Puja di Capodanno (Inglese/Marathi)

(India)


Transcript PDF (Marathi Transcript, Translation from English to Hindi, from English to Marathi)
Send Feedback
Share
(12/2017 SOTTOTITOLI, PARTE INGLESE)

S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I

Puja di Capodanno

(parte inglese)

Kalwe (Bombay), 31 Dicembre 2000


Stiamo ormai per iniziare un nuovo anno e auguro a tutti un nuovo anno molto felice e prospero (applausi). Tra questi miei auguri, c’è anche quello di una crescita molto profonda in Sahaja Yoga (applausi). Ora siete tutti sahaja yogi e dovete diventare tutti maestri di Sahaja Yoga. Per diventare maestri di Sahaja Yoga sono sicura che meditate, fate introspezione ed eseguite tutti i ‘rituali’ di Sahaja Yoga, direi.

Ritengo che in questo nuovo anno vi siano per voi maggiori possibilità di ottenere risultati molto migliori, poiché tutti questi anni di dure prove sono finiti (applausi). Adesso stiamo entrando nella Nuova Era. Vi dico che il Satya Yuga si è ormai instaurato (applausi).

All’inizio potreste non accorgervi che l’atmosfera del Kali Yuga viene completamente purificata; (ma) gradualmente scoprirete di certo come tutto si stia purificando e come tutta la gente pericolosa per la vostra esistenza spirituale, per la vostra vita nazionale e familiare, dovrà tornarsene da dove è venuta, (perché) qui non può avere successo (applausi).

Ora i sahaja yogi devono decidere fino a che punto diffonderanno ovunque Sahaja Yoga. Quante persone possono venire in Sahaja Yoga? Quest’anno dovrebbero essercene molte di più che vi stanno aspettando: e magari, quest’anno, se deciderete tutti di impegnarvi, sono sicura che potrete accogliere molte persone, che saranno salvate dalle calamità del Kali Yuga.

Questa sarà la vostra promessa in questo giorno di Capodanno: che adesso inizieremo a diffondere Sahaja Yoga in modo nuovo, più esteso, più dinamico.

Per questo, la prima cosa necessaria è la vostra Sangha Shakti, la vostra collettività. Questa collettività deve essere molto ben edificata, ben strutturata, ben capita e assolutamente amabile. Ciò non è difficile in Sahaja Yoga, perché praticamente tutte le vostre gelosie, tutte le vostre idee più meschine sono state completamente cancellate dalla vostra Kundalini. Lei vi ha trasformati e voi siete persone diverse; siete molto, molto diversi. Non solo, ma ora avete compreso voi stessi, conoscete il vostro Sé. E tutti coloro i quali conoscono il proprio sé non possono combattere gli uni contro gli altri, perché il Sé è il riflesso di una sola personalità, di un’unica Divinità, di un unico Dio. Come potete dunque combattere? Quando Egli è nel vostro cuore, come potete lottare gli uni contro gli altri? Sarebbe come lottare con voi stessi; sarebbe molto, molto stupido farlo. Tutte le dispute e tutte le cose assurde alle quali avete pensato, certamente scompariranno, non vi è dubbio; diventerete invece molto dinamici. Rimarrete stupiti del vostro dinamismo.

Voi dovete ascendere, dovete proprio aspettarvi che il vostro Sé si manifesti. Potete diventare molto, molto collettivi, essere fautori del progresso e potete creare molti sahaja yogi.

Vi è stata data la Realizzazione; vi è stata accordata la conoscenza della Realizzazione; è stato fatto tutto il possibile per la vostra salute e la vostra prosperità; ma adesso è vostro dovere ripagare il Divino con i vostri metodi creativi. Dovete essere molto creativi. Scoprirete che a questo mondo c’è molta gente piena di tutti quei problemi che voi avete ormai risolto. Voi però potete aiutarla. Non vi occorre nessun aiuto perché voi stessi siete colmi di potere, del potere della Divinità in voi.

