Presentazione del Dr. Rai nel Sahasrara Day – Sessione Medica

Nirmal Temple, Cabella Ligure (Italia)

Feedback
Share

Presentazione del dottore e la dottoressa Rai ne Sahasrara say 2016

Mr. Dr. Rai: (02:35) Jai Shri Mataji! Prima di tutto vorrei ringraziare Shri Mataji dal profondo dei nostri cuori per averci dato la possibilità di essere qui. Penso che questo sia un paradiso sulla Terra e siamo qui per la prima volta dopo circa 26, 27 anni. Quindi ci inchiniamo e diciamo i nostri pranams a Shri Mataji e anche ringraziamo l’amministrazione qui, ognuno di voi e coloro che hanno gestito il nostro viaggio fino a qui. E ringrazio anche i paesi ospitanti: Austria, Repubblica Ceca, altri paesi, che sono stati così gentili da permetterci di essere qui, che è invero nostro piacere e nostre punyas. Penso che non siamo qui per insegnarvi alcunché. Siamo qui per imparare e ho delle storielle con Shri Mataji che vi condividerò con voi opportunamente; siamo qui per imparare la dedizione e l’arresa degli stranieri. Quando dico “stranieri”, intendo un nome rispettoso in India e e come voi avete adottato Sahaja Yoga e quanto vi state dedicando. Siamo qui per impararlo. Viene sempre detto in India, ma ora siamo qui per impararlo. Quindi, niente da insegnare, ma solo da imparare il vostro amore, la vostra dedizione, la vostra sincerità e qualsiasi piccola esperienza lei ha – mia moglie. Lei ha dedicato molto tempo a gestire un centro – Vashi – e a curare persone. La più piccola esperienza che abbiamo possiamo condividerla. Se ci sono dei problemi possiamo aiutarvi. Noi cerchiamo sicuramente di condividere le nostre esperienze. Quindi, sono proprio delle punyas essere qui e siamo felicissimi di questo. [Applauso]

Mrs. Dr. Madhur Rai: (05:12) Jay Shri Mataji!
La mia più umile offerta ai piedi di loto di Shri Mataji ed entrambi ringraziamo i paesi ospitanti per averci invitato. Come il Dr Rai ha detto, noi condivideremo le nostre esperienze e vorremmo aiutarvi con qualsivoglia problema medico che avete o anche possiamo guidarvi su ogni problema sottile.
Così, siamo stati al Centro Salute di Vashi. Prima di tutto vorrei condividere come sono capitata in Sahaja Yoga. Tutti abbiamo un percorso individuale. Per me questo percorso è cominciato con il mio matrimonio e sono giunta a Sahaja Yoga come una benedizione, grazie al mio grandioso suocero, il professore U.C. Rai. Il nostro è stato un matrimonio combinato e non praticavo Sahaja Yoga. Nessuno dei miei familiari conosceva Sahaja Yoga, ma i familiari di mio marito erano in SY e così sono stata guidata in SY. Mio nonno mi ha presentato alla mia [nuova] famiglia e la mia famiglia a Shri Mataji e Madre mi ha selezionato per essere il suo partner. Così dal giorno del fidanzamento ci fu un periodo di un anno. Quello che sto condividendo ha un senso. Vi dirò come mi ha aiutato ad andare in profondità in SY. Allora non sapevo nulla di Shri Mataji e delle tecniche di pulizia. Non sapevo della meditazione, cosa meditazione significasse. Ma l’unica cosa è che prima del fidanzamento, sono stata presentata a Shri Mataji e Madre disse: “Sì, la ragazza va bene” e Lei disse a mio padre: “Potete darla come sposa a vostro figlio” e mi diedero una foto di Shri Mataji e dissero che…mi diedero un libricino e mi dissero che potevo meditare in questa maniera e nel libro era scritta la tecnica del pediluvio. Quindi, siccome nessuno della mia famiglia era in SY, seguivo il libricino e facevo il pediluvio, senza sapere esattamente cosa fosse la meditazione, ma per qualsiasi domanda mi rivolgevo alla foto di Madre.
Così, ci fu un intervallo di un anno, lui era andato in Libia e c’erano state delle sanzioni inflitte alla Libia dagli USA. Quindi era stato un periodo oscuro e ogni volta che c’erano dei disordini, mi mettevo a parlare alla foto di Madre. Poi finalmente, dopo il suo ritorno, ci siamo sposati. Quindi fummo benedetti da Shri Mataji che venne al ricevimento del nostro matrimonio. E quando Madre mi approcciò la prima cosa che mi disse fu: “Sei contenta ora?” come se stesse continuando una conversazione. Ma non è che ci fossimo incontrate prima, ma mi diceva “Ora sei contenta? sei soddisfatta?” e risposi “Shri Mataji, sì”. Quindi ho capito che qualsiasi cosa dicessi alla foto, arrivava a Shri Mataji, anche senza aver avuto nessuna introduzione a SY o senza praticarlo. Quando parlavo alla foto, Madre mi ascoltava e così è come ne venni a conoscenza.

