Programma Pubblico alla Royal Albert Hall

Royal Albert Hall, London (England)


Feedback
Share

Programma Pubblico alla Royal Albert Hall. Londra (UK), 14 Luglio 2001.

Mi inchino a tutti i ricercatori della verità.
Alcuni di voi hanno trovato la Verità, altri l’hanno trovata in parte, e altri ancora non l’hanno trovata affatto. Ma se osservate la situazione attuale, dovrete ammettere che è in corso un grande sconvolgimento. Un paese dopo l’altro si dedica a cose sbagliate di ogni genere. Sono in corso molte guerre fredde, i popoli si sterminano l’un l’altro, distruggono posti bellissimi, si tagliano la gola reciprocamente, assolutamente per niente. Siamo tutti esseri umani creati da Dio. Dio Onnipotente ci ha creati e portati a questo livello di consapevolezza umana.
In questo frangente si può vedere dove stiamo andando collettivamente. È qui che dobbiamo arrivare? È il nostro destino? È forse il destino degli esseri umani distruggersi reciprocamente per un territorio o per qualche altra cosa? Provate a considerare il mondo intero come una cosa sola e a riflettete a ciò che sta accadendo dappertutto. Ogni giorno che leggete il giornale, ogni giorno, c’è qualche terribile notizia sulle cose orribili e senza senso che la gente si sta facendo reciprocamente. Dobbiamo chiederci: qual’è il nostro destino, dove stiamo andando a finire? Finiremo all’inferno o in paradiso? Qual’è la situazione che ci circonda? Potete essere di aiuto?
La cosa sbagliata negli esseri umani è che sono ancora in balia dell’ignoranza. La chiamerei proprio ignoranza; e in quest’ignoranza, in questa oscurità, compiono queste azioni orribili. Nessuno vuole capire che ciò che stiamo facendo non è nient’altro che una distruzione totale. È forse questo il nostro destino? Finire completamente distrutti? Cosa stiamo facendo di buono in nome di qualche nazionalità o religione? Sono tutte cose buone in se stesse, ma noi ci stiamo comportando nel modo sbagliato: combattendo. Combattere non è una cosa nobile. Si odia qualcuno che può suscitare la nostra avversione. È qualcosa che piace, non riesco a capire…piace molto, e sotto questa spinta formiamo dei gruppi.
Tutto ciò sta accadendo perché questo è l’Ultimo Giudizio. Ve l’ho detto, è l’ultimo giudizio. E quest’ultimo giudizio deciderà davvero chi si salverà e chi sarà condannato definitivamente. Si tratta di una cosa molto, molto seria. Quanti ne sono consapevoli dovrebbero rifletterci. Non basterà mettere una pezza qua o là. Qualunque tentativo possiate fare, finché l’essere umano non si trasformerà, non potrà salvarsi. Questa trasformazione non è impossibile, non è difficile. Questo è il tempo della trasformazione, è una opportunità per trasformarci. In noi esiste il potere che è descritto come energia, è la mistica energia femminile dentro di noi. Ne hanno scritto tutti, non sono io la prima a parlarne, ma nessuno, almeno finora, è stato in grado di capirlo o accettare che potesse accadere proprio a voi.
Non siete nati solo come esseri umani, ma avete il compito di diventare superumani. Dovete gioire di voi stessi, la vostra vita dovrebbe essere piacevole, dovrebbe essere felice. Non dovrebbe esserci la condanna, da mattina a sera, di preoccuparsi per questo o quell’altro. È per questo che siete stati creati, Dio non ha avuto l’intenzione di creare gente che si preoccupasse sempre del modo in cui azzuffarsi, combattere, mettersi in salvo, ma gente che voglia vivere in perfetta armonia, pace e gioia. È per questo che siamo stati creati. Non sono io che ve lo dico, ma è un fatto.
Dobbiamo trasformarci. Questa trasformazione non è difficile, ma ciò che noto è che potreste accontentarvi di qualsiasi cosa: gli indiani andranno al tempio ritenendo di aver fatto una gran cosa; i cristiani andranno in chiesa pensando di aver fatto molto bene; i musulmani andranno a pregare pensando di essere grandi. Ma cosa hanno raggiunto? Vi prego, affrontate voi stessi, affrontate le vostre limitazioni, affrontate i vostri problemi e guardate voi stessi. Siete stati in grado di risolvere i vostri problemi? Siete riusciti a salvarvi dalle calamità? Può essere che queste calamità vengano per distruggere chi fa del male e, quindi, può essere la missione di Dio; ma la vostra missione qual’è? Perché non pensate: “Devo essere di pietra, (per non capire?)chi è la fonte della gioia e dell’amore.