Questo potere divino dovrebbe essere usato, non vi è stato dato per lasciarlo arrugginire: deve essere usato. Diversamente, a che serve diventare potenti? Supponiamo che qui abbiamo energia elettrica e che non dia luce: a che serve avere l’elettricità? Il potere che avete è dunque per l’emancipazione degli esseri umani, è per risvegliare la Kundalini delle persone – voi potete farlo. Una sola persona può farlo per migliaia!

Spero che ora vi assumiate questa responsabilità. Questa sarebbe la più grande benedizione per voi, per Sahaja Yoga e per il mondo intero perché, secondo la mia visione, dobbiamo trasformare il mondo intero. Non so se potrò portarla a compimento nel corso di questa mia vita. Ma se voi unirete davvero le vostre mani con le mie, con massimo impegno, riuscirà.

Innanzi tutto, sento dire che molte persone non prendono parte alla meditazione, alla meditazione collettiva. Non si incontrano. È sorprendente, dopo così tanti anni – trent’anni – di lavoro da parte mia, che ci siano alcune persone che danno Sahaja Yoga per scontato.

Voi non capite la vostra responsabilità. Dovete meditare collettivamente. Ogni volta che vi è una meditazione collettiva, dovete parteciparvi. Potete organizzare anche nelle vostre zone una meditazione collettiva e cose di questo genere, e funzionerà. Molte persone che sono in Sahaja Yoga ora meditano, io posso individuarle. Io so chi medita e chi no. Non è difficile scoprirlo.

E poi iniziate a lamentarvi di altri problemi come ‘mia madre, mio padre, mio zio’ ed altro. Non è necessario preoccuparvi di questo. Se siete anime realizzate e siete connessi con il Divino, persino i vostri desideri personali verranno esauditi. Questo però non accade. Perché? Perché ancora non capite cosa siete diventati. Cercate, prima di tutto, di dare la Realizzazione agli altri, osservate quanta gioia provate. Una gioia incredibile. E questa gioia non potete ottenerla in nessun altro modo. Qualsiasi cosa possiate acquistare, qualsiasi cosa possediate, non potete ricavarne questa gioia del dare la Realizzazione.

E sarete molto felici, non perché vi aspettate qualcosa o volete qualcosa, niente del genere: ma solo per gioia pura, pura gioia di creare grandi sahaja yogi. È per questo che siete qui, è questo che il Divino vuole che facciate.

Non limitarsi a trarre vantaggio dal potere divino: “Cura mio padre, cura mia madre, cura mia sorella…” oppure: “Non ho proprietà…”. Poi qualcuna si lamenta che il marito la maltratta o altro, allora il marito ribatte…

E tutto questo continua! Dimenticatevene! Ora siete al di sopra di tutto, siete al di sopra di tutte queste cose. E siete diventati assolutamente potenti, credetemi. Ma come potrete sapere quali poteri avete, se non li avete (mai) usati?

È semplice. Chi li ha usati, seguita a parlarmi dei miracoli che gli sono capitati; delle cose che gli sono accadute; di come sia stato protetto; di come abbia ottenuto tutto ciò che desiderava.

Però, vedete, in Sahaja Yoga non potete essere ipocriti. Se siete ipocriti, Sahaja Yoga lo sa, il Divino sa che siete ipocriti. È per il vostro bene, per la vostra crescita che dovete stare in Sahaja Yoga. Non è per qualcun altro che lo fate, ma per voi stessi.

Quando le persone sono così potenti, mi stupisco della facilità con cui possono essere curate. Ma devono meditare e devono partecipare alla meditazione collettiva. La maggior parte delle persone non prende parte alla meditazione collettiva, ne sono sorpresa. So che a volte, per esempio a Delhi, non c’è spazio sufficiente, così la gente è costretta a venire due volte, o il sabato o la domenica, alcuni devono aspettare fuori; non importa. Ma partecipando alla meditazione collettiva, vi sorprenderete di come lì la Divinità fluisca, di come lì le vibrazioni fluiscano. Io sono lì. Non è che ci andate per un mero rituale.

