Navavarsha (Capodanno) (Hindi)

New Delhi (India)

Transcript PDF
AVVISO IMPORTANTE Cari sahaja yogi, si prega di ricordare che questa traduzione NON è stata revisionata.
Send Feedback
Share

1995-10-25 Navavarsha (Capodanno) Delhi

Oggi è l’auspichevole giorno del nuovo anno, siate benedetti.  Il nuovo anno viene celebrato di anno in anno, tutti gli anni , ma lo spirito di questo evento non è stato compreso, se non nel mettersi nuovi vestiti e divertirsi.

Non si pensa all’importanza di questo giorno, ed agli scopi da raggiungere in questo anno.  Quale che sia il nostro stile di vita, nello stesso modo continuiamo ad augurare «Felice anno nuovo», di anno in anno.

Se fossimo collettivi in Sahaja Yoga dovremmo valutare quale nuovo impegno assumerci.  Avete raggiunto la profondità in meditazione, avete compreso che cos’è la meditazione e avete anche stabilizzato uno stato di meditazione dentro voi stessi.  Ora, è necessario che la nostra attenzione cerchi di scoprire che cosa dobbiamo raggiungere nel Nuovo Anno.

Prima di tutto dovremmo cercare di vedere quali problemi esistono nel nostro Paese e nel mondo intero, e come possiamo trovare delle soluzioni a tali problemi.

Perciò penso che i Sahaja Yogi debbano individuare attentamente quali siano le aree di loro interesse.  Ad ogni modo sono state iniziate molte cose nuove in Sahaja Yoga.  Sapete che abbiamo deciso di invitare i «Musulmani Sciiti» e spiegare loro come stanno le cose.  Oltre a questo stiamo cercando di diffondere tra la gente la conoscenza della vita nobile e virtuosa condotta da Shri Shivaji Maraji.  Entrambe le cose sono molto importanti affinché i Musulmani Sciiti capiscano che cosa sia la Pura Religione e possano comprendere il vero significato del Dharma prendendo come esempio la vita di Shivaji, i suoi ideali, e di come ha vissuto e lottato per questi.  Quanto è riuscito a fare in così poco tempo!

Ora a Delhi e nelle aree circostanti siamo meglio organizzati e Sahaja Yoga si sta espandendo.  Dobbiamo anche vedere se con ciò stiamo ottenendo una certa considerazione o no. Dobbiamo capire che è necessario migliorare la profondità di Sahaja Yoga oltre che all’aspetto quantitativo e dobbiamo porre attenzione a questo aspetto.

Desidero che mettiate l’attenzione sui gruppi e sui centri dove si fa meditazione.  Andate a vedere come vanno, potete andare avanti a diffondere Sahaja Yoga ed aumentare il numero dei Sahaja Yogi andando nei villaggi e lavorando le persone come avete sempre fatto.  È stata una buona cosa per esempio che voi abbiate iniziato un nuovo progetto che vi sta permettendo di acquisire appartamenti, case, ed anche il nuovo Ashram sta per nascere.  Ma in questo nuovo anno, dovete tenere in mente che cosa dovremo fare in questo Ashram, che cosa possiamo fare tutti noi per diffondere Sahaja Yoga e quali siano le cose che possiamo rendere pubbliche affinché la gente possa conoscere.  Una cosa che sento e sulla quale abbiamo riflettuto per anni è che dobbiamo avere un giornale di Sahaja Yoga.  Tempo fa si è iniziato a pubblicare un giornale di Sahaja Yoga a Bombay, ma si sono fatti degli errori e ne è conseguita la chiusura.  Ma ora i numeri sono cresciuti così tanto che possiamo averne uno come quello pubblicato all’estero (Divine Cool Breeze); questo contiene in prevalenza informazioni sui programmi che si tengono in altri Paesi.  Allo stesso modo nel vostro giornale voi potete dare notizie sull’India.

Ora, lo penso che dobbiamo porre speciale attenzione a tre livelli sulle questioni vitali del mondo d’oggi.  Mi rendo conto che la prima cosa su cui si deve mettere l’attenzione è la Pace, dobbiamo stabilizzare la pace dentro di noi e trovare le ragioni che la disturbano nel mondo esteriore.  Perché non c’è pace?  Quali sono le cause di disturbo?  Qual è la fonte della confusione e dei problemi nel nostro Paese e negli altri Paesi?  Dobbiamo cercare di rintracciarne la causa primaria e di trovare un modo per uscirne.  Prendiamo ad esempio la questione della Cecenia; ne ho parlato con i Russi e questi mi hanno detto che là nessuno rende pubbliche le proprie opinioni perché tutto è a «senso unico».  Mi hanno spiegato che il problema in Cecenia è dovuto al fatto che c’è  una profonda differenza tra uno Stato democratico ed uno stato imperialistico.  In un Paese democratico, nel quale sia in vigore il governo del popolo, ogni singola religione (…dovrebbe avere il suo spazio). (… Il problema sta) in quella che si ritiene una religione esclusiva, come queste tre religioni principali, o in maniera simile il caso dei Buddisti e dei seguaci di Mahavira.  Queste tre religioni che, possiamo dire, sono venute dai Cinque Angeli, sono l’Ebraismo, il Cristianesimo e l’Islam.  Ciascuna di queste crede in un solo libro di Scritture Sacre ed in una sola Incarnazione, che la renderebbe esclusiva.  Ma, in verità, esse non sono per nulla esclusive.  Questo è il punto sul quale dobbiamo porre l’accento ed in merito al quale dobbiamo scrivere.  Il punto è che tutte le religioni sono una.  Se, ad esempio leggiamo a proposito di Mosé, scopriamo che egli parlò anche di Abramo.  Dopo venne Gesù Cristo che parlò di Mosé, Abramo e tutti gli altri.  Quando venne Maometto parlò di tutti e tre ed anche di Maria.  Così queste religioni non sono esclusive, anche se lo possono sembrare ed è perciò che ci sono delle lotte di religione.  Se qualcuno dice loro che è arrivata la Religione Universale, questi non possono apprezzare tale fatto in alcun modo; come potrebbero altrimenti combattere ancora?  Come potrebbero soddisfare i loro impulsi ed il loro temperamento litigioso?  Perciò costoro non sono pronti ad accettare che la loro religione non sia esclusiva.  Se vogliamo che, in regime di democrazia, un ebreo vada al potere sulla base della sua religione esclusiva, o che lo faccia un cristiano da un’altra parte, o in un altro luogo un fedele di un’altra religione esclusiva, la lotta non finirà mai.  Dunque, questi dovrebbero accettare l’esistenza della Religione Universale.  Non appena questi arriveranno alla Religione Universale tali credenze ed idee verranno completamente spazzate via.  Se ci guardiamo attorno, ci rendiamo conto che anche in questo momento molte guerre stanno avendo luogo in ogni parte del mondo in nome della religione.

