Programma Pubblico al Caffè della Versiliana

(Italy)


Send Feedback
Share

S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I

Programma Pubblico al Caffè della Versiliana

Versilia, 29 Agosto 1999


Romano Battaglia: ….Arriva a fine millennio. È l’ultima Versiliana di questo millennio. Prego.

 Shri Mataji: Mi inchino a tutti i ricercatori della verità. Se state davvero cercando la verità, questo di fine millennio è il momento migliore in cui potete davvero capire cos’è la verità.

Abbiamo però un problema: quando nasciamo, abbiamo l’eredità che ci proviene dal regno animale, potremmo dire, poiché ci siamo evoluti dagli animali. Per questo motivo, abbiamo ancora molte caratteristiche derivanti dal nostro retaggio. Per prima cosa il desiderio di sopraffare, di arraffare, oppure l’aggressività, tutto ciò proviene da lì. Ci sono molte cose che abbiamo ereditato da loro (dagli animali).

Ora però abbiamo un altro problema, poiché pensiamo; e, pensando, giustifichiamo qualunque cosa sbagliata facciamo. E per questo continuiamo con ogni genere di aggressività e a tormentare in ogni modo gli altri.

Ma, essendo esseri umani, non è questo che dobbiamo realizzare. La verità è che tutti possiamo evolvere da tutto ciò. Per questo dobbiamo diventare lo Spirito. Noi non siamo questo corpo, questa mente, queste emozioni, questo intelletto, ma siamo puro Spirito. Dobbiamo avere fiducia in questo. In realtà, per superare queste tendenze (negative) degli esseri umani, furono create le religioni. Ma adesso, anche le religioni sono finalizzate al denaro o al potere, non allo Spirito. Quindi il problema resta invariato.

Ora, ciò che dobbiamo fare è capire che siamo puro Spirito. E questo è un tempo speciale, molto speciale – io lo chiamo il tempo della fioritura – in cui ci sono moltissime persone che ricercano veramente, davvero, la verità. Non riescono ad andare avanti con ciò che hanno. Vogliono cambiare se stesse, trasformarsi. Vogliono cambiare il mondo intero, vogliono la trasformazione totale (del mondo in un luogo) dove non ci sarà nient’altro che pace e Amore Divino. Gli esseri umani si trovano dunque in una fase intermedia.

Ma (operare questa trasformazione) non è difficile, poiché il vostro Creatore ha creato dentro di voi l’energia mediante la quale diventare lo Spirito. Per questo, voi non dovete sottoporvi ad alcun rituale o punizione, nulla del genere. Comunque siate, qualunque cosa siate, dovete soltanto desiderare di essere le Spirito e lo diventate. Infatti, in voi risiede l’energia che vi farà diventare lo Spirito. Questa energia vi appartiene. È il potere puro. Gli altri poteri non sono puri. Anche gli altri desideri non sono puri: magari oggi volete avere qualcosa, lo ottenete, poi volete qualcos’altro; ciò significa che i vostri desideri non erano puri. Ogni volta, passate in continuazione da un desiderio all’altro. Lavorate molto duramente per soddisfare qualche desiderio, e dopo un po’ non vi interessa più. Dobbiamo capire che questo accade perché questo desiderio non è puro. Esiste un’energia dentro di noi – credetemi – che può essere risvegliata facilmente; specialmente quando si è seduti sotto il cielo, sotto questi begli alberi e sulla Madre Terra.

Tutta la natura ci aiuta. Osservateli (indica gli alberi intorno, ndt): si ergono come testimoni, nulla si muove. Vogliono assistere a questi miracoli in voi. E questo sta per accadere. Non voglio dirvi di sentirvi colpevoli o contrariati nei confronti di voi stessi. Mai. Dopo tutto, se avete commesso qualcosa di sbagliato, siete esseri umani. Ma Dio vi ha perdonato. In caso contrario non sareste qui. Quindi, per favore, perdonate voi stessi. Non abbiate alcun senso di colpa. Al giorno d’oggi è una moda sentirsi in colpa. Ma in realtà, quando vi sentite colpevoli, questo vostro centro si blocca (tocca il Vishuddhi sinistro, ndt) e potete contrarre una malattia molto grave che è l’angina, ed anche la spondilite.

Specialmente gli italiani sono persone molte emotive, hanno il cuore aperto, ma si sentono colpevoli per un nonnulla. Voglio dire che, se avete un cuore tanto grande, dovreste essere molto soddisfatti di voi stessi e non sentirvi colpevoli. Questo è molto importante.

