alcuni credono che la verità sia una, altri credono che sia un’altra, e c’è una guerra in atto su tutte queste idee che sono assolutamente mentali.

Ora, non è possibile trascendere la mente, in quanto appena ci provate, andate nella direzione sbagliata. Per farcela, deve aver luogo questo processo di risveglio della Kundalini.

Per esempio, qui c’è questo strumento (probabilmente il microfono, ndt) che deve essere connesso alla sorgente di energia; altrimenti non ha significato. Ebbene, noi dobbiamo conoscere la verità assoluta e la verità assoluta è quella in cui credono tutti in quanto ne hanno consapevolezza.

Tutte le religioni hanno parlato della seconda nascita. Nel Corano si parla già di Qiyama, ossia la resurrezione. Deve aver luogo la resurrezione, mediante la quale si diventa un navi[1], si diventa un wali[2]. Prima di ciò è molto difficile seguire l’Islam o il Cristianesimo o qualsiasi altra religione, in quanto Hazrat[3] Maometto, Cristo o Mosè erano tutti delle incarnazioni sommamente evolute.

Per esempio, Cristo disse: “Se i vostri occhi commettono peccato, cavateveli”.

Guardare due volte una donna è günah[4]. Quindi cavatevi gli occhi, secondo Cristo.

E se la vostra mano destra fa qualcosa di sbagliato, tagliatevela. Essi pensavano che tutti gli esseri umani fossero angeli e fecero queste leggi per degli angeli. Io non ho visto da nessuna parte un cristiano che abbia perso un occhio o una mano.

Poi venne Maometto. Cristo pensava che solo gli uomini fossero… era stato severo solo con gli uomini. Egli era un’altra pura incarnazione della Divinità e non sapeva con che razza di esseri umani avesse a che fare. Pertanto (Maometto) fece, promulgò delle leggi piuttosto dure anche per le donne.

Infatti Egli disse che, se una donna guarda un altro uomo che non sia suo marito, può essere sotterrata nella Madre Terra, può essere lapidata.

Se questa regola fosse applicata alle donne americane, non so, potrebbe non esserci sufficiente spazio per sotterrarle tutte. E che dire delle donne francesi? Attualmente per la maggior parte sono nei paesi arabi a spassarsela, senza venire sotterrate.

Si deve dunque capire che occorre, prima di tutto, diventare angeli, per poter seguire queste grandi Personalità. Inoltre, la Shari’a, che l’Islam ritiene importante, fu data da Mosè agli ebrei, non ai musulmani. Se leggete uno dei… (non udibile) avrete cinque… (non udibile): egli ha scritto che fu data da Mosè, da Mosè, agli ebrei, non ai musulmani, in quanto Mosè trovò una società talmente decadente, quando portò questi dieci…

[Shri Mataji si rivolge a qualcuno del pubblico che sta scattando fotografie: “Puoi farlo dopo? È meglio che ti sieda”]

… in quanto Mosè trovò una società talmente decadente, che sancì queste leggi in base alle quali si dovrebbe tagliare la mano di chi ruba, leggi molto severe, che furono poi adottate dai musulmani. Che siano musulmani o cristiani o indù, o anche ebrei, sono tutti normali esseri umani.

Quindi, con questi esseri umani normali, non si possono avere regole così severe. Essi non sono ancora in grado di seguirle. In questo modo le persone divengono assolutamente ipocrite. Cosa possono fare? Io non le biasimo. Io sono una Madre, quindi comprendo. La prima cosa è renderle angeli, renderle navi. Allora non faranno proprio queste cose.

Diverranno automaticamente persone molto religiose. Non dovete dir loro nulla. Ebbene, è questo lo scopo di Sahaja Yoga: per prima cosa dovete diventare tutti angeli.

Vi farò un esempio. Stavo viaggiando da Riad[5] a Londra e mi addormentai. Al mio risveglio, trovai persone completamente diverse sull’aereo. Tutte le donne che viaggiavano, (all’inizio, ndt) erano vestite in un modo molto ortodosso, anche gli uomini; ma quando aprii gli occhi vidi signore estremamente alla moda, con tutto in vista, e gli uomini simili a damerini, che fumavano e bevevano… dissi: “Cos’è questo?”. Allora chiesi alla hostess: “Abbiamo fatto scalo in qualche altro aeroporto?”. Lei rispose: “Sono gli stessi (passeggeri). Cosa le fa pensare…?”. “Insomma, non riesco a riconoscerli” – dissi – “Mi spiace davvero. Come hanno fatto a cambiare così?”.