Tutto questo potrà smettere se comprenderanno che tali religioni non sono in verità esclusive.  Perché state allora combattendo?  Un ebreo crede in questo, un cristiano anche, e tutte le religioni hanno gli stessi sistemi.  Oggi ci sono troppe guerre in questo mondo e tutto ciò deve smettere.  Così i Russi affermano: se diamo potere ai musulmani in Cecenia …. la comunità musulmana è famosa per il fatto che un uomo possa avere anche 28 figli e che quindi producendo così tanti bambini possano raggiungere la maggioranza numerica.  Così se domani si darà loro il potere, questi continueranno nella stessa maniera, e come si potrà fermarli?  La forza più grande nella loro religione è che sono molto numerosi e che non è difficile per loro di incrementare ulteriormente i numeri, ma se questi continueranno a crescere con questi ritmi consumeranno le risorse dell’intera Russia.  La domanda è perché questi non si considerano Russi?  Perché si identificano in una sola religione?  Questo può essere detto a proposito di tutti i musulmani, per esempio, i musulmani indiani sono in primo luogo musulmani e poi anche indiani.  E questo vale anche per tutti gli altri Paesi.  I musulmani indiani hanno ricevuto un energico schiaffo in Pakistan; ogni giorno 18 o 20 di loro vengono uccisi laggiù.  Avrete magari anche sentito la loro intervista in TV. Essi affermano: «avendo abbandonato la compagnia dei nostri cari in questo mondo, non riusciamo a raggiungere Dio nell’aldilà, siamo così lasciati in balìa, né da una parte, né   dall’altra».  Questa è la loro triste situazione.  I musulmani indiani (emigrati in Pakistan) stanno lentamente capendo che i loro fratelli rimasti in India vivono in una condizione di discreta prosperità e non hanno problemi, mentre in Pakistan le cose sono così incerte che non si sa mai chi verrà massacrato il mattino dopo.  Questa è la condizione del Pakistan.  Il motivo è che i Sindhis e i Punjabi in Pakistan non vogliono che questi rimangano perché sono emigrati dall’India.  Questi musulmani emigrati ora hanno formato un loro gruppo e vivono nelle vicinanze di Karachi e chiedono che venga data loro Karachi poiché lì costituiscono la maggioranza della popolazione.  Karachi è l’unico porto del Pakistan.

In tutte le religioni, ed in particolare in quella islamica, il principio fondamentale è “Fino a che non conosci te stesso non potrai conoscere Dio, prima conosci te stesso”. Il secondo principio, riguardo al quale i musulmani indiani stanno creando tanto clamore, è che credono in un Dio senza forma.  Perché allora stanno lottando per un pezzo di terra?  Ciò che è forma è mortale e grossolano e se si crede nel Senza Forma allora si dovrebbe perseguire l’assenza di Forma.  Ora senza ottenere il Senza Forma, stanno lottando per un pezzo di terra e questo è un grosso errore.  Ma non è facile farglielo capire siccome sono troppo occupati nello spargere sangue.  Comunque sia, se iniziassimo a scrivere articoli sulla stampa e cominciassimo a parlare di queste cose la gente comincerebbe a riflettere «Vediamo se è vero ciò che dicono» e realizzerebbe che cosa hanno guadagnato con tutte queste lotte.  La comunità musulmana è una comunità che difficilmente si avvicina a Sahaja Yoga e pochissimi di loro vengono in Sahaja Yoga.  Ciò nonostante non dovremmo dire questo perché musulmani di molti Paesi sono in Sahaja Yoga.  Ce ne sono circa 15 o 20 da tutto il mondo.  Ma questa volta quando ho parlato loro alla radio, ho detto tutto molto chiaramente, e mentre parlavo nessuno aveva nulla da obiettare. Alcune donne in quell’occasione hanno telefonato dicendo che mentre ascoltavano Shri Mataji avevano iniziato a sentire la brezza fresca, molte persone hanno così ottenuto la Realizzazione.

Noi pensiamo che questo sia anche un modo attraverso il quale coloro che sono immigrati dai propri Paesi, come ad esempio gli iraniani che si sono stabiliti in America, si possono avvicinare a noi.  In questa maniera in tutti i Paesi verso i quali sono immigrati dei musulmani questi hanno impostato un clima violento e di cospirazione.

