Discorsi alle spose e agli sposi

Campus, Cabella Ligure (Italy)

2001-09-23 Marriages, The talks the day after Ganesha Puja, Cabella Ligure, Italy, 26' Add subtitles: Download video (standard quality): View and download on Vimeo: View on Youku: Download audio:


Feedback
Share

Matrimoni. Cabella Ligure (Italia), 23 settembre 2001.

Discorso alle spose

State per sposarvi. Io sto proprio per…(il microfono viene sistemato)… e con piena comprensione.
È molto importante capire il vostro ruolo in Sahaja Yoga come donne sposate. Abbiamo avuto donne stranissime che si sono sposate perché volevano sposarsi e hanno constatato come il matrimonio non abbia avuto successo. E sono state un tale problema per me che io non capisco perché prima del matrimonio non si siano rese conto di ciò che dovevano fare.
Voi dovete far sì che il matrimonio in Sahaja Yoga sia un successo. Non è un matrimonio qualunque. E perciò non è un sacrificio, ma una gioiosa capacità di comprensione. Potreste anche dover convivere con molti problemi. Finanziariamente può essere che qualcuno non sia tanto benestante. Può anche essere che sebbene lo sia, non si prenda cura di voi finanziariamente, non vi dia soldi; oppure potrebbe essere molto dominante – è possibile. Tutto è possibile. Come potreste esserlo voi.
In Sahaja Yoga vi abbiamo selezionato perché vi sposiate, e pensiamo che farete un felicissimo matrimonio.
In un certo senso, la responsabilità della donna è maggiore perché il matrimonio è una sua responsabilità, e lei deve renderlo un matrimonio felice. Se qualcuna di voi ora non vuole sposare una certa persona, potete rifiutare. Ma se ora vi sposate, pensate, per favore, come una Sahaja Yogini che si sta sposando. La responsabilità di procurare un buon nome a Sahaja Yoga è vostra. Intendo dire che non vi stiamo sposando per una specie di evento sociale, no, ma perché siete Sahaja Yogini, siete donne responsabili, e procurerete tanta gloria a Sahaja Yoga.
Devo dire che finora il novantanove per cento dei matrimoni ha avuto successo – il novantanove per cento. Ora è arrivato questo nuovo gruppo e devo vedere come funziona.
Se avete qualche idea in testa, se avete in testa qualche modello, toglietevelo. Dobbiamo confrontarci con la realtà. Dobbiamo vedere cosa è la realtà, non le nostre idee immaginarie. Quindi non dovreste essere disorientate, nemmeno l’uomo dovrebbe essere disorientato. Ma supponiamo che egli lo sia, allora dovrebbe esserci comprensione in voi. Lo spirito di comprensione deve essere in voi, non bisogna aspettarselo dagli uomini.
Gli uomini hanno responsabilità per ciò che concerne il guadagno. Hanno altre responsabilità, ma le donne hanno la responsabilità di comprendere, ripeto comprendere, il marito, la vita familiare ed ogni cosa connessa con la vostra vita familiare.
Solo lo spirito di comprensione delle donne crea ottime famiglie. È la donna che fa tutte le cose necessarie per appianare le relazioni familiari. Loro (le donne) inoltre comprendono il marito e lo aiutano con la loro comprensione. Una volta che si fissa nella mente dei mariti che siete sensibili, che vi curate di Sahaja Yoga, che avete dignità, tutti i problemi sono risolti. È molto importante avere una comprensione davvero profonda della vostra responsabilità. E io sono sicura che avrete tutte successo perché siete tutti Sahaja Yogi.
Non dominate mai; non occorre dominare. Ma se siete intelligenti potete spiegare gli errori o le incomprensioni a vostro marito. Ma per questo, dovete avere uno speciale fascino femminile, direi, una speciale comprensione femminile.
Vi darò un esempio della mia vita, ce ne sono molti, ma uno posso darvelo: venne a farmi visita un signore dell’ufficio di mio marito. E disse: “Mi dispiace, ho sbagliato a lasciare la sua organizzazione e unirmi ad un’altra. Ma ora sento che non posso essere felice nell’altra e vorrei tornare”. Mio marito rispose: “Non c’è posto per te qui. Non è disciplinare. Non va bene. Perché l’hai fatto? Perché ti sei unito ad un’altra organizzazione? Egli disse: “Signore, ma io voglio tornare, la supplico”, lo implorava tutti i giorni. Ma una volta che gli uomini si mettono una cosa in testa, non cambiano immediatamente. Così venne da me a dirmi: “Io voglio tornare nella organizzazione di prima”. Io conosco mio marito molto bene, così gli dissi, “Va bene, vediamo”. Quando mio marito arrivò gli dissi, “Perché non riprendi quest’uomo?” “Oh, così ora è venuto da te, non è vero? Il brav’uomo sa dove andare”. “No – dissi io – forse pensa che Io sia più generosa di te”. – Fu una provocazione troppo forte! – “Ecco perché è venuto da me. Dovresti essere generoso”. Allora lo riprese. E devo dire che per tutta la sua vita quest’uomo aiutò moltissimo mio marito.
Così stanno le cose. C’è un modo di fare le cose. Dovete impararlo e dovete cavarvela in modo da fare cose buone senza ferire nessuno, senza dire cose aspre, senza essere sgarbate con nessuno. È questa l’abilità che dovete capire. È qualcosa di speciale che dovete imparare, così tutti i conflitti finiranno. D’accordo?
Che Dio vi benedica.
Vi benedico tutte dal profondo del mio cuore.