Lei mi rispose: “Fanno sempre così”. Immaginatevi: da Riad, dove si tagliano le mani e si puniscono le donne in tal misura, come potevano comportarsi così sull’aereo, senza alcun timore di Dio?

Ero sbalordita e pensavo: “Ma che hanno?”. Poi ho realizzato che sono normali esseri umani. Subiscono le tentazioni della vita e la loro personalità è tale per cui accettano queste cose con gran facilità.

Insomma, ho visto che, soprattutto in Occidente, uomini e donne non hanno personalità. Chiunque può ingannarli. Se c’è un signore chiamato Armani che crea un particolare vestito, tutti vogliono comprarlo.

E in Inghilterra c’è un negozio chiamato Savile Row, o meglio, ci sono svariati negozi. Sono costosissimi. Ora attaccano lì l’etichetta Savile Row. Si spendono migliaia, migliaia e migliaia di sterline per comprare quei vestiti. Gli indiani, devo dire, magari sono poveri, ma non faranno cose così stupide.

Diranno: “Via! Noi non abbiamo niente a che fare con questo”. Riuscite a credere che in India non esistono negozi in cui poter comprare qualcosa di importato? [Yogini traduttrice: “Scusi, Shri Mataji, non ho sentito”]. Riuscite a credere che in India non ci sia un negozio dove poter comprare qualcosa di importazione? Sono molto patriottici. Esportano, ma nei negozi indiani non si comprerà mai qualcosa di importato.

Vedete, forse noi, avendo vissuto per trecento anni sotto la dominazione degli inglesi, abbiamo sviluppato una certa derisione nei loro confronti: non perché ci dominavano, ma per la loro cultura. Orribile. Una nonna, ad esempio, fuggì col fidanzato della nipote. Accadevano cose davvero orribili ai nostri tempi, quando eravamo giovani.

Ecco perché non abbiamo fondamentalismi, in quanto non si può dire che noi seguiamo gli occidentali. Siamo talmente radicati nella nostra cultura che nessuno può affermare che seguiamo gli altri.

Mi spiace dire che mi ha sorpreso adesso il modo in cui gli americani e anche i tedeschi, i francesi, stiano sfruttando i paesi poveri. In Sud America, ad esempio, tutte quelle nazioni sono poverissime. La Russia e tutto il blocco orientale non si sono ancora sviluppati ma tutte le cianfrusaglie dell’America – che lì non vendono a causa della recessione – della Germania ed anche della Francia, sono vendute a loro. In Russia un dollaro equivale a trecento rubli e la gente spende tutti i propri risparmi in queste cianfrusaglie che si vendono lì.

Ebbene, ciò che si deve fare, quando il vostro Sé è illuminato dal vostro Spirito, è vedere tutte queste assurdità. Non dovete preoccuparvi di nulla, ma dovete diventare lo Spirito. Allora diventate così potenti da non voler seguire tutte queste cose insensate.

Avete la vostra personalità. Penso che questa sia la cosa più grande capitata agli occidentali: grazie a Sahaja Yoga hanno riconquistato la propria personalità, in quanto si sviluppa il rispetto per se stessi, il rispetto per il proprio paese, per la cultura del proprio paese, che è antica. E con questo rispetto voi diventate personalità così potenti da non dedicarvi a tutte queste assurdità.

Prima, dunque, occorre trovare la vostra identità. Come ho detto, se questo (microfono) non è connesso alla sorgente di energia, qual è l’identità di questo strumento? Ma una volta connessi, nessuno può ingannarvi in questo modo e spillarvi denaro. Voi avete nelle vostre mani queste vibrazioni fresche, ed esse sono la Ruh. Nel Corano è chiamata Ruh, nella Bibbia “brezza fresca dello Spirito Santo” e in sanscrito “Potere Onnipervadente dell’Amore divino”, Chaitanya.