Il problema è che non vi rendete conto che dovete essere responsabili di Sahaja Yoga, responsabili di dare la Realizzazione agli altri e di partecipare a tutti i programmi di meditazione che avete. Con la meditazione collettiva andate a posto. Se parteciperete regolarmente alla meditazione collettiva, tutti i vostri problemi si risolveranno, ve lo prometto! Ma il problema è che non volete andarci; mi scriverete lettere, vorrete incontrarmi, ma ciò non sarà di aiuto. Potete anche venire ad assillarmi in questo modo, o fare qualcosa di simile, ma non servirà. Vi aiuterà il fatto di aiutare voi stessi. L’anno prossimo sarà un anno grandioso per voi.

Sono rimasta sorpresa di come ora le cose si stiano diffondendo velocemente in Occidente. In Russia le persone sono così profonde, così profonde. Una volta ricevuta la Realizzazione, ne comprendono il valore. (I russi) sono così umili e così profondi, non vogliono niente, non hanno mai desiderato niente, nonostante abbiano affrontato i terribili problemi del comunismo ed ora la reazione ad esso. Tutti questi cinque Paesi – che io definisco i veri Paesi divini per come hanno accettato (Sahaja Yoga) – sono poveri secondo lo standard moderno, ma nel cuore sono estremamente ricchi. Dal punto di vista della loro comprensione di Sahaja Yoga, sono estremamente ricchi. Ed i loro scienziati sono altamente qualificati, in ogni campo. Ora è venuto in India uno scienziato che ha scoperto un metodo mediante il quale si possono vedere tutti i chakra, la Kundalini, i blocchi e tutto il resto – qualcosa che vi può mostrare.

I nostri scienziati, invece, sono impegnati a contestarmi. Una conoscenza limitata è molto pericolosa. Non vogliono vedere ciò che sto facendo e come lo faccio: vogliono solo criticarmi, tutti questi cosiddetti intellettuali. Specialmente nel Maharashtra, gli intellettuali – penso che qualcosa sia andato storto nelle loro teste. Non riescono a capire Sahaja Yoga. È proprio oltre le loro capacità. Non so cosa sia accaduto loro, ma non riescono proprio a comprendere Sahaja Yoga. Gli abitanti del Maharashtra, poi, sono tutti presi dai loro rituali: si alzano alle quattro del mattino, fanno il bagno ed altro, poi si mettono a fare i loro puja e così via.

Ora qualcuno si è ammalato e la moglie mi ha scritto: “Non siamo andati in nessun tempio, non abbiamo eseguito alcun rituale, eppure mio marito si è ammalato”. Pensate un po’. Come se fare tutte queste cose volesse dire che siete dei sahaja yogi. Se siete dei veri sahaja yogi, niente può accadervi. Ma avete avuto proprio un’impressione sbagliata. Frequentare un tempio o posti sbagliati ed eseguire rituali di ogni genere non ha mai aiutato nessuno.

Per prima cosa, dunque, dovete svuotarvi. Se siete già pieni di tutte queste idee, di queste idee datate e ve le trascinate, come può entrarci il Divino? Quando un recipiente è già pieno d’acqua o di altre cose, non c’entra nient’altro: dovete quindi svuotarlo completamente. Svuotate voi stessi, svuotate la vostra mente.

È possibile, con Sahaja Yoga, se riuscite a portare la Kundalini oltre l’Agnya chakra, non reagendo. La reazione è la cosa peggiore, perché proviene dall’Agnya, come vi ho già detto l’altro giorno, ed è dovuta ai vostri condizionamenti o al vostro ego.

Alcuni reagiscono a causa dei propri condizionamenti, altri a causa del proprio ego. Ma perché reagire? Perché invece non gioite, evitando di reagire? Limitatevi ad osservare. Guardate in che modo meraviglioso sono stati disposti questi bellissimi fiori, gioite di questo. Che bisogno c’è (di reagire)? Alcuni troveranno dei difetti, qualcuno dirà: “Questo non sarebbe dovuto essere qui…. ma guarda come hanno fatto questo…”. Qualsiasi assurdità.