Io non ne sto soltanto parlando, ma voglio che abbiate tutti la Realizzazione. Cos’è la Realizzazione del Sé? È conoscere il vostro Sé. Voi non conoscete il vostro Sé, non lo conoscete. Vivete in questo mondo senza conoscere il vostro Sé, ci pensate? Non sapete chi siete, non sapete di essere lo Spirito e che siete la fonte della conoscenza, della pura conoscenza. Vedo persone molto contente di stare sedute ad ascoltare la conferenza di un Babaji qualsiasi che racconta loro delle frottole. Ma questo non vi darà la realtà e la verità. Se volete la verità e la realtà, vi prego, cercate di comprendere che è accaduto qualcosa; in voi ha avuto luogo una trasformazione. Ma non sarete ancora abbastanza sottili, non avrete ancora ottenuto la sottigliezza, finché non avrete raggiunto quel livello per il quale non dovete lasciare la famiglia, i figli, non dovete abbandonare la famiglia e andare nella giungla. Non occorre fare tutto questo. Bello dire: “Bene, diventa un sannyasi (asceta) e dai a me tutti i tuoi averi”. Che idea stupida!
Questo è uno stato di emergenza, state vivendo in condizioni di grande emergenza, cercate di capirlo. Voglio avvertirvi che se non entrate profondamente in voi stessi per scoprite chi siete e attuare la vostra trasformazione, tutto è possibile. Vi verranno malattie di ogni genere, salterà fuori qualsiasi nuova difficoltà relativa ai figli, ci saranno problemi internazionali di ogni tipo che la gente non potrà risolvere. Quindi dobbiamo venirne fuori e diventare solide personalità della Verità.
Non sappiamo cosa sia la verità. Siamo peggio degli animali i cui occhi sono aperti, mentre i vostri sono chiusi. Non è per condannarvi o cose del genere, ma per rendervi vigili e consapevoli che gli esseri umani devono cambiare. Diversamente, oggi venite alla mia conferenza e domani andrete ad ascoltarne un’altra. È tutto come un piacevole passatempo di tutti i giorni. Ma quando vedo il destino, non so quanti saranno annientati, cosa accadrà loro, che malattie contrarranno, che problemi avranno, cosa accadrà ai loro figli, cosa accadrà ai loro paesi e cosa accadrà al mondo intero. Allargate la vostra visione! La mia visione è che tutta la gente del mondo dovrebbe trasformarsi. I nemici li abbiamo dentro di noi e quando parliamo di ‘jihad’ (guerra santa) intendiamo che occorre combattere i nemici dentro di noi. Quali sono i nostri nemici?
Al giorno d’oggi il peggiore è l’avidità, c’è avidità. La gente avida può fare qualsiasi cosa voglia; cose di qualsiasi tipo hanno origine dall’avidità. Si avrà denaro, si avranno vantaggi di ogni tipo, eppure questa avidità è una cosa così diabolica che non vi permette mai di considerare ciò che avete. E volete sempre più denaro, ingannate la gente, ingannate tutti.
Un’altra pessima tendenza che abbiamo è la collera. La collera non ci permette di vedere le cose come stanno, ci adiriamo per cose da nulla. Per esempio, venendo in questo paese, ho visto gente in collera a causa dei diversi colori della pelle. Non riesco a capire! Dio ha creato colori differenti, altrimenti saremmo sembrati tutti uguali e la vita sarebbe stata misera. Il colore è stato creato dalla natura. Bianchi o neri, che differenza fa? Proprio non capisco perché persista un mito del genere. Dobbiamo combattere questo mito. I bianchi combattono contro i neri e i neri combattono contro i bianchi che poi vanno a cuocersi la pelle al sole, facendosi pure venire il cancro della pelle. Proprio non capisco, non vi è alcuna logica, non vi è alcun equilibrio in noi per vedere cosa stiamo facendo. Perché stiamo sprecando questo tempo prezioso quando invece dobbiamo trasformarci? Questa collera può essere contro qualsiasi cosa; per qualsiasi cosa può nascere la collera, è una manchevolezza molto comune negli esseri umani. La gente può andare in collera per un nonnulla e se ne compiace perché, in questo modo, può opprimere altri, può essere aggressiva. Vogliono avere, dentro di Sé, questa rabbia con la quale cercano di dominare gli altri. Questo è il maggior problema. Perché vogliamo dominare gli altri? Perché vogliamo opprimere e avere controllo sugli altri? Perché non sappiamo controllare noi stessi. Perché continuiamo a voler controllare gli altri? Che bisogno c’è?