Quando inizia a fluire in voi, potete conoscere sulla punta delle dita la Verità assoluta. Potete sapere cosa c’è di sbagliato in voi, nei vostri centri fisici, mentali, emozionali, spirituali; potete scoprirlo sulla punta delle dita. Ed anche quando volete conoscere (lo stato di) qualcun altro, potete scoprirlo. Anche se la persona è morta potete scoprirlo. Se sapete come correggere questi centri, con le tecniche di Sahaja Yoga, potete curare voi stessi. Così pervenite al centro in modo equilibrato.

In un certo modo possiamo dire che il mondo occidentale sia un estremo e i fondamentalisti siano un altro estremo. Dovete arrivare al centro, e giungere al centro è molto facile.

Una volta giunti al centro, abbandonerete tutte le cattive abitudini, semplicemente. Sarete sorpresi: in un paese come l’Inghilterra, c’è chi ha smesso di drogarsi da un giorno all’altro. Come? Vi farò una similitudine molto appropriata. Se ora è completamente buio e si ha un serpente in mano e si è ostinati… se io sono ostinata e tengo in mano il serpente, se anche mi dite: “Guardi, Madre, c’è un serpente nella sua mano, la morderà”, io lo trattengo lo stesso, perché sono ostinata e condizionata; ma appena ci sarà un po’ di luce, getterò via il serpente. Ecco come funziona.

Quindi, prima dobbiamo avere la luce dello Spirito che risplenda dentro di noi, che renda la nostra attenzione molto potente e illuminata. Ogni cosa descritta in tutti questi testi… Cristo, ad esempio, ha detto: “Non avrai occhi adulteri”. Immaginate: i francesi ci credono, gli inglesi ci credono, gli americani ci credono sicuramente; io però non ho mai visto nessuno, prima della realizzazione, che non avesse occhi adulteri. Invece, dopo la realizzazione, diventano innocenti, molto innocenti.

Dovete sapere che la vostra innocenza non può essere distrutta. Esiste eternamente. Potrebbero esserci in voi delle nuvole dovute a qualche azione sbagliata, ma (l’innocenza) non può essere distrutta; e dopo la realizzazione si esprime, si manifesta. Una persona così diviene estremamente inoffensiva, compassionevole e innocente.

Tutte le paure scompaiono, perché diventate uno con il Divino, ed Egli si prende cura di voi. Questo è l’avvenimento reale della vostra resurrezione – non si tratta di semplici discorsi, sermoni, niente del genere – e l’energia del Divino comincia a fluire in voi, e così tante benedizioni… non devo dirvelo, perché è troppo parlarvene alla prima conferenza.

Ora dovete sapere che io ho quasi settantadue anni e viaggio praticamente ogni due, tre giorni. Non mi sento stanca, per nulla, perché questa energia scorre continuamente; quindi cosa c’è da sentirsi stanchi?

La gente va in questi istituti di bellezza per diventare giovane, per sbarazzarsi delle rughe: non è affatto necessario avere rughe dopo la realizzazione. Vi mantenete perfettamente a posto, tutto è perfetto e non indulgete più a tutte queste cose, assolutamente, perché siete molto soddisfatti della vostra (energia?).

Questa Kundalini è dunque la vostra energia, è vostra Madre. È il riflesso della Madre Primordiale dentro di voi. In Grecia era chiamata Athena. Atha significa primordiale. Anche nell’antichità si credeva nella Dea Madre. Nella Bibbia, Paolo, dato che odiava le donne, non volle assolutamente parlare della Madre. Come conseguenza, fece apparire le donne insignificanti e di nessun valore.

Pensate, in Inghilterra stanno ancora dibattendo se le donne debbano avere accesso al sacerdozio oppure no. Rispetto agli indiani, direi che sono molto primitivi in tema di spiritualità; infatti in India la donna è il potere, è l’energia potenziale, e l’uomo è l’energia cinetica. Inoltre lì si dice: “Laddove le donne sono rispettate e rispettabili, risiedono gli dei”.

Trovo che in Tunisia le donne siano rispettabili e rispettate, per questo avete una così bella atmosfera.