La gioia della creazione è lì e voi dovreste riuscire a vederla, a sentirla, a gioirne. Allora siete sahaja yogi. Diversamente non lo siete. Se siete tipi reattivi, non potete essere sahaja yogi.

È una laurea, Sahaja Yoga… Ritengo vi siano tanti tipi diversi di sahaja yogi. Qualcuno è proprio scarso, qualcuno un po’ meglio, qualcuno è così…Ma la profondità del sahaja yogi deve essere misurata dal modo in cui si mantiene gioioso e felice, (oppure da come) continua a criticare gli altri, continua ad adirarsi con gli altri, va avanti con tutte queste cose ma crede di essere un sahaja yogi. Nella nostra Università Divina non abbiamo lauree, non diamo certificati: si è sahaja yogi se si riceve la Realizzazione. Se la Kundalini si è aperta un varco qui (Shri Mataji appoggia la mano sul Sahastrara), bene, siete un sahaja yogi.

Ma quel sahaja yogi può non essere un vero sahaja yogi. Dipende soltanto da quanto siete gioiosi e ansiosi di dare la Realizzazione agli altri. Desiderate condividere la vostra Realizzazione, non volete tenerla soltanto per voi. Se questa non è la vostra condizione, allora non siete ancora completamente dei sahaja yogi. Dovreste scoprire a quante persone avete dato la Realizzazione; è molto importante, perché l’anno prossimo, come ho detto, è un anno di estrema importanza, un anno importantissimo. Quest’anno vorrei vedervi tutti andare in giro a dare la Realizzazione.

Mentre ho visto tutti questi falsi guru che vengono smascherati uno ad uno: se guardate il loro atteggiamento, dovunque li incontriate… Una volta stavo viaggiando in aereo e c’era una signora seduta accanto a me. Emanava un gran calore, così le domandai: “Che guru segue?” Lei mi disse il nome. Diceva: “È bravissimo, questo guru è il migliore”, cose di questo tipo. E dal suo corpo emanava un tale calore! Io non ribattei niente, ma rimasi stupita dell’orgoglio con cui questa signora parlava del suo guru che è un uomo orribile, e senza conoscermi, io ero solo un’estranea per lei. Invece i sahaja yogi non ne parlano. Dovreste parlarne ai vostri vicini, dovreste parlarne nella vostra cerchia di amici.

In India abbiamo molte usanze durante le quali incontriamo gente. Nel Maharashtra, per esempio, facciamo l’haldi kumkum. Ma (i sahaja yogi del Maharashtra) non parleranno mai di Sahaja Yoga con le donne che vengono per l’haldi kumkum, non vorranno neppure esporre la mia fotografia. Se volessero, potrebbero farlo, ma non so di cosa abbiano paura. È un’ottima occasione. Partecipate a cene, incontri pubblici, qualsiasi cosa, ma non parleranno di Sahaja Yoga. È davvero sorprendente. Non vogliono parlare di Sahaja Yoga, non vogliono dire cosa hanno ottenuto grazie a Sahaja Yoga. Come potrà diffondersi Sahaja Yoga in questo modo?

Occorre comprendere che tutti voi dovreste scoprire la vostra responsabilità di essere entrati in Sahaja Yoga. Certo, siete tutti protetti, siete tutti benedetti, hanno ottenuto tutti ciò che volevano. La maggior parte. Ma quanti stanno restituendo questo debito? Quanti si stanno impegnando per dare la Realizzazione agli altri? È un debito che avete. Ma se la vostra attenzione è instabile, se non è pura, se non è nirmal, allora siete coinvolti in cose di ogni genere come i tentacoli di un polipo. Diventate come un polipo, seguitate ad attaccarvi a una cosa, a un’altra, a un’altra ancora. Voi dovete essere liberi come uccelli, perché tutti questi attaccamenti che avete non vi porteranno da nessuna parte. Dovreste essere attaccati soltanto a Sahaja Yoga ed essere consapevoli che avete conosciuto voi stessi. Se soltanto riuscirete a capire il vostro valore, il vostro livello, posso assicurarvi che potremo trasformare il mondo intero!