Discorso agli sposi

…Ho già parlato alle spose ed ho fatto capire loro qual è il loro dovere e ciò che si suppone esso significhi. In particolare ho detto loro che gli uomini sono un po’, sempre agitati, si agitano con…(?).. Voi dovreste essere più sensibili e anch’esse lo saranno, ne sono sicura; sembravano ragazze sensibilissime. Dovreste, inoltre, rendervi conto che vi state sposando in Sahaja Yoga non per un matrimonio qualsiasi, ma per un matrimonio in Sahaja Yoga. È importantissimo, importantissimo, dovete dimostrare di avere un matrimonio molto ben riuscito.
Naturalmente, la responsabilità della famiglia e dei bambini, possiamo dire che è delle spose; sono del parere che questo debba essere fatto dalle ragazze. Ma la vostra responsabilità è anche prendervi cura di lei, non trascurarla, perché nel complesso siete occupati e lo giustificate. Dovete dedicare un po’ di tempo a vostra moglie. Non dovete essere negligenti. Questa è la prima cosa. Per esempio, quando tornate dal lavoro, lo so che siete stanchi, ma guardate cosa lei sta facendo. Informatevi. Se è occupata cercate di aiutarla. È ciò che mostrate con il vostro amore la cosa più importante per l’uomo, penso. Altrimenti, vedete, date per scontato il fatto di essere sposati. Non è così. Quindi, per prima cosa tornate a casa e parlatele dolcemente. Chiedetele cosa ha fatto e se ha bisogno di qualcosa.
In Sahaja Yoga abbiamo un’abitudine, o possiamo chiamarla una legge, per cui tutto il danaro che voi guadagnate dovrebbe essere conservato insieme a vostra moglie e non dovreste spendere denaro senza chiederlo a lei, né lei dovrebbe spendere denaro senza chiedere. Il denaro è un grandissimo problema. Se volete del denaro, ne avete ogni diritto. È una proprietà comune. Ma la moglie dovrebbe sapere quanto denaro c’è e non può spenderlo senza chiedervelo, e neanche voi potete spenderlo senza chiederlo a lei.
Questo è così grazie a una comprensione reciproca. Dovete avere una comprensione completa dell’amore, di quale amore esprimete. Sbagliate se dubitate di lei oppure se pensate: “Tutto questo è mio. Chi è lei per chiedermelo?” – Non mi piace che le donne lavorino, ma se devono lavorare, lavoreranno. E se lavorano, ho già detto loro che devono stare attente perché per prima cosa sono donne di casa. Non vogliamo avere matrimoni qualunque, vogliamo avere Sahaja yogi sposati, che avranno dei bei bambini, delle belle famiglie. Vogliamo avere bellissime famiglie.
Quindi un atteggiamento dominante da parte del marito e da parte della moglie è un’idea sbagliata. Se riuscite a innamorarvi l’uno dell’altra è una cosa deliziosa. Sento che la gente litiga per piccole, piccole cose, per i vestiti, per il cibo, per questo o quello. Ma se amate qualcuno, la vostra vita diventa molto bella. Tutte queste piccole, piccole cose sono inutili.
Perciò non giudicatele [le mogli]). Non dominatele. Se chiedono la vostra guida, va bene. Ma diciamo che se ogni volta, se il marito sta ogni momento a dire: “fai questo” e “fai quello”, allora diventa seccante, non è vero? E dovreste fare in modo di non rendere noiosa la vostra e la sua vita, perché ci sono tanti modi di gioire della vita. Persino sedendo vicini potete farlo. Chiacchierando insieme, potete farlo. Ma se non capite quest’arte, allora forse potreste avere dei problemi, o potrebbe averne lei.
Se lei ha seri problemi, allora naturalmente, annulleremo il matrimonio. Scopriremo cos’è che non va. Ma normalmente, cercate di capire che se la moglie lavora in casa è ugualmente importante, persino più di voi. Se vedete le cose da questa angolazione, il matrimonio è fra due anime che rappresentano, diciamo, la sinistra e la destra, e ci dovrebbe essere una comprensione completa della parte emotiva. Ma trovo che nei matrimoni, non si abbia molta comprensione del lato emotivo. Se lei si sente triste, se piange, giusto un po’, qualche parola d’amore e amarla è la cosa più grande. Non può esserci niente di meglio che amarla.
Voi non vi sposate qui solo per una comune esperienza di matrimonio, ma per gioire dell’amore.