Ora dobbiamo capire che questa nostra Madre è la nostra Madre individuale e sa tutto di noi, pertanto non dobbiamo sentirci colpevoli di nulla. Lasciate che sia Lei a giudicarvi. Anche questa di sentirsi colpevoli è una moda occidentale. Berranno e si sentiranno colpevoli, fumeranno e si sentiranno colpevoli. Voi non dovete sentirvi colpevoli, perché bloccate questo centro qui e potete sviluppare malattie molto serie, come l’angina o la spondilite. La prima cosa che dobbiamo fare è non sentirci in colpa.

Dopotutto siete normali esseri umani, non siete Deità o Incarnazioni. Non siete neppure angeli. Siete esseri umani e, in quanto esseri umani, è normale fare errori, non importa. Inoltre, se avete commesso degli errori, affrontateli al momento. Non trascinateveli per tutta la vita.

Questa personalità illuminata ha una tale attenzione che, quando la rivolge verso qualcuno, può portare gioia, pace e salute poiché diventa essa stessa sorgente di gioia, pace e salute. Una persona così emana gioia e amore puro. Nel Corano è scritto che quando andrete in paradiso, incontrerete… (non udibile). È la verità. Significa che incontrate uomini e donne bellissimi, nei confronti dei quali non provate sentimenti impuri. Non ci sono, possiamo dire, sentimenti di amore sensuale, ma sentimenti molto puri. È un fatto.

Attualmente noi siamo attivi in sessantacinque nazioni e non ho visto nessuno scappare con la moglie o il marito di qualcun altro. È così semplice e così spontaneo, in quanto ottenete anche una nuova dimensione della vostra consapevolezza chiamata “coscienza collettiva”. Potete sentire un’altra persona sulla punta delle vostre dita.

E se potete curare voi stessi, potete curare gli altri. A Delhi abbiamo quattro medici che hanno ottenuto la laurea in Sahaja Yoga, laurea in medicina. Hanno curato malattie inguaribili.

Oggi leggevo sul giornale che si sta cercando di trovare la cura per il cancro. Sahaja Yoga cura sicuramente il cancro.

Naturalmente ad uno stadio molto avanzato può non essere così, ma finora molti sono guariti, anche dal cancro del sangue; però occorre diventare sahaja yogi. Se non siete sahaja yogi non funziona. Nello stato di sahaja yogi, la prima cosa che vi accade è che diventate consapevoli senza pensieri.

(Normalmente) la vostra mente produce in continuazione pensieri relativi al futuro o al passato, ma non riuscite a restare nel presente. Il passato è finito e il futuro non esiste, mentre la realtà è nel presente. Ebbene, quando questa Kundalini sale, spinge questi pensieri che sono così, creando lo spazio per il presente e rendendovi consapevoli senza pensieri.

Ciò significa che siete assolutamente consapevoli… non c’è un termine francese per consapevole. (Alla yogini traduttrice:). Bene, dì come vuoi (risate). In quello stato divenite assolutamente in pace dentro voi stessi. Osservate il mondo intero come una commedia. Diventate sorgenti di pace. Ho incontrato molte persone che hanno ricevuto premi per la pace e ciò che ho trovato è che non c’è pace nel loro cuore. Sono talmente irascibili che, se doveste avvicinarli, è meglio munirsi di una pertica da barcaiolo.

Non so come abbiano ottenuto questo riconoscimento. La pace deve essere interiore.

Ma nella seconda fase diventate consapevoli senza dubbi, quando non avete dubbi su voi stessi, su Sahaja Yoga, su Dio, sulla religione, assolutamente nessun dubbio.

Vi sorprende molto sapere tante cose che prima non sapevate. Fortunatamente abbiamo persone che sono anime realizzate, però non ne sono consapevoli.

Ebbene, con Sahaja Yoga, saprete in modo scientifico quali sono i vostri centri, quale lavoro svolgono, come dovete raggiungere il più elevato livello di spiritualità.

Maometto ha detto che dopo la resurrezione, dopo essere diventati wali, non dovete seguire la Shari’a o altro. Per questo non dovete andare sull’Himalaya, stare a testa in giù, rinunciare alla famiglia: nulla è necessario. Si può comprendere l’Islam, Maometto, Cristo, la Bibbia, soltanto quando si sia raggiunta la propria identità sottile di personalità spirituale. Si diventa estremamente dinamici, come pure estremamente compassionevoli.