Recentemente una persona che aveva formato una banda e stava preparando un attentato al World Trade Centre, è stato arrestato e condannato a 18 anni di carcere.  Questa gente, in qualsiasi posto si trova indulge nella violenza e non prova in alcun modo a capire.  Bisogna spingerli a comprendere che quando si crede nel Senza Forma non ha significato combattere per un pezzo di terra.  E un’altra stupida credenza che questi hanno è che dopo la morte i loro corpi debbano essere sepolti, ma quando verrà il tempo della Resurrezione i loro corpi risorgeranno.  Ora, ditemi che cosa rimarrà dopo 500 anni di un corpo che possa risorgere?  Potete vedere molto chiaramente che tutto ciò è piuttosto bizzarro.  Dovremmo in qualche maniera puntualizzare tutto questo su di un giornale per far notare a queste persone che tali idee sono insensate e che costoro stanno rimanendo impigliati nella rete della follia.  La cosa più importante è che Maometto non scrisse il Corano.  Il Corano fu scritto 40 anni dopo la vita di Maometto.  Gesù Cristo non scrisse alcun Vangelo, né Mosé scrisse alcunché.

Questo è un altro punto da esaminare: l’autenticità di questi libri per la quale si sta combattendo tanto.  Ora, se costoro continuano su questa strada, andranno tutti all’inferno; non vedo alcun’altra via d’uscita.  C’è un limite alla follia e indulgendo in tali cose costoro non potranno mai ottenere alcuna benevolenza.  Tra i musulmani, dopo un’accurata ricerca, possiamo forse trovare una o due persone che abbiano abbastanza coraggio per affermare tali cose e per farle comprendere.  Ma questi hanno un profondo timore di venire uccisi.  Ma questo non può succedere se si è in Sahaja Yoga in questo caso nessuno ci può fare del male, se qualcuno è in grado di raccogliere il coraggio che basta, bisognerà che lo usi perché gli altri comprendano.  La cosa più importante che ha disturbato la nostra pace fino ad ora è la religione.  Non c’è pace dentro di noi a causa di queste religioni irreligiose.  Se questo problema trovasse soluzione a questo punto, direi che il 75% dei problemi delle guerre sarebbe risolto.

Ora, il secondo punto è di trovare quale sia la fonte che genera questa agitazione.  Se si guardano da questo punto di vista le guerre e le controversie tra i Paesi sono cosa differente.  Per esempio, il Presidente Chirac ha fatto esplodere delle bombe atomiche laggiù, e ora ci sono così tante bombe che esplodono nel suo Paese.  Ma se guardiamo la cosa dal punto dì vista dell’individuo, dobbiamo trovare la causa che crea l’inquietudine  nell’individuo.  Perché l’individuo perde la pace interiore?  Ci sono diverse cause alla radice di questo fatto.  Possiamo dire che ci siano le gelosie, le ambizioni e così via, e se una persona è di lato destro non potrà essere pacifica.  Ma anche le persone di lato sinistro, proprio a causa di questa loro caratteristica, possono essere disturbate da questa loro scontentezza, mentre le persone di lato destro saranno disturbate e si immagineranno di essere felici.  Ma né le une né le altre saranno veramente in pace.  Dobbiamo dunque rimuovere la loro inquietudine interiore.  Dovete aver letto nel mio libro dove si parla a proposito dei geni.  In Sahaja Yoga i geni vanno a posto da soli, e non appena i geni vanno a posto, la persona automaticamente diventa pacifica; non c’è nemmeno bisogno di dirglielo, la sua attitudine si modifica da sé.  Nel libro ho spiegato in dettaglio a proposito del fosforo contenuto nei geni.  Voi sapete che il fosforo esplode se esposto al calore, quindi, se una persona diventa arida, questo fosforo presente nei geni esplode.  Worlikar diceva che questo punto non è mai stato approfondito da nessuno fino ad ora.  Mi è stato detto:        “Tre scienziati hanno ricevuto il premio Nobel per le ricerche che hanno compiuto sul fosforo nei geni, ma questo punto che Lei ha spiegato Shri Mataji non è mai stato toccato prima».  Così ho fatto notare che per quel che riguarda il premio Nobel potremo anche ottenerlo, magari per la pace!

Quello che in verità succede è che quando c’è inquietudine interiore in una persona, questa spinge a formare dei gruppi, che possono essere di due tipi: uno di persone egoistiche, il secondo è di persone di lato sinistro, possedute.  Il conflitto in Africa è causato da persone possedute, ma da altre parti è causato dall’ego.  Così se riusciamo a distruggere sia l’ego che le possessioni possiamo diventare pacifici e attraverso questa pace dentro di noi possiamo dare a pace agli altri. Dobbiamo dunque porre più attenzione a questo aspetto.  Supponiamo che andiamo in un villaggio e diamo loro la realizzazione, dobbiamo spiegare loro anche l’importanza della pace.