Amare è una grande, grandissima benedizione ed una cosa divina. Se riuscite a farlo, allora non troverete errori. Troverete un modo per poter gioire della vostra vita coniugale.
Vi ho convocati qui per dirvi che dovete gioire della vostra vita coniugale e, inoltre, dovete ricordare una cosa: da soli non ci riuscite. Da soli non potete.
Lei è la vostra compagna. È la vostra amica. È tutto per voi. Abbiate un bellissimo sentimento al riguardo. Intendo dire che qualcuno è troppo romantico e qualcuno non è per niente romantico. Non c’è nessun bisogno di essere ‘estremamente’ qualcosa ma, come Sahaja yogi, dovreste apprezzare le qualità di vostra moglie e di un matrimonio in Sahaja Yoga.
La miglior cosa è confidare uno nell’altra, non dubitare. C’è un altro problema in molti matrimoni, che iniziano a dubitare e poi si separano. Non c’è niente di cui dubitare. Non c’è niente di cui aver paura nella vita matrimoniale. È una bellissima esperienza quella in cui state per entrare. Io direi che è una bellissima evoluzione, per voi, condividere la vita con qualcuno. Ma ci sono molte persone che falliscono. Perché? Perché pensano che loro sono uomini e queste sono donne. Ma tutti e due possono essere magnificamente uniti e vivere molto felicemente.
Ho visto degli ottimi mariti, lavorano così tanto che non hanno tempo per le loro mogli, e così telefonano cento volte per sapere come stanno. Vi darò l’esempio di Lal Bahadur Shastri. Egli amava così tanto sua moglie. Sua moglie era una donna comune, non istruita, di famiglia molto ordinaria. Ma una volta che io ero a casa loro, vedete, la mattina, diciamo alle dieci circa, ero lì, e lui le mandò una lettera dall’ufficio: “Mi sono svegliato presto e, com’è mia abitudine, ho fatto il bagno e tutto il resto; tu stavi ancora dormendo, così non ho voluto disturbarti. Poiché non hai dormito la notte scorsa, non ho voluto disturbarti. Mi dispiace molto, ma non ho ancora preso il mio tè, posso venire giù a prenderlo con te? Eravamo molto vicine. Guardate come è toccante. Egli venne giù, vidi e rimasi stupita, guardandolo, di come, il Primo Ministro dell’India, si preoccupasse di lei. Venne giù e prese il tè insieme a lei. Io mi nascosi e dissi [a me stessa] “Non voglio interferire”.
Tutte queste dolci, dolci cose, vedete, vi aiutano tanto, e sebbene Shri Shastriji fosse un uomo tanto occupato pensava sempre a lei ed anche alla famiglia. Poi mentre mi trovavo là, fui sorpresa. Egli disse alle figlie: “Occupatevi dei vostri bambini, mia moglie non deve diventare come una domestica. Non ho intenzione di fare di lei una aya. Fate attenzione!” Che riguardo le era dato, in confronto ai bambini. Dovrebbe essere così. Vedete, è così che impariamo a vivere con un’altra persona. Se state sempre a pensare a voi stessi, “Che tipo di vantaggio ho ottenuto. Questo cibo non era buono”, non state vivendo come Sahaja yogi.
Un Sahaja yogi vive per gli altri, non per se stesso, ad iniziare da sua moglie. Naturalmente, se avete problemi o altro, ci si può separare. Potete scrivermi. Possiamo vedere. Ma la prima cosa di cui rendervi conto è che dovete avere un equilibrio emotivo. Occorre capirlo. Se la moglie è infelice, dovreste chiederle: “Perché, qual è il problema?” State sempre al suo fianco, sempre, che si tratti di vostra madre, di vostro padre, o di qualsiasi altro, sostenetela e ditele qual è la cosa giusta. Se prendete una posizione contraria, lei non capirà. Ma se vi mettete dalla sua parte e dite a tutti: “Vediamo un po’”, allora affermerete la sua dignità. Fatele sentire che non sarà insultata da nessuno. Chiunque insulti vostra moglie, dovete essere al suo fianco in quel momento. Potete chiarire dopo. Nessuno deve permettersi di dire qualcosa a vostra moglie, o farle qualcosa, ma state sempre dalla parte di vostra moglie, perché dopotutto lei è anche una Sahaja yogini. Più tardi potete parlarle e chiederle qual è il problema. Potete portarla in camera da letto e chiederle, “Quale è il problema, cosa è successo?”