Poi ho fatto molte, molte esperienza, ma una vorrei condividerla.
Ho una fastidiosa debolezza della schiena che mi causava dolore nella zona lombare e, nel diventare madre, il dolore sarebbe stato davvero insopportabile. Mio suocero stava spesso con Shri Mataji e anche mio marito andava spesso da Lei. E ogni volta che andavano, Madre chiedeva: “Perché lei ha paura?” ma loro non sapevano quale fosse la paura in me. Poi, per fortuna, ebbi la possibilità di incontrare Madre e Lei mi chiese: “Qual’è la causa della tua paura? Perché hai paura? Tu hai fatto così tanti parti (perché sono una dottoressa). Perché hai paura?” Allora dissi “Shri Mataji, ho un dolore nella parte bassa della schiena che è davvero insopportabile” Così Lei disse “Va bene, siedi” E tenne il Suo piede di loro sulla mia schiena. Poi mi chiese “Senti qualcosa?” Allora qualcosa di caldo cominciò ad uscire dalla mia fronte. E quando andai a casa, il 95% del dolore se n’era andato. Dormii e al risveglio anche il 5% rimasto se n’era andato. Quindi il giorno dopo il 100% del dolore se n’era andato. Così in questo modo Lei si prese una cura speciale e durante la nascita anche Lei mi diede un tessuto e chiese di farne una camicia da indossare durante il parto. Fu incredibile che riuscii a fare un parto indolore anche senza anestesia. Poi diede il nome di Devdat al bambino. Lei chiese al ginecologo che disse “Non le abbiamo dato nessuna anestesia e lei ha partorito senza dolore”. Fu così che mi benedì. Quindi, qualsiasi problema avete, sedetevi di fronte alla foto, parlate a Shri Mataji e la soluzione arriverà. Io facevo il pediluvio. Poi le persone andavano, Lei chiedeva “Perché lei sente così? Perché pensa in quel modo?”
Ho voluto condividere questa esperienza per coloro che sono venuti in SY dopo che Shri Mataji ha raggiunto la sua Nirakar Swarupa. Quindi, se hanno un qualche problema, magari pensano che siccome Madre non è più nella Sakar Swarupa [nella forma umana] allora non sia possibile risolverli. Questo è il motivo per cui ho voluto mostrare che Nirakar Swarupa e Sakar Swarupa sono la stessa cosa. Anche nella Nirakar Swarupa Lei è fortemente presente come lo era in Sakar Swarupa.