Poi ci sono gli attaccamenti: attaccamenti alla casa, alla patria, ai figli, a qualsiasi cosa. Ma domani non sarete qui, andrete a mani vuote, non potrete portare proprio niente di nuovo. Questi attaccamenti devono cambiare. La gente è molto meticolosa per quanto riguarda la propria auto, la casa, la manutenzione. Ma per quanto riguarda voi stessi? Siete a posto? Interiormente, siete assolutamente calmi, in pace e pieni di gioia? Perché sprecate energie adirandovi? Anche questo è un segno della vita che sarà distrutta. Se guardate un’altra persona, vedete che qui è molto comune la debolezza, oltre che per il denaro e le donne – o da parte delle donne per gli uomini – di voler essere attraenti. Per cosa? Tutti devono invecchiare. Cosa avete ottenuto nel correre dietro alle donne, correndo dietro all’altro sesso? Non avete alcun senso di dignità, nessun senso dell’onore se siete arroganti. Indosserete splendidi vestiti, sarete bellissimi, ma non è questo il modo. Dobbiamo fare introspezione e guardare noi stessi. Perché ci stiamo comportando così, sprecando energie in cose assurde? Tante persone che incontro sono davvero mezze matte e alcune lo sono del tutto. E quel che mi dicono è che volevano sposare una certa donna, un certo uomo e così via. Come sono fragili! Questo non equivale ad essere molto elevati.
Dovete essere davvero molto saldi interiormente, sentire il vostro Sé. Il vostro Sé è lo Spirito, è l’attributo di Dio Onnipotente dentro di voi. Potete essere molto forti, potete avere molta gravità e potete essere del tutto equilibrati, se diventate lo Spirito. Avete sentito parlare tanto dello Spirito e della vita spirituale, ma, avete raggiunto questo punto? Anche quando leggete del sistema Zen, del Tao, della Bibbia, del Corano ed altro: sapete come raggiungere il traguardo dello Spirito? Non ancora, non ancora. Dovete saperlo perché siete molto grandi, siete molto preziosi e tanto belli interiormente. Ma non ne siete consapevoli! Dovete diventarlo. È molto importante questo divenire. E per questo, Dio Onnipotente ha organizzato dentro di voi quella che è chiamata Kundalini, che può essere risvegliata, e il cui risveglio può darvi la Realizzazione, può darvi la conoscenza del Sé, che chiamate Atma sakshat. È questo che è davvero molto importante ottenere nella vita e, dal momento che è spontaneo, non si può pagare. Quanto potete pagare? Visto che è assolutamente gratuito perché non prendete la vostra Realizzazione? E perché non crescete? È forse la vostra……in nome della religione? Ogni religione ha certe……..Maometto ha detto chiaramente: “Al tempo della Resurrezione le vostre mani parleranno”. Forse parlano? Gli indiani lo sanno, sanno che dobbiamo ottenere la Realizzazione. Non serve a nulla dare ascolto a questi ‘babaji’ dando loro del denaro. Con tutti questi rituali che eseguiamo, che eseguivano i nostri padri, cosa abbiamo ottenuto? Niente!
Pertanto è importante sapere che dobbiamo attuare la nostra evoluzione raggiungendo lo stato della Realizzazione del Sé. Se fossimo perfetti, non ci sarebbe stato nessun problema, se fossimo persone realizzate, non ci sarebbero stati problemi. Dobbiamo superare ogni egoismo, ogni limite che ci siamo imposti, qualsiasi condizionamento e qualsiasi tipo di ego che abbiano regolato la nostra vita e ci abbiano dominati. E una volta che ve ne sarete staccati, diverrete uniti. Non occorre che qualcuno vi dica che siete diventati uniti. Perdete tutte queste false identificazioni. Le vostre false identificazioni sono appartenere ad un certo paese, appartenere ad una certa religione, appartenere a questo e a quello. Voi non appartenete a niente. Appartenete al Regno di Dio. È questo che dobbiamo conquistare ed è là che dovreste essere una cosa sola. Ma se preferite i millantatori non si finisce più.