Il secondo punto è che dobbiamo saper perdonare gli altri, e che Dio vi ha perdonato. Ora, se non perdonate, cosa fate? Non fate nulla. Al contrario, se non perdonate non fate altro che giocare con la vostra mente tormentando voi stessi. Quindi, la cosa migliore è perdonare noi stessi. Dobbiamo avere rispetto per noi stessi. Dobbiamo amare noi stessi. Ciò non significa affatto essere troppo indulgenti con se stessi; al contrario, (significa che) dovete rendervi conto che siete stati creati esseri umani per uno scopo speciale, e non per essere sprecati. Questa vita umana non è per essere sprecata. Dovete prendervi cura degli altri ed anche di voi stessi. Questo è un punto molto importante. Innanzitutto dobbiamo diventare lo Spirito, grazie al quale ci renderemo conto del nostro valore. Diventando lo Spirito, ciò che accade è che vi connettete con l’Energia Divina onnipervadente.

Ne hanno parlato, in tutte le religioni hanno parlato di questa Energia Divina. Ma nessuno è stato capace di spiegare veramente come raggiungerla, se è possibile conseguirla.

Einstein ne ha parlato. Ha detto che esiste un’area di torsione oltre la nostra mente. Le idee giungono dall’area di torsione. E, quando provengono dall’area di torsione, gli scienziati possono elaborarle, possono fare scoperte. Essi non dovrebbero quindi vivere unicamente sul piano razionale. Poi, possono verificarle. (Gli scienziati) dovrebbero ricercare con una mente aperta. (Einstein) stesso rivelò che la teoria della relatività gli era stata ispirata dall’area di torsione. Affermò anche che la maggior parte degli scienziati ricava le proprie idee dall’area di torsione. Dobbiamo quindi entrare in quest’area di torsione.

Per esempio, quando sono arrivata qui, faceva molto caldo. Poi ha piovuto molto intensamente. Allora mi hanno chiesto se stasera avremmo tenuto il programma al chiuso o all’aperto. Ho risposto: “All’aperto”. Loro pensavano che potesse piovere. Ho detto: “Non pioverà, non pioverà affatto, credetemi; anzi, sarà molto piacevole”. Ed è così! Lo stesso accadrà a voi. Quando i vostri poteri si svilupperanno, saprete tutto attraverso l’area di torsione.

Per questo non dovete pagare. E non dovete nemmeno pregare. Non dovete fare nulla, perché è dentro di voi. È il vostro potere. Proprio come questa candela viene accesa da un’altra candela, allo stesso modo, se siete illuminati, se avete la luce, potete illuminare migliaia di persone. È così che Sahaja Yoga si è diffuso. Ma dopo l’illuminazione dovete fare in modo che la vostra luce arda nel modo giusto. Dovete averne un po’ di cura.

È una lunga storia quella che riguarda i centri (chakra) che abbiamo, ma non occorre che vi dica tutto in proposito; ne verrete a conoscenza in brevissimo tempo. Ma dovete pensare molto seriamente a voi stessi. La vostra vita non è per cose frivole. Dovete prestare una doverosa attenzione a voi stessi e rispettarvi. Se non volete guerre, se non volete violenza, se volete che i vostri bambini siano meravigliosamente pacifici, cercate, dopo aver ricevuto qui la realizzazione, di venire ai nostri programmi che seguiranno, e di diventare personalità definitivamente illuminate. A quel punto diventerete personalità pacifiche. Emetterete pace. Ovunque andrete, ci sarà pace. E sarete sotto la protezione del Divino.

In Turchia abbiamo al momento circa duemila sahaja yogi. Nessuna persona è stata ferita e nessuna delle loro case è crollata[i]. A dire il vero, (prima) erano musulmani, ed alcuni di loro erano musulmani fondamentalisti. Ma quando ho rivelato loro la verità riguardo al Corano, sono diventati sahaja yogi. Non avevano neanche mai letto il Corano; solo perché qualcuno aveva detto loro: “Dovreste diventare fondamentalisti”, lo erano diventati. Ma questa fede cieca non è di alcuna utilità. Dovete fare l’esperienza. È molto importante. Non credete nemmeno a me, a meno che non facciate l’esperienza. Noi crediamo a qualsiasi cosa, ma prima di tutto dovete valutare cosa hanno ottenuto gli altri: hanno conseguito la gioia? Hanno ottenuto la pace? Sono persone amorevoli? Sono in grado di trasformare gli altri? In mancanza di questi requisiti, non dovreste lanciarvi in niente. È illusione, è un oceano di illusione. E noi ci tuffiamo in esso senza pensarci.