Con tutte queste esperienze, siamo approdati al Centro Salute guidati da Lei – mio suocero era là poi come direttore del “Vashi International Sahaja Yoga Research and Health Centre”, e dopo che lui ci ha lasciato Madre ci ha condotto al Centro di Vashi per darci un’opportunità là. E quando arrivai là, imparai, perché prima di allora non avevo lavorato su nessuno yogi. Non avevo mai dato una realizzazione. E quella fu la svolta. Ero una principiante, ma, quando sedetti per la meditazione e avevo due figli, uno di soli 11 mesi, chiedevo a Madre “Madre, come ce la farò? Mi hai chiesto di prendere il comando, ma non so niente. Cosa devo fare?” Ottenevo esattamente una risposa “Fallo!”. Piano piano mi istruì su ogni tecnica. Perché lui aveva molta esperienza e conosceva tutte le tecniche, mentre io avevo solo lavorato su me stessa e mio figlio.

Durante la gravidanza, come ho detto, avevo paura di quel dolore che avevo. Per questo motivo, mio figlio prendeva il raffreddore molto spesso. Così Madre disse che lui prendeva il raffreddore spesso perché il suo lato sinistro era debole a causa della mia paura. Quindi Lei diede vibrazioni a del kerosene, a dell’olio di mostarda e chiese di massaggiare il piccolo con quello per rendere il suo lato sinistro più forte. Mi chiese di massaggiare proprio con olio di mostarda vibrato. Inoltre quando lui ebbe diarrea, Lei mi chiese di massaggiare il bambino con ghee proveniente da latte di mucca. Ghee è burro chiarificato. Mi chiese di massaggiare il bambino dal collo in giù con il ghee e la diarrea venne curata.
Questi sono piccoli trucchi, sapete, che abbiamo appreso da Lei. Altre cose che ci chiese, per esempio, di farci un massaggio sulla testa. Mettere olio sulla testa e massaggiare. Ci disse di pettinare i capelli all’indietro. Il troppo ego ha reso l’infante senza capelli, anche nella società occidentale. Troppo pensare e pianificare fa perdere i capelli. Così ci ha chiesto di fare un massaggio con olio di cocco e c’è anche un olio chiamato japakusum. Così quando ha vibrato quell’olio, dobbiamo mischiare in egual misura (proporzione) olio di cocco e japakusum e poi fare un massaggio. Questo aiuta con la perdita di capelli. Oppure olio di cocco puro. Queste cose ha detto sui capelli.

Sui bambini piccoli, se hanno diarrea, Lei ha suggerito di massaggiare con ghee di mucca dal collo in giù, ma non sulla faccia. E se il bambino ha gas nello stomaco e dolore allo stomaco, allora l’ajwan che abbiamo – la madre deve masticare l’ajwan e poi metterlo sull’ombelico del bambino, poi deve mettere un asciugamano caldo sull’ombelico del bambino. Così il gas è espulso e il mal di stomaco va via. Queste sono cose che vorremmo condividere con gli yogi e che vengono direttamente da Lei. La madre deve masticare l’ajwan, metterlo sull’ombelico del bambino, e poi mettere un caldo panno di cotone sull’ombelico del bambino, così che il gas è espulso e il dolore se ne va. Queste sono le cose che ha detto.

Quando arrivai al Centro Salute di Vashi, come ho detto, ero una neofita, non avevo idea dei trattamenti. Ora tutti sappiamo che quando si lavorano i chakra di qualcuno di dietro si va in senso antiorario. Mentre quando si lavora di fronte si va in senso orario. Ma io non lo sapevo. Comunque, quando lavoravo, alzavo la Kundalini e gli yogi lo sentivo e anche io lo potevo sentire. Qualche dottore senior mi disse “Signora, invece di andare in senso antiorario sta muovendo la mano in senso orario” Io risposi “Non sapevo si dovesse muovere in senso antiorario, ma gli yogi lo sentono”
Allora ho capito che, certamente dobbiamo muovere la mano in senso antiorario, ma anche se ci si sbaglia per ignoranza e la si ruota in senso orario, se l’attenzione è su Madre, allora in qualche modo funziona. Quindi quello che effettivamente funziona è la nostra attenzione. Quindi se l’attenzione è ai Piedi di Loto di Madre, anche se non sapevo nulla di SY, sapevo molto poco, come alzare la Kundalini e il Shri Ganesha Atharva Sheersha, ma funzionava. Quindi si basa tutto sulla nostra attenzione e, come dice Madre in molti discorsi, più siamo vuoti – come flauti – e meglio Lei può lavorare attraverso di noi. Quindi, troppa conoscenza potrebbe intralciarci; meglio essere arresi e lasciare che, come si dice, l’innocenza lavori attraverso di noi in maniera splendida.
Così, questo è come al Centro Salute, senza sapere molto, lasciavo che Lei dirigesse e ha funzionato splendidamente e grazie a Lei dal profondo del cuore per tutto quello che ha fatto per aiutarci per la nostra crescita spirituale. Detto ciò, passerò il microfono a mio marito. Lui condividerà alcune esperienze e poi risponderemo ad alcune domande e possiamo anche guidarvi attraverso ciò che dite. Molti di voi potrebbero sapere dei catch dei chakra e a cosa conduce ciò.