Ora, vediamo nei villaggi dell’lndia settentrionale che la tendenza prevalente, che proviene dalla mentalità musulmana, è quella dell’oppressione della donna.  Quando però le donne vengono oppresse troppo, queste come reazione diventano aggressive nei confronti degli uomini, in maniera anche peggiore di quanto facciano gli uomini nei loro confronti.  Deve dunque esserci il rispetto per le donne.  D’altra parte però queste stesse donne non comprendono che cosa sia il rispetto nei confronti di sé stesse.  In Sahaja Yoga trovo che qui le donne siano estremamente deboli, benché ci sia Io come donna a fare da esempio davanti ai loro occhi.  Queste non meditano e si fanno prendere dai litigi e dalla tendenza a dominare gli altri.  Ora, quando le donne si lasciano prendere la mano da tali cose, perdono il loro potere, questo perché il potere viene dalle donne, esse sono il potenziale.  Quando cominciano a comportarsi in tale maniera il potere dell’intera società svanisce.  Dunque la cosa più importante è di stabilizzare la pace nelle nostre donne.  Ma per ottenere questo risultato anche i mariti dovrebbero essere pacifici.  Se il marito è pacifico e rispetta la moglie, sono convinta che la pace si stabilizzerà anche nei figli in tutte le famiglie.  L’aggressività che hanno qui gli uomini non rimane circoscritta, ma è destinata a ritornare come un boomerang su di loro.  Dovremmo mettere particolare attenzione su questo aspetto del rapporto tra marito e moglie parlandoci con amore e con rispetto, comportandoci correttamente di fronte agli altri in ogni caso.  Ho visto molti casi in cui le mogli sono assolutamente inutili per Sahaja Yoga, ma nei quali i mariti si sono lasciati circoscrivere ed influenzare da loro.  Ci sono poi molti mariti che non manifestano alcuna attenzione per le proprie mogli e che addirittura le picchiano…ce ne sono persino in Sahaja Yoga.  Mi rattrista molto dover notare che se non esiste un rapporto di completa integrazione tra marito e moglie, va tutto in maniera seriamente sbagliata.  Questa è una cosa veramente seria per me, perché ora voi siete Sahaja Yogi e lo è anche vostra moglie e se entrambi siete seduti sulla stessa barca, come potete allora litigare?  Non ci devono essere litigi perché è una situazione molto pericolosa.  Se siete venuti in Sahaja Yoga e state ancora litigando, la prima cosa che succede è che le Deità ne saranno dispiaciute e non si può sapere a che guai state andando incontro.  Bisogna stare molto attenti.  Supponiamo ci sia un uomo che, senza ragione, dia problemi a sua moglie dicendo in continuazione: «Questo non va bene, quello non va bene, non così……. Arriverà il giorno in cui tutte le Deità si arrabbieranno con quest’uomo, creando così dei problemi di Laxmi, e se non di Laxmi  dei problemi di cuore; Ancora peggio se il catch è di Nabhi sinistro, perché può portare a molte altre malattie.  Ho lavorato molto sul Nabhi sinistro e trovo che sia molto difficile da ripulire perché manca         l’introspezione. Non si cerca di capire perché il proprio Nabhi sinistro non lavora a dovere.  Supponiamo che sia la moglie ad essere egoista, aggressiva e non disposta ad ascoltare, ma solo ad insultare in ogni occasione il suo uomo.  Sedetevi tranquillamente e parlatele.  Deve esserci un rapporto tra voi due, ci deve essere comunicazione.

Quando la gente ottiene la Realizzazione in Sahaja Yoga diventa veramente entusiasta di questo con gli altri, ma non parla di Sahaja Yoga con la moglie o con i figli.  È come andare in vacanza in Inghilterra o in America.  Bisognerebbe dedicare tempo a Sahaja Yoga, lavorare sodo per Sahaja Yoga, ma bisognerebbe farlo insieme, marito e moglie.  Portate i vostri figli e le vostre mogli in Sahaja Yoga, portate tutti.  Se volete lavorare da soli in Sahaja Yoga e lasciare vostra moglie confinata in casa, quando tornerete comincerà a brontolare.  Cercate allora di creare un’unione vera, discutete insieme i vostri progetti e come potete realizzarli.  Anche le mogli devono crescere, il loro livello intellettuale deve innalzarsi, devono accrescere la loro consapevolezza.  Trovo che ora ciò che era dovuto all’influenza musulmana stia diventando l’opposto; prima vedevo le signore facilmente intimidite, ma ora divorano letteralmente la controparte maschile.  È proprio così questo meccanismo di  azione – reazione.  Tutto questo dovrebbe essere completamente ed immediatamente spazzato via da Sahaja Yoga.  Il rimedio sta tutto nel correggere la vita individuale e la vita di coppia.  Quando voi diventerete pacifici anche i vostri figli diventeranno pacifici.  Tutte queste malattie dovute alla mancanza di pace vengono proiettate nelle grandi guerre, da che cosa sono generate e causate queste guerre?  Vengono dall’uomo, non dal cielo o dagli alberi. La causa radicale di tutto questo è l’uomo stesso e se l’uomo riuscisse ad immergersi completamente nella pace, a crescere nella pace e a considerare la sua disposizione pacifica come la sua proprietà più preziosa e degna di orgoglio, allora almeno la nostra vita sociale andrebbe a posto.  Il compito di correggere e normalizzare l’aspetto sociale della vita può essere portato avanti soltanto dai Sahaja Yogi.  Ma coloro che litigano tra loro, come possono correggere e portare pace alla nostra vita sociale?  Spesso mi viene riportato che una certa persona è molto buona, ma che sua moglie è molto egoista, o che la moglie è buona, ma il marito è prepotente.  Succede così spesso.  In effetti abbiamo tutti la nostra cultura, le nostre norme di comportamento.  Escludendoci e separandoci da questa cultura facciamo qualcosa di sbagliato.  Nel nostro Paese, almeno in Maharashtra, rispettiamo molto le mogli e le mogli rispettano molto i loro mariti.  Questa è la cultura ed i mariti non pensano che le mogli siano differenti o inferiori.  Vi ho spiegato così tante volte che il carro ha due ruote e che se una delle due è più piccola o più grande      dell’altra ciò non va bene.  Non hanno somiglianza, benché si dovrebbe dire che entrambe abbiano la medesima altezza e la stessa struttura, ma se si cerca di montare la ruota sinistra sulla parte destra o la destra sulla sinistra, allora si commette un errore.  Così entrambi hanno le loro peculiarità.  Per esempio le donne hanno le loro attitudini, ma anche gli uomini hanno le loro predisposizioni.  Gli uomini indossano i loro orologi, che sono sempre in movimento, che registrano il passaggio del tempo.  Spesso li ho consigliati di togliersi questi orologi.  E per quel che riguarda le donne, queste richiedono sempre del tempo perché siano pronte per uscire.  Se questi devono uscire e le loro donne non sono pronte in tempo, gli uomini ne sono indispettiti.  Si tratta di cose così piccole, proprio piccole, ma sono queste a far cominciare i litigi.  Credo che gli uomini si considerino responsabili per tutto, «Dobbiamo arrivare in orario».  Se non si arriva in orario non cade mica il cielo!  Gradualmente bisognerebbe abituare la mente a non reagire.  Bisogna mantenere la mente in uno stato tale che non reagisca, questa dovrebbe solo testimoniare.  Ne sarete sorpresi, ma gradualmente andrete a posto, ed andrà a posto anche vostra moglie.  Dovete entrambi guardare la realtà come testimoni.  Bisogna così capire che le donne sono differenti dagli uomini ed hanno differenti metodi e differenti stili.  Dobbiamo comprendere che la sola cosa che hanno in comune è il fatto di essere entrambi degli esseri umani.