Quindi, in questo tempo speciale, voglio avvertire tutti voi di stare attenti. Devo dirvi che questo è l’Ultimo Giudizio. O scegliete la verità o scegliete la menzogna. È così che verrete giudicati. Come Madre, mi sento molto rincuorata nel vedere gente che viene a ricercare la verità. E noi non vogliamo essere rovinati, e non vogliamo che altri vengano rovinati da false credenze. Sarete stupiti di sapere quanto ciò ha trasformato la gente.

Anche in Italia, non so, quanti ne abbiamo (di sahaja yogi, ndt)? Abbiamo moltissime persone in Italia, e sono diventate tutte così belle, non bevono, non fumano, non prendono droghe, niente, hanno abbandonato automaticamente tutte quelle abitudini. Sono diventate persone molto belle, amorevoli, che pensano al mondo intero. Potete diventare tutti così. E dobbiamo diventarlo, il tempo è venuto.

Quindi, il messaggio di oggi è che dovremmo essere molto desiderosi di ricevere la realizzazione del sé e di stabilizzarla. Allora, tutti i problemi di nazione e di nazionalità vengono risolti, poiché diventiamo tutti collettivi. Siamo tanto collettivi che, se accade qualcosa a una persona qui, da tutto il mondo cercheranno di aiutarla. Non devo essere io a dirlo, lo fanno automaticamente.

Ed è un lavoro talmente nobile che, una volta ricevuta la realizzazione del sé, vi ci dedicate proprio. E allora gioite veramente, davvero, della gioia collettiva.

Che Dio vi benedica tutti.

Spero capirete ciò che ho detto; ed ora eseguiremo il procedimento della realizzazione del sé. Non dovete pagare nulla, non dovete fare nulla, solo gioire del vostro Sé che è dentro di voi e gioire delle persone di tutto il mondo.

Molte grazie. (Applauso)

Romano Battaglia: Vorrei ricordare che ci sono dei depliant con gli indirizzi per il Sahaja Yoga, anche qui a Forte dei Marmi, e i numeri telefonici per chi volesse seguire. Poi ci sono anche dei volumi nella nostra libreria dove si può sapere qualcosa di più. Volevo fare una domanda importante. Gli scienziati russi, che cosa hanno pensato?

Shri Mataji: Ah. Gli scienziati russi, vedete, sono ottimi scienziati e, poiché sono stati tanto oppressi dal comunismo, sono andati a stabilirsi in un luogo particolare, capite?

E i russi sono stati talmente oppressi che si sono rivolti maggiormente al proprio interno e (per questo) sono persone molto, molto profonde e molto sensibili.

Come sapete, la loro leadership è stata sempre un problema, ma la gente è molto bella e ben istruita. Ebbene, questi scienziati che sono andati là (nel luogo sopramenzionato, ndt), e vi si sono stabiliti, sono quelli che, interrogandosi sulla vita spirituale, hanno scoperto l’area di torsione. E due di loro, fisici molto, molto importanti – erano fisici – persone molto importanti, sono venuti al mio programma. Essi stavano svolgendo ricerche su quest’area di torsione. E in una mia fotografia hanno visto che dalla mia testa scaturiva molta luce che si diffondeva tutto intorno. Hanno anche percepito la brezza fresca uscire dalla loro testa. Sono rimasti stupiti, e hanno dichiarato apertamente che io sono la fonte dell’energia cosmica.

Esistono molti tipi di energie; una di queste è l’energia cosmica che governa i cinque elementi, la natura. Quella è l’energia cosmica.

Esiste però un’altra energia che è quella dell’amore, dell’amore di Dio. E questa energia viene chiamata Ruh in urdu, o in persiano: Ruh. Inoltre, in sanscrito è detta Paramchaitanya, mentre in inglese, o nella Bibbia, è chiamata Energia onnipervadente dell’amore divino. Quindi, ciò che in realtà accade è che, se gli scienziati vedono e percepiscono qualcosa, vanno oltre l’area della razionalità. Anche in America è funzionato in modo tale che la loro autorità sanitaria ha accettato Sahaja Yoga per curare le persone. Quindi, vedete, loro vogliono accettare la verità, non vogliono negarla, perché sono persone molto pure. Così, questi (scienziati) russi stanno scrivendo un libro in russo, che poi dovrà essere tradotto anche nella vostra lingua.

Romano Battaglia: Non so se la Grande Madre potrà dare la realizzazione qui, davanti questo pubblico….