(22:40) Mr. Dr. Rai: possono avere un po’ di carta e non hanno bisogno di scrivere il loro nome se avete bisogno di chiedere qualche chiarimento. Potete scrivere su dei foglietti e darli a loro e piano piano ce li porteranno. Potete anche scrivere il vostro nome se volete, ma se avete qualche problema vostro o di qualcuno, potete scriverlo e darlo.

Nel frattempo vi dirò che, proprio vi diceva lei, delle procedure e tutto il resto. Quello che ho notato in SY è che si può andare agli estremi con le procedure e le tecniche e i rituali. E io stato giusto… continuo a leggere e guardare i discorsi di Madre e tutto e proprio prima di venire qui stavo leggendo un discorso dove Lei diceva ad uno yogi che “non ci sono tecniche in Sahaja Yoga”. No ci sono tecniche. Una volta stavo parlando in un seminario di SY. Ero molto nuovo al Centro Salute. Così la prima volta, un fine settimana del 2001, mi hanno portato… – in India c’è anche un Trade Centre, ci hanno portato là. Parlavo di SY e un praticante di un altro yoga era là – Raja Yoga o qualcosa del genere – mi approcciò e mi disse “Tu stai dicendo tutto, ma qual’è la tecnica? Qual’è la tecnica” Ecco, quando dite che usiamo la foto di Shri Mataji, allora queste persone scientifiche o logiche cominciano a discutere questo. E c’era una grande folla. C’era un’esposizione là e avevamo una sala dove c’erano molte persone e questo tizio cominciò a coinvolgermi nella sua conversazione “Qual’è la tecnica?” allora dissi “Non c’è nessuna tecnica” Quale dovrebbe essere la tecnica di una madre che insegna al proprio bambino, sapete. Come cammina, come si veste, come allena con le sue tecniche, come allena a parlare. Quale tecnica usa una madre per insegnare al proprio figlio?” Dissi “La tecnica è naturale per te. Se devi evolvere, se il bambino deve crescere, deve essere sotto la cura di sua madre. Così una persona che voglia evolvere spiritualmente ha bisogno di una madre.” Il più grande guru è vostra madre. Per un bambino il guru è la madre. E per la spiritualità hai bisogno di un guru e Shri Mataji è la nostra madre e il nostro guru.
Quindi cercheranno di coinvolgervi nella storia delle tecniche, ma in un discorso Shri Mataji disse che non ci sono tecniche, che ci sono solo le vibrazione, il modo in cui arrivate a conoscere le vibrazioni correttamente.