Ora, bisogna cercare di capire perché emergono certi problemi in Sahaja Yoga.  Per esempio quando una ragazza di Lucknow venne qui, dopo il suo matrimonio  dozzine di problemi le caddero addosso.  Bisogna parlare con questa ragazza e capire quale sia veramente il problema e quale non lo sia?  Sahaja Yoga non è fatto per rompere le relazioni, ma se le relazioni si stanno rompendo noi dobbiamo cercare di capire come e perché questo succede e cercare di porvi rimedio.

Ora, quando abbiamo cominciato a combinarci insieme, avremmo dovuto anche pensare a come si potevano combinare i Sahaja Yogi di Delhi con quelli di Bombay spontaneamente.  Ma non è successo.  «Dobbiamo fare il Puja a Delhi»  ma perché?» Se il Puja viene fatto a Bombay, viene fatto anche a Delhi. Se allargate il vostro cuore vi accorgete che voi siete il mondo intero.  Il Puja è fatto per il vostro bene, che si faccia in un posto o in un altro.  È abbastanza frequente che mi si chieda «Questo deve essere fatto a Delhi, devi venire a Delhi», per questa ragione continuo ad andare da una parte ad un’altra.  Alcune persone mi chiedono di visitare Moradabad, altre mi chiedono di andare in un altro posto.  Quanto viaggio alla mia età per evitare che si pensi che Io favorisca qualcuno a dispetto di altri?  Così ora ho deciso che non andrò in giro per l’Europa, e che tutti gli europei verranno nel posto in cui Io andrò.  Ho visitato la Romania e tutti si sono recati là per incontrare la propria Madre, dal momento che Lei non visitava il loro Paese.  Così, quale che fosse la quantità di denaro che avrebbero speso nell’organizzare la mia visita nel loro Paese, ora la usano per raggiungere i posti in cui Io vado.  In Sahaja Yoga tutti si conoscono individualmente per nome.  Pensate che ampia relazione avete diffuso nel mondo intero e che potete viaggiare in tutto il mondo in questo modo.  Ora, supponiamo che Io vi dica non visiterò più Delhi ma solo Nagpur, allora tutti voi verrete a Nagpur, non è vero?  In questo modo dovreste sviluppare questo distacco.  Vi sento dire «Madre, state visitando questo posto, visitate anche quest’altro».  Nessuno si rende conto di quanto in questa età Io stia lavorando sodo, di quanto Io debba viaggiare e che se mi si spinge in questa maniera da una parte all’altra sarà difficile per me andare avanti così.  La gente si deve rendere conto che quale che sia il lavoro che doveva fare Shri Mataji, l’ha già compiuto ed ora farà solo quello che avrà piacere di scegliere.  Non dovremo più esercitare pressioni su di Lei.  Il Puja sarà compiuto solo quando Lei ci suggerirà di farlo.  Se ci darà la Sua approvazione, allora andrà bene, ma non si dovranno esercitare pressioni nei Suoi confronti.  Questo porterà un certo sollievo alla mia salute.  Se dopo tutto devo ancora fare del lavoro, non voglio nessun tiro alla fune. Qualsiasi progetto vogliate intraprendere, per favore fatelo, dopo averlo pianificato in maniera adeguata e sistematica, senza porre ulteriori carichi sulle mie spalle.  Per cose così piccole mi telefonate «Madre, quella persona è malata».  Dopo tutto siete Sahaja Yogi, vi sono stati dati tutti i poteri, che bisogno avete di venirmi a disturbare? Dovete curare la gente, questa è una vostra responsabilità, da parte mia ritengo che i miei figli siano cresciuti e siano diventati molto responsabili, in grado di capire ogni cosa.  Dovete darmi ora la certezza che potete cavarvela da soli, senza che Io me ne debba preoccupare.  Solo quando tutto ciò comincerà a succedere, sentirò vero sollievo.  Ma al momento la situazione è tale che ricevo lettera dopo lettera per questa e quella cosa.  Ma bisognerebbe suggerire a costoro che, se proprio devono mandare delle lettere, che le mandino ai centri di Sahaja Yoga, perché disturbare Shri Mataji?  È da notare come molti Sahaja Yogi hanno risolto i problemi di molti ricercatori come Io stessa faccio.  Perché solo Io devo risolverli?  Perché le cose funzionino dovete essere in primo luogo dotati di piena comprensione di Sahaja Yoga e quindi dovete operare con assoluta purezza interiore.