Abbiamo un retaggio così bello e una cultura così bella in questo Paese. Ho visto i problemi dell’America e di altri Paesi: noi non abbiamo questi problemi. Quanto meno non sono così predominanti. Ma la sola cosa che dobbiamo fare è renderci conto di essere sahaja yogi.

Proprio come un albero: quando cresce sa di essere un albero, sa di dover produrre radici, di non essere cresciuto a casaccio. Non è stato fatto crescere come un bastone, no. Deve fare qualcosa. A questo mondo ogni cosa deve fare qualcosa. Ma allora, che dire dei sahaja yogi? È un avvenimento talmente raro aver ricevuto la Realizzazione. In che cosa dovremmo quindi sprecare la nostra attenzione? Perché dovremmo trascurare la nostra meditazione? Perché?

Noi dobbiamo crescere. Siamo persone diverse, apparteniamo ad una razza completamente diversa a questo mondo. Siamo anime realizzate. Al tempo di Cristo non ve n’era quasi nessuna, praticamente nessuna. E ancora prima, sono rimasta sorpresa che in Cina e in altri luoghi, nel corso di un’intera epoca, vi sia stato un solo guru, un unico maestro.

Voi invece siete così tanti maestri, ma non volete usare il vostro potere di maestri. Perché non lo usano anche le donne? Trovo che in Sahaja Yoga le donne siano più letargiche degli uomini. Dovrebbero mostrare… Io stessa sono una donna, ho fatto tutto questo lavoro da sola; perché, dunque, non dovreste farlo voi? Perché è un compito enorme quello di trasformare la gente in tutto il mondo.

Ma per voi è molto semplice. Se posso farlo io, perché non potete farlo voi? Ma metteteci la vostra attenzione completa: “Faremo funzionare Sahaja Yoga, non per noi stesse, ma per il miglioramento dell’umanità”. Ne abbiamo bisogno, ne abbiamo molto bisogno. La vostra compassione e il vostro amore saranno interamente sprecati se pensate unicamente a voi stesse, alla vostra famiglia. A che serve? La gente fa questo anche prima della Realizzazione. A che serve essere completamente attaccate alla vostra famiglia, a tutte le altre cose? Dovreste essere attaccate al mondo intero! Ora appartenete al mondo intero, non siete più degli individualisti. Non più!

Ora, come ho già detto, la goccia è diventata l’oceano. Identificatevi con l’oceano. Se avete notato, esso si trova nel punto più basso, tanto che il punto zero inizia dall’oceano. L’oceano è così umile. Si trova nel punto più basso, ma tutti i fiumi si riversano in lui. E l’oceano compie il lavoro di creare le nuvole in cielo, ed esse poi scoppiano e diventano pioggia che, a sua volta, ricade nello stesso oceano. Esse ritornano allo stesso oceano. Chi è umile attrarrà più sahaja yogi. Chi è gentile attrarrà molti più sahaja yogi.

Perciò è importante fare in modo di cambiare il vostro temperamento. Se cercate di mettervi in mostra, nessuno rimarrà impressionato da voi. Se pensate di essere qualcosa di molto grande, nessuno vi guarderà.

Siate molto umili, gentili, generosi ed anche molto gioiosi. Immaginatevi un sahaja yogi che si rivolga ad un gruppo di persone dicendo: “Vedete, mia madre è malata, mio padre sta morendo e succede questo, ma io faccio Sahaja Yoga”. La gente dirà: “Allora perché fai Sahaja Yoga? Vai a sederti laggiù a piangere e lamentarti!”. Se si pratica davvero Sahaja Yoga, non può insorgere nessuna malattia, nessun problema. È un fatto. Cercate di capire. Sarete voi a guidare queste persone che dovrebbero essere lì; ed esse si eleveranno.