Non ci sono tecniche nel senso che questo è quello che Shri Mataji ha detto in uno dei Suoi puja. Capitò un giorno di eclipse che era un giorno auspichevole secondo i Panjan. In India, ci sono dei giorni che sono considerati di buon auspicio. Così, segnarono quel giorno molto auspichevole e i sahaja yogi stranieri lo scelsero per un puja. Ma notarono che in quel giorno ci sarebbe stata un’eclissi di sole e così si sentirono confusi e chiesero “Madre, nelle scritture è scritto che questo giorno è molto auspichevole che se si fa un puja in questo giorno si possono ricevere i benefici di qualcosa come cento puja. Ma allo stesso tempo quel giorno c’è un eclissi per alcuni minuti, solo cinque, sette minuti. Allora, Madre, dovremmo rinunciare a fare il puja? Perché sembra che l’eclissi duri poco, solo pochi minuti. Ma quel giorno è così auspichevole che ci darebbe le punyas di un centinaio di puja”
Così Madre rispose “Vedete, usate la vostra conoscenza sottile per sistemare la cosa. Le scritture dicono che è un giorno molto auspichevole e volete sapere che fare. Allora cercate nel lato sottile, andate e vedete le vibrazioni” e Madre disse “Ora, se vedete le vibrazioni, il vostro lato destro comincia a scaldarsi. Sappiate che non è bene fare un puja in un giorno di eclissi solare. E lo sapete in pochi minuti. Altrimenti, voi cercherete nei libri, nelle scritture, andrete da persone diverse, ma è sulle vostre mani che conoscerete la risposta”

Ed è così che Lei dice che non esiste tecnica in SY. Solo diventando sottili e usando la vostra consapevolezza vibratoria potrete essere guidati verso la verità. Così, come diceva lei, dobbiamo seguire questo processo di purificazione, ma se fatto con innocenza, in arresa a Shri Mataji, anche se la procedura non è perfettamente corretta, in senso orario o antiorario, comunque funzionerà. Funzionerà. La dedizione, l’amore, l’innocenza verso Shri Mataji quando si parla a Lei come bambini – questa è la mia personale esperienza. Parlo alla foto di Shri Mataji proprio come un bambino parlerebbe alla madre. Molto, molto normalmente e il 95 – 97 percento delle cose funzioneranno e quello che rimane, se non funziona, molto probabilmente è per il mio bene. Poiché come bambino non lo sai, allora chiedi cosa che non sono buone per te. Ma se innocentemente parli con Shri Mataji come se fosse tua madre e semplicemente chiedi a Lei: Madre, questo è il problema. Questa persona chiede dei soldi, è mio amico e devo darglieli ma so che potrebbe non ritornarli, cosa dovrei fare? Questa cosa sarebbe così bene sistemata che non avresti nessun problema.
Altrimenti, se avessi vibrazioni molto buone, il tuo sistema sottile fosse molto pulito e avessi una consapevolezza vibratoria costante; ma la mia esperienza dice che avere una costante consapevolezza vibratoria tutto il tempo non è possibile. Quindi il prossimo livello è – la prossima cosa che uno può fare è, se non sei sicuro della consapevolezza vibratoria, puoi essere come un bambino che parla alla foto di Madre e questo è molto, molto efficace. ??? [non chiaro]