Entrambe le cose sono essenziali.  Perché ho visto molte persone che si sono fatte avanti dicendo «Venite da me.  Risolverò io il problema».  La persona viene presa in maniera così brutale da farla scappare da Sahaja Yoga.  Dovete dunque formare un comitato che elabori le soluzioni.  Supponiamo che visitiate un posto in cui una persona abbia un particolare problema, altri hanno altri problemi.  Per quello che mi riguarda Io sono convinta che voi possiate essere pienamente confidenti con questo tipo di problemi e che sappiate come risolvere ciascuno di questi.  Se si può fare, vorrei scrivere un libro su tutti questi problemi e su come portarli a soluzione.  Anche voi potete scrivere un libro del genere in cui si spieghi la soluzione dei problemi.  In tal modo mi libererò di questo peso che verrà trasferito su di voi.  Tutto questo vi nutrirà, assicurerà il vostro progresso e lo renderà «vostro». Questo nuovo anno risolve.  Dovete decidere di prendere delle nuove responsabilità nel nuovo anno.  Per questo lavoro, prima di tutto, mi rivolgo a voi.  Più tardi mi rivolgerò ad altri Sahaja Yogi in altri Paesi.  Vi sto dicendo queste cose perché dentro di voi avete il Dharma ed il vantaggio di una cultura sulla base della quale potete fare molto.  I Sahaja Yogi stranieri vi tengono in grande considerazione e rispetto.  Essi pensano non ci possa essere niente di meglio di un indiano.  Ma una donna indiana che è stata mandata all’estero ha creato tali problemi da non lasciare altra scelta se non quella di rimandarla indietro e sostituirla con   un’occidentale.  Queste sono cose molto importanti di cui prendere atto. Per quel che riguarda i matrimoni, vorrei dire ai leaders che siano loro a suggerire le unioni dopo una accurata considerazione dei singoli casi.  Quante persone si sono già sposate?  Non ne abbiamo tratto alcun vantaggio finanziario né di altro tipo, se non quello di ottenere dei matrimoni felici dai quali grandi Santi ed anime realizzate possano prendere nascita.  Ma c’è chi pensa che sia obbligatorio sposarsi in Sahaja Yoga.  La loro attitudine è tale che si sentono come obbligati al matrimonio.  Ma che vantaggio ne possiamo trarre?  Se consigliate qualcuno al matrimonio, a questa persona dovrebbe essere spiegato che ciò non porta alcun vantaggio né a Shri Mataji, né a Sahaja Yoga e che il matrimonio sta avendo luogo solo per il beneficio di questa persona.  Dopo di ciò il matrimonio dovrebbe essere organizzato in seguito ad un esame molto approfondito, se invece qualcuno è condotto in maniera troppo brutale e repentina al matrimonio, questo porta a dei problemi gravi.

Noto che ora i vostri matrimoni stanno migliorando, ma devo fare attenzione anche ai vostri bambini.  La prima cosa che vi ho detto è che dovreste essere tutti pacifici, la seconda è il rispetto sociale per le donne mentre le si deve allo stesso tempo rendere più responsabili.  Il perno e le fondamenta della società sono le donne.  Le donne devono prendersi la piena responsabilità della società, per questo non c’è bisogno degli uomini.  Gli uomini si devono occupare di economia e di politica.  Ma le donne devono prendersi la piena responsabilità della società. Devono essere disposte ai sacrifici, equilibrate ed illuminate.  Ci sono donne che non sono generose o altre che non sanno abbastanza di Sahaja Yoga e altre che se ne sanno qualcosa credono di essere chissà chi.  Il compito di riportarle in uno stato di equilibrio e di comprensione è estremamente importante.  Può sembrare una cosa di importanza minore, ma secondo me è veramente molto importante che le nostre donne si rendano conto di che cosa esse siano e di quale sia il loro vero ruolo.  Abbiamo compreso che le donne sono le vere costruttrici di una buona società e fino a che punto le stiamo aiutando nel creare una società ideale. In primo luogo bisognerebbe orientarsi al raggiungimento di questo obbiettivo.

Il terzo punto di cui dicevo riguarda i bambini. Dobbiamo avere una piena comprensione delle nostre idee ed attitudini verso i bambini.