Ma in presenza di altri non dovreste sgridarla. E non dovreste correggerla. Inoltre nessun marito dovrebbe rivolgersi gridando alla propria moglie. È qualcosa che non posso capire, perché i mariti debbano gridare. Ciò dimostra una pessima educazione. Siamo tutti Sahaja yogi. Siete educati da me. Io sono vostra Madre. Per favore non sgridate mai le vostre mogli, non mostrate mai la vostra irascibilità. Intendo dire che alcune cose così semplici possono essere risolte dimostrando amore. Come voi mi amate, io vi amo, e se c’è qualcosa di sbagliato in voi neanch’io vi sgriderò mai, mai. Quello che farò, è invece trattarvi in maniera amabilissima.
Avete questo grande potere di amore e compassione. Se non riuscite ad amare vostra moglie, chi mai amerete? Più dei vostri bambini, più di qualsiasi altro! Condividete un po’ del vostro amore e sarete sorpresi.
Anche per piccole, piccole cose ho visto dei Sahaja yogi arrabbiarsi con le proprie mogli. Per esempio, io sono considerata vostra Madre e tutto il resto. Ma qualche volta vostra moglie commette qualche errore nel Puja, in qualcosa,– cercate di capire. A me non importa. Dopo le direte: “È stato un errore e non avresti dovuto farlo; questa è nostra Madre”, e loro ne avranno rispetto. Ma se continuate a gridare, vedete, si creerà un vuoto fra voi. Se parlate in questo modo, la loro intera vita cambierà. Siate gentili con loro. Siate gentili, molto. È necessario. Ho visto che, specialmente nella vita occidentale, la gente non ha alcuna preparazione su come trattare la propria moglie. Non esiste una preparazione come quella che abbiamo in India. Quando marito e moglie si incontrano per la prima volta, c’è una grande cerimonia ed un modo gentile di trattare ogni cosa.
Così, sebbene ci sia la relazione, dovete renderla stabile. Dovete muovervi lentamente, gentilmente, in maniera semplice, non proprio saltare addosso alla donna ed iniziare…(?).. – davvero, non è appropriato. Abbiamo avuto tre o quattro casi come questo, non molti devo dire, in tanti anni [di matrimoni], comunque trattatela gentilmente, parlatele gentilmente. Parlatele in modo che senta che siete suo marito e lei vostra moglie. È qualcosa che è un’arte. E poiché siete Sahaja yogi, dovete mostrare al mondo che, grazie a Sahaja Yoga, il vostro matrimonio ha avuto successo. Non ascoltate vostra madre, non ascoltate nessuno. Ascoltate lei per prima e scoprite qual è il problema. Diversamente, questi matrimoni falliscono. Quando siete già sposati, non dovreste mostrare interesse per nessun’altra donna, in nessun caso – prima viene vostra moglie – perché le disturba, questo inutile interesse per altre donne. Avete avuto la vostra donna. Avete avuto vostra moglie. Perché dovreste avere interesse per altre donne?
Malgrado tutto ciò, se danno problemi, fatemelo sapere, sono qui per saperlo. Ma non disperatevi. E le cose possono essere migliorate, possiamo aggiustarle. Ma se non siete sensibili, allora sarà problematico.
Devo dire che penso, in confronto agli Indiani, che voi abbiate mariti migliori, senza dubbio. Ma talvolta, qualche marito, come in India, io penso… (Shri Mataji chiede a qualcuno vicino “Ci sono degli Inglesi qui? No, intendo da sposare?”) Vedete, in Inghilterra ho visto che gli uomini sono molto docili – docilissimi a causa della legge. La legge è così strana, ed è per questo che sono sul lato sinistro. Sono docili, e non solo docili, ma rovinano le donne a causa della legge vigente. Ma ora abbiamo matrimoni internazionali ed anche qui in Italia, se vi sposate secondo la legge Italiana non è così male. Comunque, dovete ricordare che qualsiasi cosa stiate facendo deve essere in accordo con le Leggi Divine. Le Leggi Divine devono essere rispettate ed è così che dovreste costruire un matrimonio davvero di successo.
Io sono molto ansiosa di vedervi diventare felicissimi di questi matrimoni. È qualcosa di molto speciale, eccezionale, per cui avrete le benedizioni del Divino e gioirete del vostro amore.

Che Dio vi benedica.