State perdendo tempo! Il tempo scorre veloce. Sono stata qui all’incirca vent’anni. Ho lavorato molto duramente, ma ho constatato che le persone non si rendono conto di ciò che devono fare. Amano individui che parleranno soltanto di cose molto elementari o propineranno spettacoli per gli occhi. L’umanità intera deve comprendere che oggi il destino è al limite della distruzione, è sul punto della distruzione totale. Ed è molto semplice entrare nel regno di Dio, è facilissimo, non richiede tempo, non dovete risolvere niente. Ottenete la vostra Realizzazione e poi, a casa, dedicate dieci minuti alla meditazione. È solo la vostra mente che continua a giustificare il vostro cattivo comportamento. Lo chiamo cattivo comportamento perché è contrario alla verità, è contro il volere di Dio, è contro l’umanità e distruggerà ogni cosa buona.
Tutte queste false identificazioni devono scomparire e dovete capire che siamo tutti una cosa sola, siamo tutti una cosa sola, siamo tutti una globalità, non siamo separati da colore, razza o religione. Dovremmo riconoscere che siamo tutti una cosa sola e questa unità non dovrebbe essere dichiarata con slogan o gridando. Bisogna sentire interiormente cos’è questa unità. Non è artificiale, deve essere reale, una unità davvero reale. E questo vi accade una volta che abbiate realizzato di essere parte integrante del tutto. Le religioni vi hanno portato a questo punto di consapevolezza, non a combattere, non a uccidere. Perché, perché gli esseri umani hanno deviato? A causa della completa ignoranza riguardo alla virtù, a causa della propria totale avidità, proprio della vostra, di tutta la vostra famiglia, tutt’al più di tutti i vostri parenti. Perché volete immischiarvene? Siete lo Spirito. Lo Spirito è l’oceano, l’oceano della conoscenza, l’oceano d’amore, l’oceano di tutte le benedizioni.
Dobbiamo decidere. Oggi devo chiedervelo perché non è rimasto molto tempo. Occorre decidere che dobbiamo diventare lo Spirito. È ciò che tutte le religioni hanno proclamato, ma come farlo non è stato spiegato molto bene e non ha funzionato. Alcuni ci sono riusciti ma non furono creduti, nessuno li ascoltò. Anzi, la gente li uccise, li torturò e li crocifisse. Ma ora vi prego, cercate di capirne tutti il valore. Perché siete umani? Perché siete stati creati? Qual è lo scopo nascosto? Avete intenzione di farvi guidare da idee senza senso? Avete intenzione di farvi annientare da ogni elemento di separazione? No, no. Otterrete la Realizzazione e comprenderete il valore della vostra vita.
Il problema è che otterrete la Realizzazione nel senso che l’energia dentro di voi ascenderà. È organizzato perfettamente. In effetti Dio è un grande Creatore; è notevole il modo in cui ha bilanciato tutto e come tutto funzioni; si è preoccupato di ogni dettaglio. Ma questo evento da solo non basta. Quando ottenete la Realizzazione, è come se entraste in un palazzo: cominciate a visitarlo e da soli vi rendete conto di quanta bellezza ci sia in voi, quante cose meravigliose Dio ha creato; comincerete allora a crescere dentro questo stato. Una volta cresciuti, vi renderete conto di essere una gran cosa, gemme preziosissime, persone amorevoli, più importanti di quelle a cui sia stata dedicata una statua, con qualche iscrizione che non interessa nessuno.
Stasera, dunque, possiamo fare l’esperienza, l’esperienza dello Spirito. È una cosa rara e molto insolita, mai ne è stata fatta una simile. Ma è adesso, quindi perché non approfittarne? Per favore state pronti, accettatela, prendetela e divenite. Il punto è divenire, il punto e cosa diventate. Cosa ricavate da tutta questa civiltà umana è un problema vostro, non mio. Io posso aiutarvi, posso riuscirci.
Quindi vorrei chiedervi di essere tutti pronti per la Realizzazione. È molto meglio, ma quanti non vogliono averla non possono essere forzati. Perciò è meglio che lascino la sala.