Dobbiamo parlare loro ed informarci sulle loro opinioni.  In Inghilterra è stato pubblicato un libro nel quale si riportano le osservazioni dei bambini riguardo a molti argomenti.  Tutte le copie di quel libro sono state esaurite il giorno successivo alla pubblicazione ed anche ora risulta difficile procurarsene una copia perché le osservazioni dei bambini sono così belle che tutti vogliono leggerle.  Hanno dato le loro impressioni riguardo al Primo Ministro e ad altri Ministri.  Questo porterà a due cose: in primo luogo creerà un potere dei bambini nella società; i bambini hanno l’innocenza e attraverso la loro innocenza osservano e si esprimono. Tutto quello che osservano i bambini dovrà essere portato all’attenzione del mondo intero.  Questo può portare ad una corretta interazione nella società.  I bambini si devono rendere conto che quanto esprimono è tenuto in conto dagli adulti e gli adulti devono pensare al modo di porre rimedio ai problemi segnalati dai bambini.  In questo modo si deve instaurare un circolo virtuoso.  Questo non deve però potare a sviluppare l’ego o l’aggressività nei bambini, ma solo la loro capacità di esprimere le loro osservazioni ed i loro punti di vista.  Dovete fare attenzione anche a questo punto.  Le dolcissime osservazioni che fanno i bambini creano in me un immenso piacere.  Se mi date cento bambini, non ho bisogno di nient’altro.  La loro capacità di comprensione è così profonda e sensibile.  Questi osservano le cose fin nei minimi particolari e ce ne fanno partecipi in maniera così dolce come se fossero completamente immersi nella Conoscenza Divina e nell’attività Divina.  Anche nelle cose più piccole, per esempio se ci sono delle cose sul tavolo, il bambino verrà a metterle in ordine per Shri Mataji.  Non possiamo lasciare tutto insieme, dobbiamo mettere le cose secondo le esigenze di Shri Mataji…… Scoprono tutto sulla base delle vibrazioni.  Ho osservato che la maggior parte dei bambini si comporta sulla base delle vibrazioni, correggendo anche gli adulti.  Una volta un signore mi è venuto a trovare e si è seduto con le mani un questo modo.  Allora il bambino gli ha chiesto: «Perché tieni le mani girate?  Devi stare seduto dritto, così.» Costui ne è rimasto sorpreso e ha risposto: «che cosa te ne importa?».  E il bambino: «non stare seduto così».  «Cosa c’è che non va?».  «Come puoi prendere le vibrazioni da Shri Mataji?  Così le prendi solo dalla terra!».  L’uomo ne è rimasto sorpreso.  Come sono saggi questi bambini anche solo di 3 o 4 anni.  So così tante belle cose di loro; mi dà grande gioia vedere come questi bambini sappiano così tanto, come comprendano tutto e con quanto amore si prendano cura di me.  Il terzo punto dunque è che dobbiamo imparare dai bambini, comunicando con loro.  Quando crescono diventano come noi, ma nell’infanzia possiedono una grande sensibilità.  Essere in grado di parlare con loro e scoprire le loro osservazioni è un’esperienza che riempie di gioia. Dovremmo tutti cercare di avere questa esperienza gioiosa.

Dicevo prima di coloro che combattono in nome della religione, dobbiamo cercare di stabilizzare la pace in loro, dobbiamo parlare loro e cercare di farli capire. Ho parlato poi della società, se la società non è buona allora la pace la legge e l’ordine non si possono stabilizzare in un Paese. Il Paese non può progredire. Prendiamo il caso della Russa; ho visto che là la società è molto buona. Anche in Cina la società è buona, come lo è quella indiana. Questo è dovuto alle donne di questi Paesi. Esse hanno sostenuto le loro società. L’America è molto prospera, c’è tutto, ma la società è in pessimo stato.  Quindi un compito molto importante che ha Sahaja Yoga è quello di costruire le fondamenta di una buona società e di scoprire cosa ci sia che non funziona nelle società di ogni Paese.  Per esempio in America una ragazza minore è stata duramente picchiata e allora i Sahaja Yogi mi hanno telefonato dicendo: «Madre, vogliamo aiutare questa ragazza», ho detto loro: «si, dobbiamo aiutare questa ragazza, è veramente necessario.

Portatemela e vedete di che cosa ha bisogno, datele tutto l’aiuto che potete dopo aver ottenuto il permesso della polizia per badare a lei».  Questo vi darà una nuova immagine e dimensione di Sahaja Yoga nel prendersi cura delle persone.  Se qualcuno è nei guai, se è senza cibo o se ha altri problemi, non dovuti alla sua avidità, ma veri problemi.  È diventato veramente necessario per noi Sahaja Yogi dedicare loro la nostra attenzione.  È venuto il tempo per noi di trovare soluzione a tutti i problemi della società attraverso la nostra collettività.  Dobbiamo porre attenzione a questo aspetto, per esempio possiamo creare dei Centri per coloro che sono anziani e che non possono camminare, devono avere un posto dove stare.  Possiamo quindi organizzare dei campi rifugio e dei lebbrosari.  Tutte queste cose le ho iniziate quando ero ancora giovane. lo me ne sono dovuta andare, ma queste tre istituzioni continuano a funzionare molto bene.  Nelle nostre società dobbiamo dare attenzione anche a quelle persone che sono affette da handicap, la cui salute non è buona e che soffrono.  Se aiutate le persone che appartengono a tali strati della nostra società, tutti allora svilupperanno un grande rispetto ed amore per voi.  Fino ad ora abbiamo lavorato solo per noi stessi; abbiamo avuto la nostra realizzazione, ma cosa stiamo dando agli altri?  E specialmente con i poteri che avete ottenuto con Sahaja Yoga, potete curare da queste malattie tutte le persone che volete, potete aiutarle, far loro del bene e costruire degli Ashram per loro.  Quindi, in un certo senso, il peso e la responsabilità della società è su di noi, perché il Signore Onnipotente ci ha dato dei poteri così grandi.  Ora dobbiamo vedere come possiamo trasformare l’intera società in maniera stupenda cosicché la sua crescita fisica, mentale, intellettuale, culturale e spirituale possa aver luogo.  Questo compito deve essere portato avanti dai Sahaja Yogi. Scegliete e raccogliete dai posti più svariati coloro che sono deboli ed indifesi per aiutarli. Sarete sorpresi di come la vostra popolarità si diffonderà per il paese.

In verità molte persone formano delle organizzazioni umanitarie solo per ottenere voti o denaro.  Noi non ne abbiamo bisogno, ma attraverso i nostri poteri possiamo curare la gente.  Coloro che guariranno potranno testimoniare attraverso i loro poteri risvegliati quanto Sahaja Yoga sia utile al benessere della gente e non solo; potranno anche spiegare apertamente in pubblico che cosa sia e che cosa non sia Sahaja Yoga.