Soprattutto, vi tuffate nell’oceano di gioia. La gioia è assoluta: non è come la felicità e l’infelicità, che sono le due facce di una moneta. Questa è l’esperienza del Sé, del vostro Essere. Diversamente direte: “Questa è la mia idea, questo è il mio pensiero, queste sono le mie emozioni, mio, mio, mio”. Ma chi è il proprietario di questo “Mio”? Chi è il proprietario di questo “Mio”? È il Sé, lo Spirito.

Mi spiace vi siano tanti altri che parleranno di questo argomento ma, in questo breve tempo, posso solo dirvi che siete le persone migliori per Sahaja Yoga. Solo in inglese devo aver tenuto almeno cinquemila conferenze, almeno.

Pertanto potete tutti ascoltare questi discorsi; ma non è una questione mentale. Prima dovete andare oltre la mente e per questo ci vorrà un attimo. Avete aspettato così a lungo e sono sicura che stasera funzionerà. Dovete semplicemente avere piena fiducia in voi stessi. C’è una cosa: io non posso imporvi questa esperienza del Sé. Ma la verità è che voi non siete questo corpo, questa mente, queste emozioni, questo intelletto, i vostri condizionamenti, il vostro ego, bensì siete il Puro Spirito.

La seconda verità è che esiste un Potere divino onnipervasivo che svolge tutto il lavoro vivente. Vedete, questi… [interruzione nella registrazione] …ma diamo per scontato tutto il lavoro vivente. [Interruzione nella registrazione]  … ad un medico chi fa funzionare il vostro cuore.

Egli (il medico) risponderà che è il sistema nervoso autonomo. Ma chi è questo “auto”? Non hanno risposte. La scienza non ha risposte a molte domande. Inoltre è amorale. Non si preoccupa della vostra moralità. Proprio di recente mi ha sorpreso che in Russia volessero anteporre la moralità alla scienza. Prima di tutto, essa (la scienza) non sa spiegare perché siamo su questa Terra. Questo è ciò che voi dovete sapere: per essere lo strumento del Divino.

Non penso di dover rispondere ad alcuna domanda oggi, cosa ne pensate? Lavoro così da venticinque anni e sono stata assillata da molti intellettuali occidentali. Ormai sono diventata esperta. Posso rispondere a qualsiasi domanda (ma) questo non ha nessun valore. Sono acrobazie mentali. Quindi è meglio che otteniate l’illuminazione ma, se non la volete, non posso forzarvi.

Questo è l’Ultimo Giudizio. Dovete decidere da soli. Ora, se non volete avere la vostra realizzazione del Sé, dovreste lasciare la sala adesso.

(Ricevendo la realizzazione del Sé) non vi accadrà niente di male, anzi, farete il vostro bene. È per il bene vostro, della vostra famiglia, del vostro paese, per il bene del mondo intero.

Dunque, se qualcuno vuole andarsene, attenderò per un minuto.

È vostro diritto ricevere la realizzazione. Non esiste alcun obbligo e non potete pagare per essa, perché è del tutto spontanea. Ma, dopo la realizzazione, dovete conoscerne ogni aspetto e crescere nella vostra spiritualità, come grandi santi. Dovete essere normali, vestiti normalmente e vivere normalmente; non si dovrebbe fare nulla di anomalo, ma interiormente ottenete una completa trasformazione.

Bene, nessuno vuole andarsene, sono molto contenta. Tutti devono stare seduti. Se potete portare dentro una o due sedie… tutte le persone dovrebbero sedersi.

Adesso, come vi ho detto, la prima condizione è che non dovete sentirvi colpevoli. La seconda condizione è che, come perdonate voi stessi, dovete perdonare gli altri.

Potreste dire che è difficile, ma logicamente non lo è. Logicamente, che voi perdoniate o meno, non fate nulla. Però, quando non perdonate, fate il gioco della negatività e tormentate voi stessi. E se adesso non perdonate, il centro qui, del chiasma ottico, è così, proprio così, è contratto; ma quando perdonate si apre in questo modo e solo allora questa Kundalini può attraversarlo.

