Discorso precedente il Sahasrara Puja

Campus, Cabella Ligure (Italy)

1996-05-03 EP Sahasrara Puja P1, Cabella, 95' Add subtitles:
Download video (standard quality): Download video (full quality): View and download on Vimeo: View on Youku: Listen on Soundcloud: Transcribe/Translate oTranscribe


1996-05-03 EP Sahasrara Puja P2, Cabella, 48' Add subtitles:
Download video (standard quality): Download video (full quality): View and download on Vimeo: View on Youku: Listen on Soundcloud: Transcribe/Translate oTranscribe


S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I

Discorso precedente il Sahasrara Puja

Cabella Ligure, 3 Maggio 1996


[Shri Mataji parla alla fine del programma musicale e di una rappresentazione interpretata dai sahaja yogi]

Oggi è stato un grande piacere e una glorificazione di Sahaja Yoga. Ricordo il giorno in cui è iniziato, il cinque maggio 1970.

E oggi vedo tutti voi così immersi nell’Amore divino e nell’Energia Divina.

Tutto questo dimostra un cosa davvero grandiosa, fondamentale del Sahasrara: persone provenienti da tanti Paesi integrate insieme.

Integrate. È stato Sahaj, spontaneo, in ogni modo, e non c’è stata alcuna confusione, nessun litigio, nessun contrasto, niente. Una tale integrazione spontanea, sia su questo palco che sul palcoscenico della vita!

Ora, essendo tutti personalità globali, siamo tutti integrati ed anche gli attori hanno gioito allo stesso modo degli spettatori.

Vi è stata anche una bellissima integrazione fra la persona che recitava, o meglio, tutti quelli che erano lì (gli altri attori sul palco, ndt), e tutti gli spettatori; non riuscivo a capire, (era come) se stessero recitando anche gli spettatori o anche gli attori fossero spettatori (Shri Mataji ride).

Devo dire che è stata una bellissima fusione, e faccio i complimenti a tutti i leader di tutte queste cinque nazioni (organizzatrici) che hanno contribuito così bene a questo profondo senso di integrazione.

Non è (solo) l’integrazione interiore ad essere importante; ovviamente quella è molto importante per la personalità, ma per il nostro lavoro, per la nostra emancipazione globale abbiamo bisogno dell’integrazione di tutte le nazioni e della comprensione di tutte le nazioni, poiché queste barriere sono create dagli esseri umani, non da Dio Onnipotente.

Ebbene, noi abbiamo trasceso queste barriere, e il modo in cui stiamo tutti seduti insieme, in uno stato d’animo di completa integrazione, è… voi non sapete come si senta vostra Madre: io non riesco proprio a credere che in così breve tempo lo abbiamo raggiunto, che nell’arco della mia vita io possa veder accadere tutte queste cose.

È stata dunque una così bella, Sahaja, spontanea creazione di questo Spirito di integrazione, e mi complimento con tutti i leader per questo; e dovremmo tutti ringraziarli per averci dato questa meravigliosa, integrata, Sahaj, spontanea illustrazione del carattere Sahaj.

Molte grazie.

Che Dio vi benedica tutti.

[Applausi]