Makar Sankranti Puja

Pratishthan, Puna (India)



Send Feedback

S H R I   M A T A J I   N I R M A L A   D E V I

Makar Sankranti Puja

Pratisthan, Puna (India), 17 Gennaio 2008


[Traduzione dall’hindi]

Oggi è Sankranti. Sankranti significa che oggi dovrebbe accadere qualcosa di nuovo. La Kundalini dentro di voi è stata risvegliata e voi siete diventati persone nuove; però nel giorno di Sankranti dovete rendervi conto della Devi che dimora in voi. Dovete renderla felice. E in che modo la renderete felice?

Voi offrite sesamo (til) e zucchero grezzo (gud). Si offrono per l’amore. Si offrono sesamo e zucchero grezzo per aumentare l’amore reciproco e oggi il sole abbandona la sua posizione e si sposta in direzione di Uttarayana (movimento del sole verso Nord), verso di me. In questo periodo dovremmo ringraziarlo molto.

Grazie alle sue benedizioni nel nostro Paese accadono molte cose. Oggi tutti devono fare Namaskar al sole e il suo potere, la sua conoscenza, la sua luce dovrebbero penetrare in noi. Vi dirò soltanto che ciascuno di voi è diventato illuminato.

Chaitanya fluisce in ciascuno di voi. Adesso usate questo Chaitanya. Cercate di portare in voi il potere e la pace interiore, e annunciate al mondo che il potere è in noi e dobbiamo ottenerlo. E con le nostre qualità e parlando sinceramente dobbiamo svilupparlo, permettergli di crescere.

Il giorno di oggi è molto speciale perché il sole mostra un legame speciale con noi. Per questo ringraziatelo. Avete ottenuto molte cose e otterrete molte cose. Otterrete di più, cercate di svilupparlo. Avete celebrato tanti miei puja e, celebrando tutti questi puja, che cosa desiderate ottenere da me?

Io desidero che diventiate tutti grandi sahaja yogi e cerchiate di mostrare il giusto sentiero a migliaia di persone in questo mondo. Insegnate loro la bontà e cercate di sentire quel potere che fluisce in voi.

Sono molto felice di vedervi tutti.

Quindi, andiamo? (Shri Mataji ride e i sahaja yogi applaudono). Lasciate tutto dentro.

[Applausi. Shri Mataji lascia la sala e il Puja continua]