Allora c’era uno yogi, ancora c’è, uno yogi in Pune che era molto giovane – ora è di mezza età – ma era molto giovane una decina di anni fa. Suo padre era molto malato. Lo portò all’ospedale, a Vashi. E quello stava soffocando, quasi soffocando là. (Mrs Rai) si prendeva cura principalmente si cose di SY e della gestione. Io mi occupavo di problemi di medicina moderna e SY e cose così. Allora mi hanno chiamato perché quella persona era molto malata e poteva morire da un momento all’altro e ce lo hanno portato anche se non avevamo nessuna medicina in quel posto. Ma io ero attaccato esternamente ad un ospedale moderno, così ero sempre supportato da quello anche quando stavo al Centro. Così, se una persona era molto malata la potevo portare nell’ospedale esterno se aveva bisogno di medicina moderna, gestirlo e poi riportarlo indietro. Quindi questo tizio mi supplicò: per favore tieni mio padre qui per una notte e poi lo porteremo per l’operazione domani. Io risposi “Ma potrebbe non sopravvivere, vede, sta soffocando”. Aveva un cancro alla gola per questo stava soffocando, era un caso senza speranza. Mi arresi al caso e lo tenni al Centro. Quindi dissi “Lo terrò per qualche ora, ma poi bisogna portarlo”. Ero di guardia nella stanza, così se qualcosa fosse successa lo avrei portato.
Dopo un’ora, questi cominciò a tossire troppo e lo abbiamo portato via. Andò all’ospedale militare, un grosso ospedale militare e un famosissimo chirurgo lo avrebbe operato. Lo portarono in sala operatoria. Ora questo tizio era un sahaja yogi molto innocente, una persona giovane che è un professionista informatico. Disse al dottore militare, dandogli una foto di Shri Mataji, “Per favore, la tenga nella sala operatoria”. Il dottore replicò “Non teniamo fotografie nella sala operatoria, non si può fare”. Allora il giovane lo pregò a mani giunte “Per favore tenete la foto di Madre mentre lo operate”. Alla fine il dottore chiese al suo assistente di mettere la foto da qualche parte vicino a quest’uomo, non sapeva se il padre sarebbe sopravvissuto o no, quindi accontentiamolo.
L’operazione andò avanti per tre ore, era una grossa operazione e quando uscirono, il giovane si avvicinò e disse “Dottore, come sta mio padre?” il dottore rispose “Sta piuttosto bene. Ma chi è la foto du questa Signora che mi avete dato?”. “È la foto di Mataji” “Vostra madre?” “Sì, sì, mia madre”. Il dottore obiettò “È la tua vera madre? tua madre terrena?” “No, no, è Shri Mataji ed è il mio guru”
Il dottore lo portò nella sua stanza e disse “Mi dica di più di Lei” e lui era un chirurgo moderno scientifico who non seguiva la spiritualità o niente del genere. “Perché me lo chiede? Che è successo? Ve lo dirò, ma perché me lo chiede? Non volevate che ci fosse la foto nella sala operatoria prima”. Il dottore rispose “Vede, ho visto la cartella clinica di sua padre che attestava che lui avesse un cancro di 13 centimetri, così doveva essere, da qui a qui. Ma quando ho aperto, ho visto solo tre centimetri, non so dove sia andato a finire il resto. Sono completamente esterrefatto. Cosa avete fatto?”
Il giovane rispose “Ho pregato Shri Mataji e Lei deve averlo fatto” e il dottore “Ma non è solo quello, il fatto che 10 centimetri di cancro sono spariti. Mentre cercavo di togliere quei 3 rimanenti, la struttura era tutta ingarbugliata e non sapevo in che punto recidere, ero confuso. Ma poi ho guardato la foto e questa foto mi ha guidato su come operare. Era come se questa Signora mi aiutasse ad operare. Ma come è possibile?” Aveva la foto a vista e lo guidava nell’operazione, ed era come se parlasse e dicesse: Pensi che sia solo una foto? Pensi davvero che sia solo una foto?
Il dottore era davvero meravigliato: non solo il cancro si era ridotto, ma Lei lo aveva anche guidato nell’operazione. Voleva assolutamente sapere come era successo.

La foto di Madre è così potente anche per chi non è un sahaja yogi. Per cui quando vediamo la foto di Madre, dobbiamo ricordarci che non solo una foto, c’è la reale Shri Mataji là.

This is live Shri Mataji there. They put us in Kesa [vague?] forming for staying [ …word uncertain]. Every photograph I am seeing wherever I am going be it sitting to meditate, it is a live photograph. It is a living, it is a… – Shri Matajis power here is living. In the photograph I just feel any time the eye will blink and I know if it blinks then I’ll faint so it would thought me. But it feels any moment it will blink, the eye. You see the eyes of my mothers photograph. Even this photograph. Even this photograph. It’s absolutely life photograph. Photograph that I’m not been to castle yet. So, photographs of Shri Mataji, specially those photographs which have been prayed on, which people have prayed, have done pujas and prayers and are in vibrated places. My experience is that they are full of energy, they are living photographs.