In questo nuovo anno dovete cercare di uscire dalle vostre vecchie abitudini e dal vostro guscio chiuso nel quale avete vissuto fino ad ora, per proiettarvi all’esterno.  All’inizio avrete dei problemi, anche il vostro ego potrebbe fare comparsa e rovinare la vostra testa, potreste sentirvi indispettiti o arrabbiati, potreste essere irritati ed agitati e cose di questo genere.  Ma per tenere sotto controllo anche questo tipo di problemi dovete cercare di venire allo scoperto.  Solo così potete capire di essere a posto.  Qui sono tutti Rama, ma solo quando usciamo ci possiamo misurare con gli esclusi.  Li dobbiamo integrare.  Se abbiamo imparato ad avere a che fare con loro in maniera pacifica, allora ci possiamo rendere conto di esserci ripuliti completamente dall’interno.  Si tratta di pulizia.  Molti osservano: «Madre, va bene per Lei; tutto ciò che fa va bene, ma noi non possiamo farlo».  «Ma perché»?         «La ragione è che Lei è Dio e noi no».  Ma Io vi dico che Dio non fa nulla.  Egli se ne sta completamente distaccato.  Se Io sono Dio e ancora faccio quello che faccio, vuol dire che quale che sia lo stato da voi raggiunto, lo stato più alto che avete raggiunto deve essere vissuto perché diventi utile.  Come potete chiamarvi Sahaja Yogi con la vostra esistenza inutile e sprecata?  Per il tesoro che possedete oggi ci deve essere una maniera adatta e completa affinché si possa utilizzare completamente.

Se fate attenzione a voi stessi e al vostro tesoro, allora scoprirete che voi, la vostra casa e la vostra società hanno assunto una nuova forma ed aspetto.  Anche ora, se facciamo caso ai Sahaja Yogi, hanno un buon aspetto, i loro visi splendono, i loro occhi scintillano e le vibrazioni emanano da loro.  Tutte le anime realizzate possono avere questo, ma voi avete qualcosa di speciale: la capacità di utilizzare tutto ciò in collettività, per il bene degli altri.  Quando tutto questo inizierà a succedere, quando avanzerete in collettività e costruirete un movimento collettivo, vi stupirete di vedere come i poteri che possedete non solo possono curare chiunque, ma possono essere distribuiti anche a chiunque.  Ma al momento siamo ancora molto esclusivi al riguardo.  Sahaja Yoga vuol dire «Sé», perché dovremmo parlare agli altri?. E se tutto questo inizia a funzionare a qualsiasi livello, dovremmo allora farvi attenzione ed iniziare a parlarne, a renderlo popolare.  Non c’è niente di sbagliato in questo, né c’è niente di sbagliato nell’attrarli in Sahaja Yoga.

Perciò dovete lavorare su questi tre livelli.  Come si fa?  Esattamente come avete deciso collettivamente e con successo di pianificare per le vostre case, e per gli acquisti di terreni, ma lo sto parlando di qualcosa di molto più grande di questo, dobbiamo costruire la nostra reputazione nel mondo, aiutando i poveri, aiutando le donne, aiutando i bisognosi e coloro che soffrono di gravi malattie, non con zelo missionario, ma perché abbiamo un sentimento per loro e cerchiamo di elevarli dalle loro sofferenze.  Questo porterà grandissima gloria a Sahaja Yoga.  Ed è proprio questo che dobbiamo fare, dobbiamo lavorare sodo per raggiungerlo.  Non è per niente difficile.

Il messaggio che ho voluto dare per questo nuovo anno dovete riportarlo e mandarlo a tutti.  Saranno contenti di sentire ciò che deve essere fatto e come andrà compiuto.  In un certo modo dobbiamo entrare più profondamente nell’introspezione.  E quando saremo cresciuti in questa, raggiungeremo il punto della consapevolezza senza pensieri, dovete crescere in consapevolezza senza pensieri.  Il Lavoro che potete fare in consapevolezza senza pensieri non può essere fatto altrimenti.  Perciò, tenendo l’attenzione su voi stessi, osservatevi e cercate di diventare senza pensieri.  In meditazione cercate di essere senza pensieri.  In questo stato senza pensieri potrete elevarvi al di sopra della mente e tutti i poteri cosmici vi aiuteranno.  Qualsiasi desiderio sia nel vostro cuore, potete realizzarlo, ma al momento opportuno dovete mantenere la consapevolezza senza pensieri.  Questo è veramente essenziale.  Nel caso non lo siate, non si può continuare a metà in un modo e a metà nell’altro.

In ogni caso, devo dire che siamo migliorati e che stiamo ottenendo un’adeguata organizzazione, ma a cosa serve che noi siamo anime realizzate a cosa serve?  Dobbiamo soffrire come Shri Buddha o rinunciare come Shri Mahavira?  Che scopo hanno queste benedizioni?  Ed in che altro modo possono essere utilizzate?  Ho visto che la gente usa le vibrazioni ovunque vada o quando ha un problema.  Ma questo lo stiamo facendo solo per noi stessi per il nostro beneficio o al massimo a vantaggio di Sahaja Yoga.  Ma dobbiamo usarle anche per i non Sahaja Yogi.  Non è difficile, voi possedete questi poteri, li potete usare per chiunque voi desideriate.  Se la qualità della benevolenza verso tutti è risvegliata in voi, non potranno rimanere dei problemi in questo mondo.  Mi piacerebbe, poter dire che tutto ciò che ho detto venga scritto da voi e che si iniziasse a lavorare su questi punti per vedere ciò che tutti insieme possiamo fare.

Grazie molte.