Non serve però avere identificazioni con persone che non sono sahaja yogi, anche se si tratta di vostri parenti ed altro. Non serve, perché voi siete ad un livello diverso dal loro. O cercate di elevare il loro livello, o non dovete avere nulla a che fare con loro, perché vi trascineranno giù. Non vedranno il vostro livello, loro non hanno occhi per vedere, non hanno orecchie per sentire e non hanno sentimenti di alcun genere. Se avessero visto come siete cambiati, come è cambiata la vostra vita, si sarebbero buttati assolutamente a capofitto in Sahaja Yoga. Ma se non lo hanno fatto, non è compito vostro. Non dovreste preoccuparvi di loro. Se vengono in Sahaja Yoga, molto bene, altrimenti non sono vostri parenti. In nessun modo sono imparentati con voi. Come farete a parlare loro di Sahaja Yoga? Come spiegherete loro ogni cosa? Sarà impossibile parlare a questa gente.

Quindi, ciò che devo dirvi oggi è che la nostra famiglia, che è Sahaja Yoga, è ampia, è diffusa in ottantasei paesi e sta facendo molto bene. Noi, però, dobbiamo renderci conto di appartenere a questo oceano, alla grande famiglia di Sahaja Yoga. Ma sta a voi incrementarla. Dovete incrementarla, dovete parlarne e dovete trasformare le persone. Questa è la vostra responsabilità. Sahaja Yoga non vi è stato dato per niente: dovete creare sahaja yogi più grandi, sahaja yogi migliori. E riguardo a voi stessi, meditate, e non meditate soltanto: partecipate anche ai programmi collettivi per quanto possibile.

Sono felice che siate rimasti e che siate venuti qui. È piovuto, eppure siete qui e ancora gioite della beatitudine divina. Vi benedico ripetutamente dal profondo del mio cuore e desidero che abbiate questo Shuddha Iccha che è la Kundalini (applausi) – desidero che abbiate questo Shuddha Iccha, ossia il puro desiderio, non solo di diventare sahaja yogi, ma di creare più sahaja yogi. È questo, in realtà, il vostro puro desiderio. Potreste non averlo riconosciuto; ma finché non soddisferete questo desiderio, non potrete mai essere buoni sahaja yogi.

Occorre diffondere Sahaja Yoga ad ogni livello, ovunque, con tutti. Potete farlo. E si diffonderà benissimo, e così molte persone potranno essere salvate. Tantissime persone che si sono proprio perse nella maya della stupidità torneranno sulla retta via. Pensate a quanto bene farete per loro. Se io da sola ho creato così tanti sahaja yogi, perché non potete provarci anche voi e creare più sahaja yogi? Questo mondo ha bisogno di Sahaja Yoga. Ogni volta che leggo un giornale, penso: “Oh Dio, se queste persone fossero sahaja yogi non ci sarebbe stato nessun problema”. Trovo però che la gente stia ancora vagando, girando a vuoto, non so, come se non avesse cervello o non avesse alcuna comprensione di dove stia andando il mondo e di chi lo salverà.

Non sono qui per dirvi cosa dovreste fare nella vostra vita privata. Ma dovreste rendervi conto da soli di dovervi mantenere puri e belli, di ciò che dovete fare per voi stessi. Alcuni sono così superficiali che non entra loro in testa. Sahaja Yoga non entra proprio nella loro testa. Sono molto, molto superficiali. Dimenticateli. Non credo che potranno essere salvati. Dimenticateli, non sanno gioire. Si preoccupano sempre di qualche cosa senza senso. Con persone del genere non c’è bisogno…..ma ci sono ancora tante persone – penso almeno l’ottanta per cento – che stanno ricercando e voi dovreste aiutarle.

Il desiderio di vostra Madre è che ora siate voi ad assumervi (la responsabilità) di Sahaja Yoga e continuare a parlarne a chiunque venga.

Intendo dire che non voglio una popolarità di basso livello, ma voglio che vengano creati sahaja yogi ovunque.

(Shri Mataji continua in marathi)