Perciò non dite che è difficile; è molto facile. Dite semplicemente “io perdono tutti” e non pensateci neppure, è un mal di testa.

Ora, la terza condizione è molto semplice, dovete togliervi le scarpe. In Inghilterra quando lo dissi per la prima volta, metà dei presenti voleva andarsene. Gli inglesi sono attaccati alle loro scarpe. Ora, per favore, appoggiate entrambi i piedi a terra, paralleli. Devo dirvi che questa Madre Terra assorbe i vostri problemi.

Ora cercate soltanto di capire. Mettete entrambe le mani verso di me, come fate per namaz (preghiera musulmana). Adesso verificate se c’è una brezza fresca, o calda, sotto forma di vibrazioni, che arriva sulle vostre mani.

E non dubitate. Siete musulmani, ecco perché. Con gli occidentali devo combattere.

La sentite? Ora guardatemi senza pensare. Perdonate voi stessi, perdonate voi stessi (non udibile) e perdonate chiunque, senza pensarci, in generale. [Pausa]

Loro sono come gli indiani. Va bene? Sentite? Controllate solo, non dubitate.

Ora rivolgete semplicemente la mano destra verso di me in questo modo, abbassate la testa e verificate con la mano sinistra se c’è una brezza fresca sotto forma di vibrazioni, o magari calda, che esce dalla vostra testa.

Alcuni potrebbero averla calda in quanto non avete perdonato voi stessi o gli altri, quindi fatelo adesso.

Ora, per favore, rivolgete la vostra mano sinistra verso di me, abbassate la testa e verificate da soli se c’è come una brezza fresca, o magari calda, che fuoriesce dall’area della fontanella, l’osso che era morbido nella vostra infanzia.

A volte la sentite vicino alla testa, altre volte lontana. Adesso sentitela ancora una volta. Non appoggiate la mano sulla testa, allontanatela. Ora rivolgete la mano destra verso di me, abbassate ancora la testa e verificate da voi.

Adesso, per favore, alzate entrambe le mani verso il cielo e reclinate all’indietro la testa, come in un namaz. Ora fate una domanda: chiedetemi – potete chiamarmi Madre o Shri Mataji – chiedete: “Madre, è questa la brezza fresca dello Spirito Santo?”, potete rivolgermi questa domanda.

O potete chiedere: “Madre, è questa la Ruh?”, oppure: “Madre, è questo il Paramchaitanya?”. Fate una delle domande. “Madre, è questa la Ruh?”. Chiedetelo per tre volte.

Ora abbassate le mani.

Rivolgete le vostre mani verso di me in questo modo, un po’ più in alto, e guardatemi senza pensare. Sta arrivando da qui, per alcuni. Mettete la mano così e portatela su, se arriva in questo modo. Bene, ora verificate. Guardatemi senza pensare. Vi sentite molto rilassati.

Adesso, quelli che hanno sentito una brezza fresca o calda sulla punta delle dita, o sulle palme, o sopra l’area della fontanella, per favore alzino le mani. [Pausa]

Tutta la Tunisia.

Che Dio vi benedica.

Mi inchino a tutti voi, adesso siete divenuti santi e ci siete, ma dovete crescere in questo.

Prima di tutto non dovete pagare. Non potete pagare, perché Dio non comprende il denaro e questa cosa è inestimabile. La maggior parte di voi, penso il 99,9%, l’ha sentita. Abbiamo persone che domani ve ne parleranno in modo più dettagliato e spero che ne gioirete.

Stiamo cercando di organizzare anche un programma per le signore per domenica sera, se è… (non udibile). Sì.

Grazie infinite.


[1] Profeta, veggente.

[2] Santo.

[3] Hazrat (oppure Hadrat o Hadhrat o Hazret) è un titolo onorifico arabo. La sua traduzione letterale è “Presenza”. Il suo uso è paragonabile a titoli onorifici occidentali quali “Vostro Onore”, “Sua Maestà” o “Sua Santità”.

[4] Peccato, colpa, delitto.

[5] Capitale dell’Arabia Saudita.