Che Dio vi benedica
Innanzitutto, non dovete fare niente. Vale a dire che non dovete pensare neppure a ciò che ho detto. Cercate di calmare i pensieri e sono sicura che otterrete tutti la Realizzazione. Ma quanti cresceranno? Perché dovete venire agli incontri successivi e poi dovete praticarlo nei nostri centri. Funziona; dovete solo dedicare un po’ di tempo a voi stessi ed a questo problema globale. Vi ci dovete dedicare, è molto importante, vi ci dovete dedicare. Non significa che dobbiate diventare dei sanyasi o affannarvi per questo…., no. Ma questa dedizione vi renderà talmente uniti con il vostro Sé, con l’universo intero, che non occorre dirvi che vi ci dedicherete da soli.
Per favore, non rimanete se non volete avere la Realizzazione perché non vi accadrà nulla. Per cortesia lasciate la sala se non volete la Realizzazione.
Quel che dovete fare è non fare nulla, mettete semplicemente le mani verso di me. Certo, se avete le scarpe, è meglio toglierle perché la Madre Terra è molto potente. Per favore, mettete tutte e due le mani verso di me. Non dovete pregare, non dovete dire niente, soltanto mettere le mani verso di me, proprio così. Ora chiudete gli occhi, è importante, chiudete gli occhi. Questa energia Kundalini è situata nell’osso triangolare, conosciuto come sacro, e sale attraverso sei centri del parasimpatico uscendo, infine, dall’area della fontanella che, quando eravate piccoli, era un osso molle della vostra testa, sulla sommità della vostra testa. Lo attraversa e si fonde nell’energia sottile del Potere Onnipervadente dell’Amore Divino. Viene chiamata in modi diversi, Paramchaitanya, Chaitanya, c’è chi la chiama Ruh. Potete chiamarla in qualsiasi modo: è l’amore di Dio. Una volta connessi, iniziate a percepire sulle vostre dita una specie di brezza. All’inizio alcuni la sentiranno calda, non ha importanza, ma poi si rinfresca e sentite tutti la brezza fresca dello Spirito Santo che inizia a fluire.

Ora potete alzare la mano sinistra sulla sommità dell’area dell’osso della fontanella; tenete gli occhi chiusi e constatate da soli se c’è una brezza fresca o calda che esce dalla vostra testa. Potete muovere la mano. Ora provate con la mano destra se c’è una brezza fresca o calda che esce dall’area della fontanella. Provate da soli. Chinate la testa, è meglio chinarla; per favore, chinate la testa. Potete nuovamente mettere la mano destra verso di me e provare con la mano sinistra. Sentite se c’è una brezza fresca che esce dalla vostra testa. Se è calda va bene, non importa, esce a causa del calore che avete dentro.
Ora, tutti quelli che hanno sentito una brezza fresca o calda nelle mani, o sulle dita, o uscire dall’area della fontanella – questo è il vero battesimo – per favore alzino tutte e due le mani
Pensate, voi siete i soldati che salveranno il mondo dalla distruzione. Cercate di capire la vostra importanza.
Potete abbassare le mani. L’hanno sentita praticamente tutti. Significa che siete già maturi per la vita spirituale. È così che l’avete ottenuta, è l’ultimo balzo verso la realtà. Ora dovreste sapere cos’è, chi siete voi, cos’è il vostro Spirito e cosa potete fare, quali sono i vostri poteri, quali sono i poteri spirituali. Per questo vi invito innanzitutto a partecipare al programma che seguirà su questo argomento, dopodiché potrete frequentare uno dei centri più vicini a voi e riuscirci.
Dovete lavorare per il mondo intero. Dovreste sapere che ci sono 85 paesi che seguono Sahaja Yoga. E sorprendentemente, in paesi africani come il Benin, dove ho iniziato solo tre anni fa, ci sono ventimila Sahaja Yogi. Mentre in Inghilterra – dove sono rimasta a lavorare per più di sedici anni e anche dopo, sempre, ogni anno – in un certo senso la crescita è numerosa, ma non è sottile, non è interiore. La crescita deve avvenire interiormente e allora gioirete, gioirete moltissimo della realtà. La realtà è assolutamente meravigliosa.
Che Dio vi benedica.
(Indicando il gruppo di Sahaja Yogi che suonano e cantano) Vogliono cantare una canzone scritta nel XII secolo da un santo indiano. È cantata in tutte le religioni ma nessuno ne conosce il significato. Il significato è: “Oh, Madre, donami l’unione, jogwa, ed io abbandonerò le mie cattive abitudini, abbandonerò la mia collera…”. Ora voi non dovete farlo, lo farete automaticamente. Non dovete fare nulla se non meditare circa dieci minuti, che non sono molti.
Loro sono così pieni di gioia che vogliono continuare a cantare…