Shri Mataji: Lo farò, lo farò ora, se volete. Chi non vuole (fare l’esperienza) dovrebbe andare, perché si tratta unicamente del vostro volere, del vostro desiderio; io non posso imporvelo. Possiamo definirlo il vero battesimo, il vero battesimo. Ma non è qualcosa di artificiale, è un avvenimento reale; infatti si realizza grazie alla nostra forza vivente dell’evoluzione.

Bene. Coloro che sono pronti a riceverla possono riceverla, ma devo rivolgervi un’umilissima richiesta: dovete togliervi le scarpe, non le calze ma le scarpe. Infatti, questa Madre Terra, sapete, è molto potente, ed assorbe tutti i nostri problemi.

Dovete dunque promettere che proseguirete, e che diventerete persone completamente illuminate.

È molto semplice. Non c’è nulla da temere. Ora, per favore, mettete entrambe le mani verso di me, così. Bene. Vi ho già detto che dovete perdonare voi stessi, senza sentirvi colpevoli. E, in secondo luogo, dovete perdonare tutti. È tutto. Non è difficile, dovete soltanto dire: “Madre, noi perdoniamo tutti”.

Bene. Ora rivolgete entrambe le mani verso di me, in questo modo; poi tenete la mano destra verso di me e con la mano sinistra cercate di sentire sopra la testa se c’è una brezza fresca che fuoriesce. Adesso chinate la testa.

Potrebbe anche essere una brezza calda. Ciò accade perché non avete perdonato voi stessi e non avete perdonato gli altri. Chinate semplicemente la testa e verificate.

Ora rivolgete la mano sinistra verso di me e portate la mano destra sopra la testa. Chinate di nuovo la testa. La mano destra verso di me, la destra verso di me…. Ah.

[Dice a lato: “Molto bene”].

Ora. [Dice a lato: “Bene, adesso l’hanno ottenuta”]. Potete alzare entrambe le mani e fare una domanda, una qualsiasi fra queste tre. Formulate una sola domanda nel vostro cuore. Chiedete: – potete chiamarmi Shri Mataji o potete chiamarmi Madre – “Madre, è questa la brezza fresca dello Spirito Santo?”. Oppure, la seconda domanda è: “Madre, è questo il Potere onnipervadente dell’amore Divino?”. Dovete fare una sola domanda per tre volte. Poi dovete chiedere: “Madre, è questo il Paramchaitanya?”. È il termine sanscrito. Potete porre una di queste domande, tre volte, dal cuore.

Ora, per favore, mettete giù le mani. Per favore, abbassate le mani. Ora rivolgete di nuovo le mani verso di me. E adesso non pensate, potete farlo; non pensate, potete farlo. Diversamente non percepite il silenzio. La natura è silenziosa, ed anche voi interiormente siete in silenzio. È così che andate oltre la vostra mente.

Ora, tutti coloro che hanno sentito una brezza fresca o una brezza calda sulla punta delle dita o sul palmo delle mani, o fuoriuscire dall’area della fontanella, per favore alzino tutte e due le mani.

Avete sentito tutti!

Congratulazioni. Che Dio vi benedica.

[Dice a lato: “Te l’avevo detto, avevo detto che sono persone molto vibranti.]

Che Dio vi benedica.

Ora dovete promettere che vi svilupperete diventando grandi yogi, grandi persone illuminate. Vorrei anche ringraziare Romano Battaglia per questa opportunità di incontrarvi tutti. È molto gentile da parte tua.

Romano Battaglia: È il saluto dell’ultimo giorno del Caffè della Versiliana.

Shri Mataji: Ah. Che Dio vi benedica. Che Dio ti benedica, Romano, in particolare.

Ora, durante questo canto, potete battere le mani. Se, durante questo canto, potete battere le mani, vi sarà d’aiuto. È un canto in lingua marathi, che veniva cantato, credo, nel XVI secolo o giù di lì. È stato scritto da un poeta molto famoso[ii], e si canta in tutti i villaggi del Maharashtra. Dice: “Oh Dio, sono pronto ad entrare nel Tuo Regno. E tutto funziona in modo così meraviglioso che Tu fai risplendere il mio Spirito”. Lo Yoga è l’unione con il Divino, non è qualcosa di acrobatico. È una connessione vera e propria.

(Il gruppo dei bhajan canta Jogawa. Poi Shri Mataji incontra il pubblico e lavora sulle persone).

[i] La notte del


17 agosto 1999 la Turchia occidentale fu colpita da un disastroso terremoto che provocò circa quindicimila morti.

[ii]  Il canto è Jogawa, scritto dal santo Eknath (Pratishtana 1533-1599)